Come comportarsi con un amica che soffre di disturbi alimentari?

Inviata da Emma · 12 giu 2017 Disturbi Alimentari

Ciao, una mia amica è ormai da un anno soffre di disturbi alimentari.
Un anno fa aveva iniziato a non uscire più neanche per un aperitivo perchè il sole pensiero di dover mangiare in presenza di altre persone le metteva ansia. Poi sì è convinta e ora si sta facendo seguire da psicologo, psichiatra e dietista!Per un pò di mesi sembrava andasse meglio.. sia a livello di "cibo" sia a livello psicologico.. rispetto all' inizio era tornata la mia amica capace di sorridere veramente e non fingendo come faceva prima. Ovviamente aveva i suo momenti no.. ma mi parla si confidava e sapevo come aiutarla.
Ora è di nuovo da un mese che è peggiorata.. ha ricominciato a mangiare davvero poco, quasi niente e a chiudersi, a confidarsi poco, di nuovo a non uscire.
Io mi sento malissimo perchè non so come aiutarla, mi sento inutile, non so come comportarmi ora che è di nuovo così drastica la situazione!
Come ci si deve comportare con le ragazze, le amiche che soffrono di questi disturbi?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 GIU 2017

Gentile Emma,
i disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono patologie complesse e non facili da trattare ma l'èquipe a cui la sua amica si è affidata, dovrebbe poterle dare un valido aiuto nei tempi dovuti.
Lei, come amica, può darle solo un aiuto para-professionale offrendole vicinanza, compagnia e incoraggiamento, cose che sono, a differenza di quanto potrebbe pensare, molto utili.
Ingiustificati e non utili sono invece eventuali suoi sensi di colpa.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7085 Risposte

20209 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2017

Gentile Emma,

consideri che questi disturbi sono complessi da trattare e che possono esserci delle deflessioni nei risultati terapeutici. Tuttavia contrariamente rispetto al passato, adesso la sua amica è seguita da una buona equipe. Per quanto riguarda lo starle vicino le consiglio di non parlare di cibo o di argomenti connessi (sebbene sia molto difficile) e di dimostrarle in altro modo il suo affetto e la sua amicizia.

La saluto cordialmente

Dott.ssa Silvia Picazio

Dott.ssa Silvia Picazio Psicologo a Roma

343 Risposte

123 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24100

domande

Risposte 86750

Risposte