Come comportarsi con la ex

Inviata da Giuliano · 24 ago 2018 Terapia di coppia

Buongiorno, sono in completa confusione e non so come comportarmi. Sono stato lasciato dalla mia ex poco più di un mese e mezzo fa dopo sette anni, come un fulmine a ciel sereno (ci siamo confrontati e lei mi ha detto in modo esplicito che mi sentiva ormai come amico e non più fidanzato, e che comunque nutre un grande affetto nei miei confronti, più altri problemi di rapporto). In queste settimane sono stato molto male inizialmente, poi a poco a poco ho iniziato a metabolizzare e conoscendo la sua decisione non mi sono più fatto sentire perché a mio parere non c'era più niente da fare, e volevo "disintossicarmi" da lei. Prima di ferragosto l'ho contattata per mettermi d'accordo per andare a prendere le cose in appartamento cui dovevamo iniziare la convivenza, la maggior parte tutti i regali nuovi fatti da mia madre, la quale mi aveva preparato una lista con l'elenco. La mia ex in primis non le è andato giù che volessimo le cose indietro, più alla vista della lista si è incazzata a morte. Sono riuscito a prendermi le cose e qui ci siamo lasciati così. Sono poi riuscito ad andare in vacanza in Spagna ospitato da un mio amico, e alla vista su Facebook di qualche foto ha cominciato a mandarmi messaggi freddi sul cellulare tipo senza salutare:"ti sei trasferito in spagna? ecco perché avevi tutta questa fretta di portarti via le cose"; ecco io ho risposto in modo pacifico che avevo bisogno di svagarmi e che mi scusavo se si era arrabbiata in quel modo che non era mia intenzione. Nessuna risposta. Arriviamo a inizio di questa settimana, cui ho ripreso il mio lavoro di libero professionista e mi scrive come se niente fosse in modo educato se potevo andare in ufficio da lei della sua azienda per un lavoro. Io combattuto ho accettato perché il lavoro è sempre lavoro. Abbiamo avuto un altro confronto, sempre in modo pacifico ritornando sugli stessi temi. Inoltre voleva sapere tutto quello che avevo fatto in questo periodo che non ci siamo visti, compreso con chi sono uscito (visto che mi diceva che ero solo), dei miei genitori , della vacanza com'è stata, mi faceva un sacco di domande. Poi ha voluto abbracciarmi, io così impreparato sono stato fermo come un albero. Ecco, sapendo che una tipa invidiosa e anche un po' ipocrita (mi ha detto che al momento non si sente con nessuno, non vuole nessuno sta bene così, per poi dirmi alla fine che si sta sentendo con due, non so neanche se si sia accorta di averlo detto, io sono morto dentro), il tutto mi ha lasciato in confusione e un po' di paura di come comportarmi. Ora mi scrive per questo lavoro, con tutte le faccette e carina ecc. Non è che lo fa perché vuole sapere cosa faccio, per far vedere com'è serena, superiore, e perché vuole farmi vedere cos'ho perso? Io ogni volta che la vedo e la sento mi sento tornare indietro, come quando si presenta una dose a chi si sta disintossicando, perché comunque provo ancora qualcosa. Non so più cosa fare…

Un caro saluto
Giuliano

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 AGO 2018

Gentile Giuliano,
è poco comprensibile il motivo per cui la ex si è tanto arrabbiata per il fatto che lei voleva recuperare i regali di sua madre, tanto più che è stata della stessa ex la decisione della rottura della relazione.
Inoltre, a mio avviso, proprio perchè lei prova ancora qualcosa per questa donna, ha fatto male ad accettare quel lavoro e quel tipo di interazione che ha descritto mettendosi nella condizione di essere manipolato.
Quello che lei potrebbe fare è di farsi aiutare in psicoterapia a voltare pagina e dedicare i suoi sentimenti di amore ad una donna che li merita.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20591 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 AGO 2018

Buonasera Giuliano,

La fine di una relazione porta sempre dolore e perdita di equilibrio, soprattutto se eravate insieme da sette anni e c'erano dei progetti a breve termine da intraprendere insieme. Certo che lavorare nella sua azienda (ho capito bene?) non deve essere semplice, vederla tutti i giorni porta sicuramente ad ulteriore dolore ed è un pò come se non riuscisse a voltare pagina e dimenticarla. L'esempio che porta sulla dose e su chi si sta disintossicando è perfetto. Se il lavoro è importante e non ha alternative le posso solo consigliare di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona. L'aiuterà ad affrontare la perdita e a renderlo più sicuro e meno vulnerabile.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva.

Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1666 Risposte

1182 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2018

Buongiorno Giuliano,
la rottura di una relazione che stava per avvicinarsi ad una convivenza può essere difficile da gestire.
Sicuramente i comportamenti messi in atto dalla sua ex compagna non la aiutano a fare chiarezza e questo la fa sentire confuso e spaesato.
Potrebbe esserle d'aiuto una consulenza, online o da uno psicologo della sua zona per comprendere a fondo quello che sta succedendo dentro di lei per agire al meglio, in questa situazione complicata.

Cordialemente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

401 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94300

Risposte