Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come comportarmi in vista dell'imminente separazione tra i miei genitori?

Inviata da Mia · 27 mar 2019

Buonasera, vi riporto la mia situazione un po' complicata, sperando di risultare chiara: non ho mai avuto un bel rapporto con i miei genitori. Mia madre è una donna di carattere piuttosto debole che ha fatto molti sbagli con me, in passato ha avuto problemi di alcolismo che ho dovuto sopportare negli anni successivi all'infanzia. Mio padre ha viaggiato molto per lavoro e non è stato stabilmente in casa se non dalla mia adolescenza, ha un carattere dominante, polemico, pesante. Tra di loro non è mai andata bene, l'ho sempre visto e ho imparato a sperare, nel tempo, che si separassero ma non è successo e io ho sofferto moltissimo per questo. Si è creata una situazione di prigionia sia per me sia per mamma, sospetto anche per papà, nonostante il suo carattere imprevedibile e verbalmente aggressivo oggi penso che si senta anche lui soffocato.
Vengo al punto: recentemente, mia madre mi ha confidato di avere un'altra storia e di avere intenzione di separarsi, prendendo una casa con quest'altro uomo, disposto a lasciare la sua vita per trasferirsi nella nostra città, con suo figlio e mia madre. Lei si è mostrata impulsiva e innamorata, questa cosa mi ha sconvolta perché, al di là dell'assurdità delle dinamiche, non credevo che le sarebbe servito un altro uomo per prendere coscienza del fatto che non fosse felice da tempo. Mi ha detto che ci ha provato in tutti i modi ma che il matrimonio, per lei importante e sacro, non funzionava e bisogna "accettarlo".
Trovo ancora disarmante la facilità con cui ha voluto rendermi sua complice, in quanto ha voluto confidarlo, al momento, soltanto a me. Voleva essere onesta nei miei confronti ed è tutt'ora convinta che rendermi la prima fosse la cosa giusta da fare. Io mi ritengo una persona pratica e concreta, ho detto fin da subito che non le porto e non le porterò rancore per aver scelto di ricominciare. Certo è che le ho espresso la mia delusione per non aver pensato neanche per un momento né a trovare prima una sistemazione solo nostra né a quanto potesse essere controproducente per me risultare sua complice. Volente o nolente, mi sento costretta a coprirla perché ha bisogno di un mese di tempo per sistemare la casa in cui andranno tutti e per prepararsi lei alla "gogna familiare", che inevitabilmente ci sarà. Mi sento preoccupata e in difetto, nonostante siano separati in casa da anni non ho idea di come mio padre reagirà, né nei suoi né nei miei confronti. Inoltre, non sono del tutto sicura di dove vorrò andare ad abitare. L'idea di rimanere sola con mio padre non mi aggrada, ma nemmeno ritrovarmi nella casa di "mia madre e un altro", con il figlio di costui come dirimpettaio. Non ho la possibilità di spesarmi andando a vivere da sola, al momento, sto studiando per laurearmi e i soldi che prendo, lavorando nel contempo, non sono sufficienti.

Grazie in anticipo a chiunque vorrà condividere un parere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 MAR 2019

Buonasera Mia comprendo la difficoltà della situazione in cui sei. Hai parlato con tua madre della possibilità di vivere in un primo momento da sole ?
Concretamente cosa potresti fare ?
Hai dato per scontato che la convivenza con tuo padre possa non andare bene , non conosci il compagno di tua madre per cui non puoi sapere come sarebbe vivere con loro.
Quale potrebbe essere il male minore per te ?

Resto a disposizione

Dott.ssa Luigia Cannone Psicologo a Rimini

140 Risposte

90 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte