Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come capire se mio padre ha un problema psicologico e se ce l'ho io?

Inviata da Anonimo · 12 ago 2013 Terapia familiare

Elenco delle esperienze cosicché possiate indicarmi l'azione più giusta da intraprendere:
- quando ero piccolo mi picchiava;
- ha una comunicazione aggressiva (volume di voce troppo alto anche in orari non consoni, espressione del viso quasi sempre arrabbiata, ecc. );
- fa fare a mia madre le cose che potrebbe fare lui, anche se mia madre ha da fare perché lei già fa i servizi di casa (ad esempio non mi accompagna in stazione quando devo andare, sebbene ha il tempo dato che è in pensione);
- gioca a poker online più di 4 ore al giorno, soprattutto di notte, quindi si sveglia tardi la mattina (12-13);
- fuma;
- all'improvviso parla di cose che non hanno un nesso logico col discorso che si sta facendo;
- pensa di avere sempre ragione, pensa di essere migliore degli altri e che gli altri pensino di essere inferiore a lui, pensa di conoscere tutto;
- non ascolta, quindi non capisce il pensiero altrui;
- nota solo ciò che c'è di negativo nel mondo;
- si lamenta sempre di tutto senza trovare soluzioni;
- non ha amici con i quali uscire;
- dà tutte le colpe all'esterno;
- rinfaccia gli errori altrui e non riflette sui suoi;
- ha dei vuoti di memoria avendo 65 anni;
- dice molte bugie;
- se non fosse per mia madre, vivrebbe nel disordine;
- si offende per poco e mantiene il broncio per molto tempo;
- non rispetta il pensiero altrui;
- non si fida di me;
- non ha voglia di insegnarmi nulla;
- si vanta;
- prova piacere a dare fastidio;
- quando vuole dire una cosa non pensa prima se può arrecare disturbo all'interlocutore che potrebbe star facendo qualcosa;
- dice sempre le stesse cose, ripete una frase più volte di seguito;
- ricerca sempre l'attenzione;
- compie gesti inquietanti (quando stiamo mangiando e deve prendere la frutta dal cesto, apre la mano tenendo le dita leggermente piegate ma tese tipo a mo' di strangolamento e nel frattempo fa un'espressione di rabbia);
- non riconosce i meriti altrui e non ringrazia.

Io personalmente mi sento bene perché oramai sono grande ed ho la mia vita. Ma vorrei capire se posso aiutarlo o se potrebbe essere un problema mio.

Grazie mille

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 AGO 2013

Caro Michelangelo, le indicherei la terapia emdr.
Cordialmente, dr. Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

679 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 AGO 2013

Caro Michelangelo,
potrebbe far consultare suo padre da uno psicologo, dove vi sarà consigliato come fare. Il quadro che lei descrive corisponde a un problema non risolto nella infazia dell suo padre. Sono certa che riuscirà dopo una adeguata terapia di capovolgere il suo comportamento. Non è mai tardi.
Buona fortuna.

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

139 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2013

Gentile Michelangelo,
il quadro che descrive è denso di problematiche e nonostante lei ormai sia adulto e abbia la sua vita forse qualche residuo di dolore per quello che ha passato ogni tanto potrebbe farsi sentire. Suo padre potrebbe realmente avere dei disturbi psichici o un disagio psicologico, ma è necessario che senta in prima persona uno stato di malessere per potersi rivolgere a qualcuno che possa aiutarlo. Sembra però che la situazione coinvolga l'intero nucleo familiare, quindi forse occorre riflettere sul benessere della famiglia nel suo complesso e rivolgersi ad un professionista che possa aiutarvi.
Un cordiale saluto,
dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

468 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 AGO 2013

Buongiorno gentile Michelangelo,
anche se ha descritto nei dettagli i comportamenti di suo padre, emerge una sua - di lei che scrive - aspettativa sia di diagnosi (impossibile da fare senza conoscere la persona, deontologicamente vietata da fare on line) e sia di paura di diventare come suo padre. Le suggerisco di indagare a fondo su questa paura intraprendendo un percorso psicologico de visu per occuparsi anche di se stesso.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2818 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 AGO 2013

Gentile Michelangelo, la situazione che decrive, carica di sofferenza, non solo per chi pare essere il "potatore del disagio", ma per l`intero nucleo familiare, quello che mi sento di consigliarle, è di non cercare chi fra tutti ha il problema psicologico, ma di pensare a quanto malessere provoca una situazione del genere in tutti i componenti della famiglia, sarebbe molto utile a mio avviso, fare degli incontri con un terapeuta familiare della sua zona.
Cordialmente

Dr.ssa Lara Orsolini c/o Studio Psicologia Pisa Psicologo a Siracusa

22 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 AGO 2013

Buongiorno Michelangelo, le cose che descrivi certamente non fanno pensare ad una persona serena, appagata e che "sta bene" (in senso ampio, al di la' della presenza o meno di "malattia"); ci sarebbero gli estremi per fare almeno una consulenza psicologica che possa approfondire la storia del suo papa' e le sue difficolta' affettive e caratteriali...
Ma mi chiedo e le chiedo... suo padre percepisce di avere un problema?
Dalla descrizione che ne fa direi di no... E allora come pensate di poterlo convincere ad andare da uno psicologo?
Se ha un buon rapporto col medico di base, questi potrebbe essere un tramite...
Tanti auguri per il papa' e in bocca al lupo per la tua vita!
Dott.ssa R.M. Scuto

Dott.ssa Rosa Michela Scuto Psicologo a Pontedera

76 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 AGO 2013

Egregio signor michelangelo,
l'unica maniera per capire se una persona è affetta da psicopatologie (disturbi psicologici) è quella di sottoporsi a valutazione clinica e se necessario anche con test psicodiagnostici presso uno psicologo esperto in psicodiagnosi o anche psicoterapeuta nel caso poi servisse una cura
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1567 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 AGO 2013

Gentile Michelangelo,
per comprendere se alla base del comportamento di suo padre ci possa essere o meno una psicopatologia, bisogna necessariamente fare una valutazione con il diretto interessato. On-line non è possibile ne fare diagnosi ne considerazioni troppo specifiche, soprattutto per interposta persona.
Lei quanti anni ha? Vive con i suoi genitori? Ha un lavoro, una relazione sentimentale?
Potrebbe essere utile consultare uno psicologo vis a vis per cercare di comprendere come nascono questi suoi timori, soprattutto all'interno della relazione con suo padre.

Cordiali saluti,
dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

737 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22600

domande

Risposte 83700

Risposte