Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come capire dove vuole arrivare il mio ex?

Inviata da Micol il 1 ott 2014 Terapia familiare

Buongiorno.
Mi sono separata poco più di un anno fa perché non amavo più il mio compagno e non mi sentivo amata da troppo tempo. Abbiamo una figlia di 11 anni che vive con me ed abbiamo deciso ogni cosa a riguardo con molta tranquillità. E' stato un anno segnato da mesi di convivenza da separati, con crisi sue tremende, poi finalmente 6 mesi fa la pace, trova casa, conosce il grande amore e ricomincia a far progetti, identici a quelli fatti con me 15 anni prima (!!!). Il mio ex però ora ha avuto la brillante idea di venire ad abitare a 30 metri da casa mia con questo grande amore, col quale sta facendo tutto quello che con me ha solo progettato, mettendomi al corrente di ogni particolare perché forse deve farmi pagare la separazione o perché mi ha presa per sua mamma, non lo so. Io veramente non so cosa pensare tranne a strangolarlo perché tanta stupidità non è guaribile... Rabbia a parte so che non posso farci nulla e non ho intenzione di andare via io. Cerco solo una parola di conforto per me che non riesco a scollarmelo di dosso ( pensavo che questo grande amore fosse abbastanza, ma pare che così non sia…. credo che voglia ancora me, ma non lo ammetterà mai, neanche con se stesso, e con vuole non intendo ama…) e un consiglio per come gestire sia la mia rabbia che la preoccupazione per un'eventuale confusione che potrebbe generare in mia figlia questa anomala vicinanza.
Grazie a quanti risponderanno.
Buona giornata.
Micol

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile signora Micol,
più che un (troppo riduttivo) "consiglio" on line penso sia bisogno non solo di uno psicologo clinico per valutare la situazione e la ricaduta emotiva pesante su di lei, ma anche di uno psicologo legale. meglio se lo stesso professionista ha entrambe le competenze.
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1560 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ci vuole tempo a legarsi, ci vuole tempo a separarsi e tutto ciò non è indolore e neutro. Sentimenti di rabbia, paura,dolore sono normalissimi come confusione e disorientamento. Le consiglio di fare qualche seduta di sostegno psicologico per poter comprendere meglio il suo vissuto e sopratutto per poter supportare meglio sua figlia in questo non facile processo di accettazione. I figli devono essere rassicurati e tutelati e spesso i genitori non riescono a farlo perché sono totalmente assorbiti dai propri vissuti inerenti il legame coniugale appena chiuso. Auguri per la sua vita Dottssa Rosanna Tartarelli

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Micol,
prima di tutto ti dovresti chiedere il motivo della tua arrabbiatura? è gelosia? o patti non rispettati da tuo marito? sei sicura di non essere arrabbiata perché non sei più nei suoi progetti? se non ami più il tuo compagno perché tanta rabbia?
Per quanto riguarda la bambina sicuramente una spiegazione chiara di che cosa sta succedendo potrebbe aiutarla a comprendere: "il papà ha una nuova compagna e si è trasferito qui vicino per vederti": potrebbe essere un buon compromesso per una figlia.
Un caro saluto Dott.sa Paola Madesani

Dott.sa Paola Madesani Psicologo a Brescia

82 Risposte

138 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Micol
la sua lettera mi appare un pochino enigmatica e confusa per il fatto che c'è uno "stacco" tremendo tra la prima e la seconda parte.
Mi spiego meglio: nella prima parte della lettera lei sembra molto tranquilla e razionale nel descrivere la separazione da suo marito dicendo che non lo amava più da molto tempo e che, altrettanto, non si sentiva amata da lui, descrive di aver risolto tutto con molta tranquillità; unica nota stonata le tremende crisi di lui (che evidentemente tranquillissimo non era!).
Nella seconda parte della lettera c'è un grande turbamento ed una grande emotività dove lei esprime rabbia e molto rancore nel dire che ora lui ha un "nuovo grande amore" e fa nuovi progetti ecc ecc.
Sebbene possa comprendere il fatto che questa situazione di "vicinato" possa creare qualche disagio (ma anche qualche vantaggio forse per la gestione della bambina ad esempio) sinceramente non trovo coerenza nel suo "Sentire".
Lei dice che col suo ex marito ha fatto la pace 6 mesi fa...che tipo di "pace" ha fatto?
Certo il comportamento di suo marito mostra qualche ambiguità , è possibile sia ancora molto confuso vista la "batosta" che ha avuto con la separazione, ma lei che ha dipinto questo quadretto di "separazione perfetta" mi sembra altrettanto confusa se non addirittura sconvolta dalla nuova relazione di suo marito.
Comunque sono reazioni abbastanza comuni queste, ne ho viste moltissime ma non è "per amore" ...credo sia un senso di "possesso residuo" che agirebbe per entrambe dunque.
Io le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia per potersi davvero chiarire dentro e recuperare tranquillità, il fatto che suo ex marito sia ora anche un vicino di casa non mi appare come la tragedia più grande del mondo.
Cordiali saluti
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6816 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Micol,
quando si è in preda alle emozioni come te in questo momento,è quasi impossibile gestire la situazione.
Lascia sedimentare il tutto considerando che lui manifesta un comportamento immaturo e pertanto irresponsabile,attraverso una ostentazione reattiva.
Quindi , un sostegno psicologico ti può essere dato anche da qui, ma meglio sarebbe che tu chiedessi subito una Consulenza a qualche mio/a Collega di persona.
Con questo voglio farti capire che da qui manca la necessaria immediatezza comunicativa, nonché la possibilità di cercare un coinvolgimento da parte di lui, nel mettere in primo piano il cattivo esempio ed il disagio che sta procurando a vostra figlia .
Resto comunque a tua disposizione per ulteriori comunicazioni.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

628 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte