Come capire cosa si ha? Quali specializzazione deve avere il professionista?

Inviata da Jep Gambardella. 21 feb 2017 2 Risposte  · Crisi esistenziale

Salve,
Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti che mi risponderanno. Cercherò di essere breve ma più preciso possibile.
Oggi ho 28 anni. Vivo uno stato di indifferenza! Non provo più stimoli! Mi sento come se non apparterei più alla vita! Come se la vita mi vivrebbe e non l'opposto!
Mi sento solo e sento che da solo non riuscirei più a fare nulla! Sento il bisogno di qualcuno che mi stia addosso e che mi aiuti nel raggiungimento dei miei obiettivi! Cosa che prima non mi è mai accaduta. Anzi ho sempre lottato da solo in prima linea sacrificandomi per raggiungere i miei obiettivi ed mi sentivo un grande per questo. In questo ultimo periodo Fumo in modo nervoso (anche 10 sigarette in un ora) finché non mi vengono i conati. Mangio in modo nervoso e convulsivo altalenino. Ora peso 110 kg x 1,80. La mia forbice di peso e 90 kg - 120 kg che cambia in 1/2 mesi! Poi ad un punto decidevo di mettermi a dieta, carne bianca e verdure varie senza schifezze per settimane!

Lavoro da 8 anni in azienda con orario turnista (mattine,pomeriggi,notti, domenica e festivi).
Nelle more mi sono iscritto all università ed ho concluso la laurea magistrale a 25 anni.
Tra tirocini e abilitazione ora esercito anche attività di studio.
La mia infanzia non è stata bellissima!
Mio padre (padre padrone) legatissimo alla madre e a suo fratello.
Mia madre (vittima) che non sapeva gestire e spesso ci caricava di tensione e sfoghi a me e mio fratello.
Educazione rigida e ovattata da una campana di vetro. Noi eravamo i giusti e tutto il mondo era sbagliato. Non avevo amici , non sapevo relazionarmi ed mi sentivo sempre inferiore. Quando i miei litigavano e arrivavano alle mani, io li dividevo. Mi ricordo, che a 16 anni, mi promisi di abbandonare più presto possibile questa casa! Appena raggiunta la maturità economica a 23 anni comprai casa. A 24 dopo ennessime discussioni tra i miei e anche nei mie confronti abbandonai tutti e andai a vivere da solo. Lontano 30 km da casa e dal quel quartiere che non avevo mai frequentato. Non è stata facile ma stavo bene! Quella pace e tranquillità che non avevo mai vissuto! Sono stato fidanzato 2 anni con una ragazza conosciuta qualche mese prima che andavo a vivere da solo.
Ho dato tutto me stesso in questa relazione nonostante abitasse a quasi 70 km dalla mia nuova casa! Ricordo che al ritorno crollavo spesso e mi fermavo nelle aree di sosta a dormire! Ricordo le ore intere che l'aspettavo fuori il suo posto di lavoro! Ricordo che nonostante dessi tutto da piccoli e grandi cose io venivo sempre dopo tutto! Perfino del cane! Alla fine tra tante discussioni mi ha lasciato! È passato un anno e 4 mesi e ogni giorno ho dei flash back che mi ricordano tante scene! All'inizio ho reagito portandomi a letto più ragazze che potevo ma mi accorgevo che non era la stessa cosa anzi la cosa mi ha scocciato! Ho deciso di mettere in vendita casa mia perché mi da brutte sensazioni! Mi ricorda la solitudine di quando vivevo da solo e i ricordi di quando stavo con la mia ex! La cosa strana è che io vorrei ricomprare casa nella sua stessa città (la sua è una città turistica con il mare e tante bellezze anche mondane ) ma allo stesso tempo ho paura perché non vorrei rivederla!
Cosa impossibile! Io sento di essere maturato, di aver capito i miei errori e di aver capito che non era la ragazza per me!
La mia esperienza di abitare da solo è durata 8 mesi e sono tornato a casa mia solo per pressioni familiari!
Ora non esco, non ho stimoli, mi muovo solo per lavoro. Rivivo con i miei perché ormai li ho accettati per quello che sono. Vorrei trovare la forza di cambiare pagine ma non ce l'ho! Scusatemi se forse non sono stato chiaro ma per me è difficile scriverlo come parlarne ma so di avere qualche problema e vorrei guarire.

amici , capire

Miglior risposta

Caro Jep,
la storia che racconta è ricca, è intensa.
Penso ci potrebbero essere numerosi punti su cui sarebbe interessante lavorare e un percorso di psicoterapia potrebbe senz'altro esserle utile a capire meglio ciò che è successo finora e a costruire ciò che potrà accadere in futuro.
Chiede quale specializzazione deve avere il professionista a cui affidarsi, ebbene sicuramente deve essere uno psicologo specializzato in psicoterapia. Vi sono numerosi indirizzi e scuole di pensiero, nessuna, dalle ricerche fatte, si è rivelata in assoluto più efficace di altre, il mio consiglio perciò è di affidarsi ad un professionista abilitato che le ispiri fiducia e con il quale si possa trovare bene. Questo spesso vale più della scuola di pensiero del singolo professionista.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
Ho letto attentamente il racconto della sua storia e notato una grande lucidità nel rintracciare le motivazioni e gli eventi di vita che di volta in volta hanno generato sofferenza emotiva o desiderio di cambiamento.
Ho notato anche una grande tenacia nel mantenere i suoi impegni e responsabilità, anche in periodi di stanchezza, e questi sono tutti segnali di buona resilienza e capacità di fronteggiare ostacoli trovando soluzioni pratiche e utili ad andare avanti.

Quello che è meno in luce nel suo racconto sono le emozioni che ha affrontato e i sentimenti che hanno accompagnato i suoi cambiamenti: a volte sul piano razionale si va avanti anche velocemente, ma il piano emotivo ha bisogno di tempi più lunghi per elaborare eventi negativi, come separazioni/abbandoni/fallimenti, e a volte le emozioni dolorose continuano a lavorare dentro di noi provocando nel lungo termine perdita di energia, apatia, mancanza di motivazione e stimoli. È normale e superabile.

Credo che un percorso, anche breve, di psicoterapia potrebbe aiutarla a riconoscere queste emozioni ed elaborarle in modo più completo.
In genere una combinazione di terapia cognitivo-comportamentale ed EMDR, aiuta a superare sia le difficoltà nel presente sia blocchi emotivi legati ad esperienze negative del passato.

Spero di averle almeno in parte risposto,
Buona giornata.
Camilla Marzocchi
Bologna BO

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

23 FEB 2017

Logo Dott.ssa Camilla Marzocchi Dott.ssa Camilla Marzocchi

340 Risposte

163 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Quali competenze deve avere lo psicologo per il mio caso ?

5 Risposte, Ultima risposta il 17 Agosto 2017

Come fare a scegliere il professionista giusto

10 Risposte, Ultima risposta il 22 Novembre 2016

Chi sono davvero e quali sono i miei obbiettivi nella vita

2 Risposte, Ultima risposta il 02 Novembre 2015

Capire la natura umana quando l'amore diventa indifferenza e odio

1 Risposta, Ultima risposta il 20 Settembre 2016

Malpractice?

2 Risposte, Ultima risposta il 27 Settembre 2017

Un parere sulla mia storia, su mia moglie e su cosa fare

4 Risposte, Ultima risposta il 29 Settembre 2017

Difficile rapporto con mia madre. Come gestirlo?

5 Risposte, Ultima risposta il 10 Febbraio 2017