Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come allontanare definitivamente mia suocera?

Inviata da Anto il 18 mag 2016 Terapia familiare

Mia suocera e sua figlia (la quale è sposata e ha due figli grandi) sono invadenti e pretendono di gestire mio marito come fa comodo a loro. Mia suocera vive solo di visite e per i parenti e vuole gestirci anche sulle visite, e ogni volta elogia la figlia e i nipoti in mia presenza. Inoltre aiuta la figlia a livello economico, escludendo completamente mio marito, però vuole avere il comando su di lui, e vuole che ogni sera noi andiamo a salutarla e a farle compagnia. È gelosa di mia madre, che a differenza sua mi aiuta e quando ho avuto problemi anche di salute mi è stata sempre vicino. In tutto questo mio marito si è tirato fuori e dice che devo gestirmela da sola questa pessima situazione. Non so che fare, perché il mio carattere a loro non piace. Aiutatemi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Anto,
a mio parere, se suo marito la lascia da sola a gestire questa fastidiosa situazione ciò è già indice di un rapporto coniugale non ottimale e/o di sudditanza emotiva e psicologica nei confronti della madre.
E' probabile che anche la vicinanza logistica contribuisca a non scoraggiare l'invadenza di sua suocera per cui potrebbe essere una buona idea quella di scegliere una abitazione che non sia troppo vicina.
E' ovvio che questa e tutte le altre decisioni possibili dovrebbero essere prese in completo accordo tra lei e suo marito ma temo che questo accordo sia tutto da raggiungere.
E' anche evidente che la possibilità di mantenere un rapporto accettabile con suocera e cognati/e dipende da tanti altri fattori tra cui le sue competenze sociali, il suo carattere e la sua capacità di assertività, fattori che, con opportuno aiuto psicologico, potrebbero essere migliorati.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6609 Risposte

18511 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anto
è importante che lei raggiunga una posizione chiarissima circa questa situazione e che, una volta prese determinate decisioni, le mantenga.
Penso che suo marito si sia "tirato fuori" un po' per la difficoltà di gestire la situazione (trovandosi tra due fuochi) e un po' anche per lasciare a lei la possibilità di fare come vuole.
A mio parere lei dovrebbe decidere e definire i modi e i tempi che le sembrano opportuni per vedere questa persona, se poi suo marito vuole vedere la madre più spesso può anche andare da solo, dov'è il problema?
Se lei non piace a questa Signora, pazienza... non si può piacere a tutti!
Insomma sia più "filosofa" e la prenda con un pizzico d'ironia e leggerezza...a volte aiuta molto.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6740 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Come fare,, lei chiede: mettere dei limiti drastici, netti. E solo lei può metterli, nessuno può farlo al posto suo. mettendosi anche l'anima in pace che di fatto lei quella donna non piace e non può far nulla per farsi piacere per forza. Su quello non può farci niente, sul mettere invece dei limiti netti e decisi alla sua invadenza si.

Resto a disposizione
dott.ssa Chiara Pica

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

310 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anto,
sicuramente non è una situazione semplice, perchè coinvolge persone diverse,
che appartengono a livelli diversi della famiglia.
Ma se dobbiamo dare un ordine, prima viene la tua famiglia con tuo marito, poi il resto. Allora, seguendo questo, cosa fa piacere a voi? Cosa desiderate?
Quali sono i bisogni emotivi di vicinanza di suo marito verso questa madre?
Quanto riuscite a tollerare questo comportamento?
Lei dice che suo marito s'è tirato fuori, ma non credo possa stare fuori.
Intanto è necessario capire se per lui questa situazione è un problema o meno, se è difficile anche per lui allora dovete capire ciò che volete e gestirlo insieme.
Se invece suo marito non vive sofferenza di questa ingerenza, allora deve comunque starle accanto per aiutarla a gestire la cosa.
Credo che partire dalla chiarezza di ciò che volete, ciò che non tollerate e quanto siete/non siete disposti a cedere, vi permetterà di essere chiari congiuntamente sui messaggi e gestire il vostro tempo in modo più autonomo.
Talvolta i legami con le famiglie d'origine sono troppo stretti e invischianti, può succedere che i figli si sentano in debito o in difficoltà ad acquisire la propria autonomia.
Creare un proprio nucleo familiare, spostare l'investimento su questo, non significa sminuire o ridurre l'affetto per la famiglia d'origine, è un normale processo di crescita e di indipendenza, che prosegue lungo il corso naturale delle cose.
Il primo passo è costruire un unione forte, consapevole e complice nella coppia, tutto il resto viene affrontato con minor rabbia e in modo più costruttivo.
Una volta rinforzato il vostro legame, potete guardare a questa suocera con benevolenza, pensando alle sue paure più che alle sue invidie.
Non sto sminuendo le sue tirannie, ma sicuramente pensare che sia una persona spaventata aiuta a vivere con minor impatto emotivo ciò che succede.
Un grande in bocca al lupo!

Sabrina Costantini
Psicologa Piscoterapeuta Pisa- Cecina

Sabrina Costantini Psicologo a Pisa

116 Risposte

251 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78300

Risposte