Come aiutare un'amica in una situazione davvero difficile?

Inviata da manu · 21 set 2015 Trauma psicologico

Ssalve..la mia migliore amica ormai da uno o 2 mesi si sente perseguitata da tutti noi..
In particolare da me,dalla sorella e dalla madre..
Precisamente il tutto ha avuto inizio il 14 agosto do un quasi stupro..
Il 15 l'ho invitata a casa mia..da li vedendomi con la sorella..
E andata in panico dicendo che io che la conosco da ben 20 anni ormai..e la sorella volevamo ucciderla..ha tentato il suicidio per ben 2 volte in un mese..:/
Tornata dall'ospedale..sta prendendo la sua terapia..e andando una volta-2 volte a settimana da uno psicologo..
Sembrava tutto tranquillo fino a 2 giorni fa..
Quando inizia dinuovo ad aggredirmi via messaggi dicendo che nn riesce piu a parlarmi come prima..perche nn riesve a dimenticare il fatto che io e la sorella complottavamo contro di lei per ucciderla..:'(
La mia domanda e..
Come posso starle vicino..?
Come mi dovrei comportare per farla stare bene ed aiutarla?
E secondo lei torna piano piano a fidarsi di me..o mi devo rassegnare km mi dicono in tanti..?
Grazie mille per la risposta..
Mi servirebbe davvero utile x darmi coraggio..perche ho paura di perderla.. : /
Mi aiuti..grazie dell'ascolto.. :)

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 SET 2015

Gentile Emanuela,
la sua amica ha vissuto una esperienza molto traumatica che ha fatto precipitare nel delirio di persecuzione un equilibrio psichico probabilmente già fragile e instabile.
Sia lei che i familiari di questa ragazza dovrete pazientare, assicurarvi che continui le terapie e starle vicino con molta discrezione e nella giusta misura senza esagerare rischiando così di alimentare qualche altro possibile pensiero delirante.
Abbiate fiducia che col passare dei mesi e con la cura che sta facendo il recupero ci sarà e sarà lei a riavvicinarsi a voi.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 SET 2015

Buongiorno Manu,la sua amica è stata fortemente traumatizzata e, credo, stia attraversando una sindrome denominata PTDS (ovvero Disturbo Post-traumatico da Stress). Diagnosi che viene data quando qualcuno di noi è stato sottoposto ad un forte trauma o stress (terremoti, incidenti stradali,stupri, etc.) ed in seguito, presto o più a lungo nel tempo, presenta tutta una serie di sintomi anche paranoidei, come la sua amica appunto. Ipotizzo, tuttavia, che la sua amica avesse delle difficoltà (non posso sapere quali, perché non si evince niente da questo) già prima del brutale trauma subìto e che questo, naturalmente, lo abbia esacerbato. Sono convinto che per aiutarla, serva una rete di specialisti tra cui Psichiatra,Psicoterapeuti specialisti in PTDS, Medico di base (magari può essere una delle poche figure di cui, attualmente, possa fidarsi), etc.Naturalmente, affianco gli specialisti e di importanza fondamentale la presenza della famiglia e degli amici più stretti. Tale presenza, tuttavia e come già detto da alcuni colleghi, deve essere discreta ma ferma (nel senso che la sua amica deve percepirsi al sicuro attraverso la vostra presenza) e l'avvicinamento, dunque l'accorciamento della distanza fisica ed emotiva, lo dovrebbe decidere la sua amica come, quando e con quali modalità. Credo che se tutta la rete di sostegno trovasse il modo di lavorare bene insieme e far sentire la sua amica accudita, protetta ed al sicuro, piano piano (ripeto, piano piano) potrebbe tornare la persona che conoscevate prima. L'ultimo consiglio che posso darvi, è che in questi casi, come in altri altrettanto gravi, bisogna scegliere le persone giuste e non fermarsi al primo specialista o, soprattutto, a quello che abbia un nome altisonante. Cercate e fate più colloqui finché non troverete quello che vi soddisfi a "pelle", come sensibilità, attenzione, e proposte che potrebbe farvi. Certo i titoli sono importanti, i riconoscimenti da istituzioni pubbliche altrettanto, ma non basta. E' durante ogni singolo colloquio che trapela da mille indizi (alcuni li ho accennati prima) che lo specialista che si ha di fronte si rivela se sia valido. Perché insisto su questo? In un caso come quello della sua amica, sbagliare (chiaramente involontariamente) specialista potrebbe peggiorare la situazione e la sua amica, a quel punto, potrebbe chiudersi a riccio. Io e, credo (non conoscendoli), tutti i colleghi che scrivono in questo sito, prendiamo molto a cuore situazioni come queste e vorremmo che, nel trattamento di cura, tutto fosse perfetto ed ideale (qui parlo solo per me, credo), ma purtroppo non è mai così. Dunque bisogna concentrarsi all'inizio su cosa fare e chi interpellare, per permettere alla sua amica di cominciare a fidarsi almeno di qualcuno (anche una sola persona, specialista o familiare che sia). Da qui si potrebbe costruire una prima e piccola base per far entrare nel "cerchio di fiducia" anche altre persone che possano aiutarla ancora meglio.
Buona fortuna, davvero.
Dott. Massimo Bedetti, Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

723 Risposte

1077 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 SET 2015

Gentile Manu,
comprendo il suo stato d'animo, è difficile stare accanto alla sua amica in questo momento. Ha avuto una terribile esperienza di trauma che sta continuando a perseguitare il suo equilibrio psichico in modo potente.
Cerchi di starle vicino come può, Senza invadenza, con i suoi familiari, comprendo la difficoltà, ma non può fare altro in questo momento per lei. Cerchi di rassicurarla pacatamente e con delicatezza.
Ci vuole del tempo in questi casi, e pazienza.

Con i migliori auguri
Dott.ssa Martina Fabbrizzi

Dott.ssa Martina Fabbrizzi Psicologo a Empoli

44 Risposte

94 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2015

gentile emanuela,
La sua paura di perdere l'amica non deve confonderla troppo. Intendo dire che la cosa migliore da fare in questa fase è di aspettare che la situazioni di assesti ad un livello di maggiore equilibrio, grazie alle terapie in corso. La sua amica sta continuando a vivere la paura dell'aggressione che ha subito e anche se non ha nessuna ragione di accusarla o temere che lei attenti alla sua vita, vede in voi dei nemici. Se avete occasione di parlare con lei quando è serena e non troppo angosciata, spiegatele la vostra buona disposizione nei suoi confronti in modo pacato e rassicurante, in modo che gradualmente ritorni a fidarsi. In bocca al lupo.

Dott. Mazzoleni Damiano Psicologo a Lecco

100 Risposte

154 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2015

Buongiorno,
difficile stare accanto a una persona così problematica, comprendo che come amica soffra per questa situazione però pensi a se stessa al suo equilibrio psicofisico e alla sua incolumità. Prenda le opportune distanze che non per forza sono un allontanare la sua amica.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

216 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88450

Risposte