Come aiutare una persona a rendersi conto che ha una famiglia tossica

Inviata da F_B · 22 giu 2020 Terapia familiare

Buongiorno,
vi scrivo perché non so come gestire questa faccenda.

Ho avuto una relazione di poco più di un anno con un ragazzo, che dopo due mesi dalla data in cui ci siamo messi insieme è diventata una relazione a distanza. Tutto è andato benissimo fino a 6 mesi, periodo in cui i suoi genitori hanno iniziato a “odiarmi” improvvisamente e a dire a lui che non ero la ragazza giusta e tantissime cattiverie anche di poco gusto. Ho conosciuto i suoi genitori e li ho visti in un paio di occasioni e si sono dimostrati sempre gentili nei miei confronti così come io nei loro, quindi non capisco davvero perché hanno iniziato a pensare quelle cattiverie.

Dopo un anno di relazione (quindi dopo 6 mesi dall’intromissione dei suoi genitori nella nostra relazione), a metà quarantena (in cui io ero a casa mia, con la famiglia, in Piemonte e lui a casa sua, da solo, in Lombardia), mi ha lasciato in videochiamata. A seguito di questa sua decisione, i suoi genitori gli hanno detto che non sarei mai più dovuta rientrare nella sua vita.

Dopo tre settimane circa mi ha ricontattato e abbiamo ripreso a parlare. A fine lockdown (inizio giugno) siamo usciti e ci siamo rimessi insieme. Ho passato quindi quasi due settimane a casa sua e tutto è andato benissimo, a meraviglia, stava tornando tutto ad andare nel verso giusto.
Fino a che ieri siamo tornati nella sua città d’origine (che è anche la mia), in Piemonte, dove lui è stato ospite dai suoi genitori, e nuovamente (per messaggio) mi ha lasciata... (a detta sua, non hanno parlato di me o di noi in questa occasione).

Ogni volta che tornava nella sua città di origine ed era ospite dai suoi genitori la nostra coppia aveva problemi, si discuteva e lui iniziava ad avere dubbi, sicuramente influenzato da ciò che gli dicevano i genitori; inoltre lui stava emotivamente male per le pressioni che riceveva anche su altre questioni. Quando poi lui tornava a casa sua in Lombardia e io lo andavo a trovare, tutto tornava alla normalità.

Inoltre lui è una persona facilmente influenzabile e molto spesso cambia idea sulle cose e sui pensieri, in base al giudizio altrui.

A mio parere, informandomi, la sua famiglia è una famiglia tossica. Ho cercato di parlarne con lui in questo ultimo periodo in cui eravamo insieme, dato che volevo risolvere il problema con i suoi genitori dato il nuovo inizio per la coppia, di modo da non avere gli stessi problemi della relazione precedente.
Gli ho esposto il mio pensiero sulla sua famiglia (a volte, me ne rendo conto, forse in maniera troppo diretta, e di questo gli ho chiesto scusa) e ho azzardato anche al fatto che forse sarebbe meglio se si allontanasse, ma come risultato ho ottenuto la risposta che sono io che lo manipolo e quindi mi ha lasciata...

Lo dovrò rivedere perché a casa sua ho molti miei vestiti, quindi faremo il viaggio di ritorno verso casa sua in Lombardia (attualmente entrambi siamo in Piemonte) ipotizzo insieme. Vorrei risolvere la questione della nostra coppia ma di conseguenza vorrei aiutarlo a rendersi conto che la persona tossica nella sua vita non sono io ma la sua famiglia, dato che ogni ragazza che lui o suo fratello presentano non viene approvata e hanno da ridire anche su qualsiasi amicizia (infatti lui si ritrova attualmente senza amici al suo fianco, è totalmente solo). Io gli voglio davvero un mondo di bene e voglio che smetta di soffrire, perché mi rendo conto che forse il problema non siamo noi due come coppia. Vorrei aiutarlo ma non so più cosa fare e soprattutto non voglio essere dalla parte del torto (come lui ora pensa che io sia), dato che non ho mai voluto manipolarlo, ma al contrario ho sempre agito per il suo bene.

Spero si capisca la situazione, vi ringrazio per le risposte e il vostro aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte