Come aiutare una persona a farsi curare? Mio fratello non esce più di casa

Inviata da carla · 17 mar 2014 Depressione

Salve, ho 35 anni e da un pò di trmpo un mio fratello più piccolo nn esce più di casa, nn vuole incontrare nessuno, tranne gli stretti familiari (genitori, fratelli). Passa lr giornate nella sua camera alla tv o al computer. Ha un rifiuto verso tutto. Non sappiamo come aiutarlo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 MAR 2014

Cara Carla,
io credo che il modo migliore per aiutare tuo fratello sia quello di parlare con lui, cercare di fargli esprimere i suoi pensieri, i suoi problemi, fargli capire che siete preoccupati per lui perché gli volete bene e vorreste vederlo recuperare il suo benessere, la sua felicità.
Potresti consigliarli di rivolgersi ad uno specialista, che potrebbe aiutarlo in un modo professionale e diverso da quello che possono fare gli amici e la famiglia.
Si capisce che ci tieni e che vuoi cercare di aiutarlo, io penso che questo messaggio arriverà in qualche modo anche a tuo fratello e magari lo aiuterà a decidere di farsi aiutare, ma questo può deciderlo solo lui.

Resto a disposizione in caso tu lo volessi

Un caro saluto

Dott.ssa Capuano Maria Concetta Psicologo a Padova

79 Risposte

134 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2014

Gentile Carla, nella sua lettera non è chiaro da quanto tempo suo fratello sta così e che età ha suo fratello. Dando per scontato che sia maggiorenne, e quindi non potete intervenire contro la sua volontà, credo che sia importante la vostra vicinanza. Stategli vicini con comprensione in questo periodo e attendete che suo fratello ritrovi in sé le energie per affrontare di nuovo il mondo. Se questo stato di cose persiste e compromette ad esempio l'attività di studio o di lavoro, potete chiedergli di rivolgersi almeno al medico curante o di fare un colloquio di consulenza da uno psicologo.
Dott.sa Federica Calandra

Dott.ssa Federica Calandra Psicologo a Verbania

47 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAR 2014

Gentile Carla,
la sua preoccupazione è comprensibile visto quello che descrive. Non è un periodo tranquillo, turbato dai pensieri per una persona importante nella sua vita, un famigliare: suo fratello.
Ora proverò a dirle alcune possibilità che potrete poi valutare (o lei singolarmente, insieme alla sua famiglia o solo con suo fratello):
-potete recarvi da uno Psicologo che vi aiuti a trovare delle strategie di gestione per questa situazione e che aiuti la relazione fra i membri della famiglia.
Qualcuno che non consideri solo suo fratello, ma presti attenzione a tutto il nucleo famigliare come potente risorsa per lo sblocco della situazione.
-può recarsi lei stessa da uno Psicologo che l'aiuti a far chiarezza su cosa suo fratello porta con il suo comportamento all'interno del suo personale vissuto, su come lei può relazionarsi con lui in modo da facilitare un miglioramento relazionale di quest'ultimo.
-Può parlare a suo fratello e prospettargli un incontro con un professionista. A questo proposito valuti se indicare la possibilità di effettuare colloqui via internet. E' un servizio dato da molti e visto la propensione per suo fratello alla multimedialità forse troverà questo metodo più consono alla sua persona.
Resto a disposizione per chiarimenti eventuali. Nel frattempo le porgo cordialmente i miei saluti.
Dott.ssa Frandi Claudia

Dott.ssa Frandi Claudia Psicologo a La Spezia

43 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2014

Cara Carla, è davvero difficile aiutare chi non accetta di essere aiutato. Ci sono diverse strade che potreste percorrere. Potreste proporgli per esempio di incontrare il suo medico di base o uno psicologo insieme. Magari con il coinvolgimento di voi famigliari potreste convincerlo a partecipare ai colloqui. In alternativa potreste rivolgervi comunque ad uno specialista per spiegare i vostri timori fornendo maggiori dettagli sul periodo e la modalità con cui è iniziato questo ritiro.
Un saluto

Dott.ssa Elena Nobiltà Psicologo a Bergamo

20 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2014

Salve Carla,
certo bisognerebbe capire meglio tutta la situazione, l'età del ragazzo è importante e poi le chiedo: da quanto tempo è iniziato questo "ritiro in se stesso"? Ci sono dei motivi all'interno del nucleo familiare che possano aver contribuito a questi comportamenti di rifiuto sociale? Magari, con molto tatto, lei potrebbe cercare di avvicinarsi a suo fratello e senza forzarlo o invaderlo e senza alcuna aggressività, dovrebbe rendersi disponibile, a "portata di dialogo" per così dire...riallacciare un poco un rapporto anche su cose non personali. Successivamente potrebbe proporre un consulto da uno Psicoterapeuta e proporsi di accompagnarlo qualora suo fratello si senta un poco motivato ma non deciso (ci possono essere sotto molte paure). Ci vuole molta pazienza e comunque la vicinanza discreta è sempre ben accetta quando si soffre.
Mi sembra che i consigli di altri colleghi siano pure strategie valide.
Noi siamo a disposizione per altri consigli.
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna.
Cordiali saluti.
Possibili colloqui con skype.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6995 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2014

Gentile Carla,
quanti anni ha suo fratello?
Da quanto tempo ha questi comportamenti di "ritiro"?
E' successo qualcosa nell'ultimo periodo, che possa averlo turbato?

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

758 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2014

Ciao Carla

Ho letto il tuo problema e la terapia breve strategica attraverso delle tecniche riesce a portare in terapia il cosiddetto paziente ostile che non vuole venire in terapia.
Se vuoi avere ulteriori informazioni sono a disposizione.

Cordiali Saluti

Dott. Ioimo

Dott. Giorgio Ioimo Psicologo a Torino

33 Risposte

52 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2014

Gentile Carla,
non è possibile aiutare chi non vuole essere aiutato. Sarebbe importante che suo fratello cominciasse un percorso terapeutico, ma solo lui può decidere per se stesso. La motivazione è fondamentale nei percorsi psicologici.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

380 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2014

Il comportamento di suo fratello veicola uno stato di disagio che ha bisogno di trovare uno spazio in cui poter prendere forma ed esprimersi. La paura delle relazioni può trovare una soluzione in una stabile ed efficace relazione terapeutica. Dottoressa Ferroni

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 MAR 2014

Salve Carla, visto che suo fratello rifiuta tutti tranne genitori e fratelli, provate a fare una consulenza familiare in cui partecipate tutti per affrontare il problema ed esprimere le vostre preoccupazioni.

Dottor Ilario De Gaetanis Psicologo a Bologna

12 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85750

Risposte