Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come aiutare mia zia?

Inviata da marie · 6 feb 2017 Elaborazione del lutto

Buongiorno,
sono una ragazza di 24 anni e mia zia è sempre stata una persona presente nella mia vita, viviamo molto vicine e fin da piccola c'è sempre stato un via vai tra casa nostra e casa sua anche tutti i giorni.
Mia zia è sempre stata una persona attiva e solare ed è sempre stata come una seconda madre per me, ma da circa 2 anni è cambiata.
Il periodo in cui è cambiata coincide con un lutto che l'ha provata particolarmente. Qualche anno fa mia zia ha conosciuto una donna con la figlia molto malata e si è fatta in quattro per cercare di aiutarla in tutti i modi (soprattutto cercando di tenerle compagnia in ospedale ecc) coinvolgendo anche la nostra famiglia ed amici. Purtroppo però dopo circa un anno la piccola non ce l'ha fatta e mia zia ne è rimasta molto sconvolta e ci ha accusato di non aver fatto abbastanza e che abbiamo trascurato la bambina e la madre.
Da questo evento piano piano è cambiata, non esce più, non si fa vedere e per vederla quasi dobbiamo implorarla.
La situazione inoltre, soprattutto nell'ultimo periodo, forse anche per altri motivi che ignoro è precipitata, non ha più nessun contatto umano se non quando andiamo a trovarla anche se lei non vuole vedere nessuno, è sempre più depressa e si sta chiudendo sempre di più. Sa di stare male, infatti quando io o mia mamma cerchiamo di parlarle si sfoga un po' e dice di sapere che sta male e che vorrebbe stare meglio ma non vuole andare da nessuno.
Non so cosa fare per aiutarla, spegne il cellulare per non rispondere alle chiamate, cerca in tutti i modi di non vedere nessuno e questo influenza negativamente sia lei che la sua famiglia e le persone che le stanno intorno.
Non so come convincerla a sfogarsi del tutto o ad andare da uno psicologo, sono disposta anche ad andare con lei se questo la può tranquillizzare ma non so davvero come fare o come convincerla, so di non poterla obbligare e che deve essere lei a voler parlare ecc, ma davvero la situazione sta degenerando sempre di più e la cosa mi preoccupa non poco.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 FEB 2017

Gentile Marie,
quando sua zia ammette di stare male e dice che vorrebbe stare meglio ma aggiunge che non vuole andare da nessuno, le risponda che ognuno di noi può in qualche momento della sua vita aver bisogno di aiuto, che non bisogna vergognarsene e che lei è sempre disponibile ad accompagnarla e sostenerla.
Se sua zia rifiuta l'aiuto psicoterapeutico, cerchi di convincerla almeno a rivolgersi al suo medico di famiglia per una iniziale terapia farmacologica che forse è accettata più facilmente.
In caso di rifiuto irremovibile di sua zia, non si faccia dei complessi di colpa e si limiti a darle solo l'aiuto che le verrà eventualmente richiesto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6875 Risposte

19176 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 FEB 2017

Cara Marie,
la sua preoccupazione è comprensibile.
Il vedere una persona a noi care stare male è qualcosa di insopportabile, ma non è possibile sostituirci a lei.
Come lei stessa scrive non può costringere sua zia ad andare da uno psicologo, ma può continuare a starle vicino come riesce, senza però rischiare di annullarsi a sua volta!
Non è escluso che ad un certo punto sia sua zia a trovare in se la motivazione per uscire da questa spirale di forte malessere e solamente allora potrà attingere alle proprie risorse per rialzarsi in piedi.
Cerchi di non perdere di vista se stessa e se ne sente il bisogno, provi a rivolgersi ad uno psicologo che possa sostenerla in questa fase così delicata della sua vita.
Le faccio i miei migliori in bocca al lupo,
cordiali saluti.
Dott.ssa Patrizia Borrelli

Dott.ssa Patrizia Borrelli Psicologo a Milano

72 Risposte

222 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Vedere più psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Altre domande su Elaborazione del lutto

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte