come aiutare chi non riconosce il suo stato di malessere profondo

Inviata da maria · 8 nov 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

vorrei sapere come aiutare mio figlio che , a seguito di uno stato depressivo importante ha ora sviluppato una ludopatia che non vuole ammettere ... il gioco e divenuto l'unico suo interesse e non si convince a rivolgersi ad uno psicoterapeuta

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 NOV 2017

Gentile Maria,
comprendo la preoccupazione e la sofferenza legata alla situazione del proprio figlio.
Cambiare l'altro è sempre difficile, potrebbe parlarne con calma con suo figlio e proporre di accompagnarlo ad un centro ASL specializzato per le dipendenze. Non è detto che ottenga il risultato atteso e desiderato.
Allora per apportare qualche piccolo cambiamento occorre aggirare l'ostacolo, potrebbe ritagliarsi uno spazio di ascolto psicologico per individuare strategie opportune per aiutare se stessa e di conseguenza suo figlio.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2768 Risposte

2312 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 NOV 2017

Gentile Maria,
suo figlio è nella fase di non riconoscimento del problema e pertanto difficilmente acconsentirà ad un aiuto.
Ci sono persone nella rete familiare che potrebbero essere d'aiuti? Avete pensato voi genitori ad un consulto per individuare le modalità migliori per affrontare la situazione?
Rimango a disposizione
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1260 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2017

Salve Maria.
Non è mai facile, per quanto impegno una madre metta, aiutare un figlio che non desidera ricevere aiuto.
Può provare ad aiutarlo chiedendogli se la vita che fa lo soddisfa....se la vita che vive e' la vita che ha sempre sognato per sé.....se rimanere rinchiuso in casa a giocare, è la sola cosa che ha sempre desiderato nella sua vita.
Provi Maria a rivolgere a suo figlio queste domande....può essere che lo scuotano e lo inducano a riflettere sul suo modo di vivere la vita....e questo magari lo porta a casa ad aprirsi ad un cambiamento.
Se porre queste domande a suo figlio non sortisce nessun effetto....le suggerisco di considerare l'idea di fare lei qualche incontro con uno psicologo al fine di poter ricevere un aiuto su come poter aiutare suo figlio.
Spero di esserle stato d'aiuto Maria.
Un caro saluto.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2017

Buongiorno Maria,
Quanti anni ha suo figlio? Può descrivere la sua vita? Studi o lavoro, interessi, relazioni etc. Queste informazioni mi permettono di capire meglio la situazione e consigliato a meglio. Dalle parole "non si convince" sembra che ne abbiate parlato con lui è gli abbiate mostrato il problema. Di certo comportamenti di questo tipo sono sinonimi di disagio, e quando questo disagio viene rimarcato dai nostri cari che ci dicono " tu hai un problema" la risposta di chiusura è inevitabile. Consiglio a lei in qualità di madre di rivolgersi ad uno psicoterapeuta, per comprendere come gestire al meglio la situazione e quindi aiutare suo figlio. Non sottovaluti la possibilità di provare online via Skype, magari può essere utile in un primo momento sncgr per suo figlio finché non supera l'ostacolo e decide di andare personalmente. Comunque le consiglio di cominciare lei un percorso, sono certa che potrà essere utile e potrà costituire già terapia per suo figlio, anche se non è coinvolto direttamente.
Non esiti a contattarmi
Dott.ssa Marika Cocco
PsicoLogicaMente
Roma e Civita Castellana

Dott.ssa Marika Cocco - PsicoLogicaMente Psicologo a Civita Castellana

30 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2017

Gentile Maria,
per risponderle occorrerebbero informazioni basilari sull'età di suo figlio e sul suo momento che sta vivendo (per esempio: con chi vive?). In ogni caso suo figlio pensa di non avere un problema e invece lei soffre per la situazione. Iniziare lei a prendersi cura di sé potrebbe essere un buon modo di aiutarlo, mostrando che è possibile farlo e, soprattutto, pensare di meritarlo. Per questo le consiglierei di contattare un terapeuta chiedendo aiuto per sé che deve affrontare una situazione così difficile. Il professionista le saprà consigliare, se lo riterrà opportuno, delle sedute di terapia familiare e un contatto con un gruppo, ispirato agli alcolisti anonimi, che si occupi di ludopatia ed abbia sede nella sua zona. Gli stessi gruppi talvolta organizzano anche incontri con i familiari. In ogni caso tenga presente che l'unica persona di cui posso modificare il comportamento è me stesso. Se io cambio, gli altri, dovranno farlo per accomodarsi a me. Ciò non vuol dire che lo faranno come voglio io ma che muoveranno qualcosa. Il che è un buon obiettivo quando una situazione è stantia.
Se ne sente il desiderio o la necessità, mi contatti in privato.
Buona giornata

Daniela Magrì Psicologo a Roma

92 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte