Come affrontare questa relazione

Inviata da Esmeralda · 31 mar 2021

Buongiorno, ho avuto una relazione nell'adolescenza durata dai 16 ai 21 anni interrotta da me a causa di incomprensioni e orgoglio di entrambi quando lui era partito a militare. Ci siamo presi e mollati più volte fino a quando per dimenticarlo totalmente mi sono fidanzata con mio marito.
Il mio primo amore è stata e rimane la relazione più importante della mia vita .Ci siamo rivisti e frequentati diverse volte, anche se entrambi eravamo occupati. Ci siamo frequentati anche quando lui si è separato, per problemi di coppia con sua moglie. Dopodichè sempre per il mio comportamento insistente, (da dipendenza) io volevo lasciare mio marito per lui, mentre lui si stava separando e mi diceva che non era il momento, e avevamo due figli piccoli, quindi io ho richiuso la storia soffrendo come un cane. Finchè nel 2020 ci ritroviamo, lui nel frattempo risposato e padre di un altro figlio, che ora ha 9 anni. Io mi ritrovo innamorata persa, ho proprio una dipendenza da lui, se non lo vedo sto male, penso solo a lui, sto bene solo quando lo vedo, quando lo sento, lui dice che alla fine l'ho sempre scaricato io. Ora questa relazione prosegue anche se lui ha messo in chiaro che non lascerà la moglie dato che ha già avuto una separazione complicata e ha due figli, io un'altro, la ns relazione ufficiale porterebbe solo problemi e grattacapi.
Io lucidamente concordo, ma intimamente soffro molto perchè sogno davvero di tornare adolescenti ed averlo tutto per me. Perchè non riesco a guarire da questa dipendenza? Perchè gli do tutto questo potere? E' amore o dipendenza, anche se propendo per la seconda? Non riesco a staccarmi da lui anche se sono in terapia psicologica da qualche tempo e sono passati circa vent'anni dalla prima volta che ci siamo fidanzati. Temo che questo sentimento non mi abbandonerà mai. Soffro moltissimo ma se non lo vedo o non lo sento soffro ancora di più.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 APR 2021

Gentile Esmeralda,
chiede più volte il perché di questo potere dell'altro, di questa "dipendenza". Magari lei stessa potrebbe dare una risposta interessante a questa domanda. Se la considera una malattia e non lo fosse, se ne attribuirebbe la causa all'esterno con meno possibilità di operare sulla propria volontà. Ammettendo invece la teoria della malattia, forse non è stata ancora usata la "medicina", in termini psicologici la strategia di gestione o sblocco, più efficace.
La persona più indicata per parlarne, per correttezza e per efficacia operativa, è proprio la persona che la segue attualmente per la sua terapia psicologica.
Le faccio tanti auguri.
Dott. Giovanni Iacoviello

Dott. Giovanni Iacoviello Psicologo a Bergamo

94 Risposte

79 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 APR 2021

Cara Esmeralda,
Da quanto racconta, sembrerebbe che spesso, lei e quest'uomo, vi siate trovati in situazioni di vita diverse che non vi hanno permesso di vivere il vostro legame come lei avrebbe desiderato. Quello che traspare però è che lei sarebbe stata disposta in diverse occasioni a stravolgere queste stesse situazioni mentre lui non ha mai voluto realmente farlo. Mi sentirei comunque di invitarla ad apprezzare la trasparenza che quest' uomo ha avuto con lei nel chiarire sempre la sua posizione rispetto al vostro rapporto.
Un legame, che permane per tutti questi anni, è sicuramente costellato da importanti vissuti ed emozioni, tuttavia potrebbe pensare, all'interno di un percorso terapeutico, di custodirlo per sempre dentro di lei per ciò che di bello le ha dato, concedendosi però la possibilità di essere nuovamente felice.
Mi concentrerei dunque sull'accettazione dei suoi sentimenti e sul significato che questo grande amore ha avuto per lei, sul imparare a trasformarlo in qualcosa che intimamente potrà conservare come significativo senza però sentirsene prigioniera.
Resto a disposizione se avesse bisogno di un ulteriore confronto.
Buona fortuna.
Dott.ssa Rebecca Minto

Dott.ssa Rebecca Minto Psicologo a Roma

3 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27650

domande

Risposte 95350

Risposte