Come affrontare mia moglie e aprirmi a lei?

Inviata da Massimo · 21 feb 2014 Terapia di coppia

sono anni che io e mia moglie viviamo tra alti e bassi. lei mi rimprovera di essere troppo disponibile con gli altri, donne comprese, anche se si tratta di donne palesemente disintetessate e comunque il mio é caratterr e non altro, sono cosi con tutti familiari compresi, anche la mia disponibilitá verso questi ultimi mi é stata fatta pesare. a casa non si invita mai nessuno nemmeno mia madre, però essere invitata le piace, sesso per tanti anni me lo ha fatto proprio elimosinare, le mie iniziative sono sempre bocciate. ma stira ,lava, cucina bene, é una brava madre, e quando io mi compirto da bravo cagnolino é anche una btava moglie. ultimamenye mi é successo di essere stato amato da una donna di cui mi sono innamorato, non é stato difficile avevo bisogno di amore e ho ceduto. a parte questa amante con la quale il rapporto si é chiuso perche lei mi pressava su certe cise ed io ho bisogno di.tutto ma non di.pressioni anvhe se mi manca da morire, a mia moglie non la amo più da diverso tempo aramai e poiché oggi mio figlio ha 17 anni credo di avrr aspettato abbastanza . quando lui era piccolo ho sempre accantonato questa idea perché avrri soffetto da cani. Ora però vorrei tornare a vivere. Aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 FEB 2014

Caro Massimo
purtroppo non c'è un modo migliore.
Non c'è un modo per evitare la sofferenza e per saltare tutto il processo di elaborazione del fallimento e della fine di un rapporto di coppia.
Un bravo terapista vi potrà aiutare in tal senso.
Se veramente non ami più tua moglie, la peggiore delle scelte per entrambi e fingere e restare infelici.

Un in bocca al lupo
D.ssa Michelini

D.ssa Silvia Michelini Psicologo a Roma

162 Risposte

147 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Gentile Massimo,
a quanto scrive, lei non ama più sua moglie, non ha piacere a stare con lei, ed è probabile che questo sia reciproco. Di fronte ad una crisi non è mai semplice e cambiare non è facile. Sia impegnandosi a cercare di rimettere a posto il rapporto, sia decidendo di separarsi.
Nessuno può prendere la decisione al posto suo.
Ogni scelta è una perdita.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

384 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

caro Massimo,
con chiarezza spieghi quale è la tua posizione. Bene, con questa consapevolezza puoi trovare da solo la strada da seguire per "tornare a vivere".
Qualora tu ti renda conto di non trovare le risorse per affrontare il problema ti puoi rivolgere ad un professionista che ti possa supportare.

Cordiali saluti,
Dott. Roberta Alici

Dott.ssa Roberta Alici Psicologo a Ravenna

20 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Caro Massimo,
è legittimo volere vivere la propria vita nel modo migliore possibile , ponendo fine ad un matrimonio che è rimasto in piedi più per il figlio che per un vero e condiviso legame. Tuttavia, per chiudere una relazione matrimoniale durata circa 20 anni (come mi pare di capire) è necessaria una grande determinazione e il "coraggio" di affrontare le inevitabili reazioni dell'altro, i sensi di colpa, le recriminazioni che solitamente accompagnano i processi di separazione. E' evidente che tutto questo va affrontato insieme a sua moglie, alla quale vanno confessati i suoi attuali sentimenti. Solo parlandone insieme è possibile avvviare un processo che coinvolge entrambi. Eventualmente è possibile ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta per sè stesso o di coppia.
Auguri.

Dott.ssa Lilia Di Rosa Psicologo a Catania

62 Risposte

22 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Salve. Le consiglio di rivolgersi a uno psicoterapeuta esperto in terapia di coppia per intraprendere una psicoterapia di coppia. La psicoterapia di coppia vi sarà utile in primo luogo per comunicare tra voi e ascoltarvi, per gestire i conflitti, per comprendere le dinamiche di coppia, le risorse individuali di ciascuno, le eventuali risorse di voi come coppia e per capire se ci sono le basi per ricucire la coppia o se la strada migliore sia la separazione.

Dott.ssa Firinu Lucia, Psicologo - Psicoterapeuta Psicologo a Cagliari

61 Risposte

106 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Gentile Massimo,
dalla sua lettera traspare una evidente distanza affettiva tra Lei e sua moglie. distanza che siè costruita e consolidata nel corso degli annia, fino a portarLa nel letto di un'altra.
Lei chiede di poter vivere. Separandosi? con sua moglie? Non ce lo dice, forse non lo sa nemmeno Lei e forse sì.
Parlare con sua moglie sarebbe importantissimo, ma il problema è trovare il tono giusto: senza rivendicazioni e attribuzione di colpe, senza troppa rabbia... ma aprendo il Suo cuore senza farsi smontare da eventuali risposte taglienti (è possibile pensare che anche sua moglie abbia o stia soffrendo di questa situazione).
Se decidete di riprovare insieme, chiedete l'aiuto di un esperto Psicoterapeuta di coppia, presente anche quasi gratuitamente presso il consultorio della vostra città.
Saltu cordiali.
Dott. Brunialti, Psicologa Psicoterapeuta e Sessuologa clinica

Dott.ssa Carla Maria Brunialti Psicologo a Rovereto

215 Risposte

745 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

eGREGIO SIGNOR MASSIM,
LA MIGLIOR COSA è PARLARE APERTAMENTE E SPONTANEAMENTE CON SUA MOGLIE COSì COME HA SCRUTTO QUI. Solo in caso di evidente difficoltà conviene consigliarsi di persona con professionista
paolo zucocni sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1587 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Gentile Massimo,
dalle sue parole emerge la necessità di cercare chiarezza nei suoi sentimenti e nelle sue scelte di vita futura. La relazione che ha avuto con questa donna probabilmente Le ha permesso di incominciare ad interrogarsi su ciò che, prescindendo dai doveri, lei vuole davvero, su quello che lei desidera per il suo futuro. Le consiglio di considerare la possibilità di un sostegno psicologico in questo momento delicato e cruciale.
Un saluto
Dott. Francesco Fàngani - Psicologo e Psicoterapeuta

Dott. Francesco Fàngani Psicologo a Bari

1 Risposta

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2014

Buongiorno Massimo,
ho letto il titolo e ho pensato una cosa. Ma leggendo la sua richiesta di aiuto, trovo che vada da tutt'altra direzione. Vuole aprirsi a suo a moglie, recuperare il rapporto e provare ad aver un matrimonio maggiormente sereno, oppure vuole lasciarla perche' non la ama piu'?

Credo che la prima cosa da fare sia provare a trovare chiarezza dentro di lei. Per questo le consiglio di rivolgersi a uno psicologo per poterne parlare ed esplorare cosa desidera realmente,

Le auguro di trovare la strada piu' giusta per lei,
Dott.ssa Luisa Gatto

Dott.ssa Luisa Gatto - Genitori e Psicologia Psicologo a Nova Milanese

30 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94450

Risposte