Come affrontare la separazione travagliata e mia figlia in apparenza tranquilla

Inviata da katia · 27 apr 2015 Terapia familiare

La mia separazione e molto travagliata.. io e iil mio ex stavamo insieme da quando avevamo 16 anni ora ne abbiamo 40 dall'anno scorso siamo separati ... ho scoperto un messaggio nel suo cel derivante dalla mia vicina di casa amici da 10 anni lei sposata con 4 figli fatti con il "cesario" xchea lei piacciono i bambini.. cmq scoperto il mes. Lui mi ha chiesto scusa ha pianto ho parlato con lei ha chiesto scusa hanno detto che è stato un errore e io gli ho creduto x nn distruggere suo marito e i bambini x un paio di mesi ho fatto finta di niente continuando a frequentarlo come sempre abbiamo fatto.. eravamo molto amici ci siamo aiutati cresciuti o figli sempre insieme.. il problema che io lavoro molto e c'ero poco lei sempre a casa il mio ex e sempre stato molto disponibile con tutti chiunque chiedeva lui c'era solo che lei tutti i giorni chiedeva chiamava x farsi aiutare... in un momento di grande solitudine del mio ex compagno xche io nn ero vicina e anche colpa mia nn lo consideravano e in più lui che viveva x sua figlia a un certo punto era solo xvhe orma 14 enne mia figlia preferiva gli amici alla compagnia del padre.. insomma lei li ad ascoltarlo senza ovviamente venire a dirmi nulla si sono innamorati.. ce un ma.. lei indecisa xche e sempre stata felice con il marito si è presa il tempo dicendo che nn sapeva decidere nel frattempo lei cercAva la mia approvazione ha persino chiesto se si potevano frequentare a mangiare una pizza xche se poi nn sapevano cosa dirsi... insomma follia pura.. io voglio chiarezza e se anche perdutamente innamorata del mio ex l'ho buttato fuori di casa.. faccio una premessa quando parlai con loto gli dissi di chiarirsi bene xche se provavano qualcosa era meglio parlare anche con il marito di lei xche ci sono 5 bambini da tenere in considerazione e che se dopo 4 mesi tornava fuori con il l'ora amore io gli avrei fatto scontare le pene dell'inferno.. cmq dopo un anno siamo ancora qui a litigare tutti e 4 tra scuse e insulti.. io a lei chiesi xfavore di dare fine al calvori di decidere con chi stare.. ma niente!! la storia e molto più lunga ci sono tanti eventi.. ma io nn riesco a farmene una ragione come un uomo cambi completamente carattere come perda tutti i principi i valori che x 39 anni hanno fatto parte di lui.. la dignità ogni cosa x questa donna che mi fa venire rabbia mi chiedo a cosa serve lottare avere rispetto e principi fare dei sacrifici quando una che mette al mondo 4 creature nell'indecisione nn sceglie la famiglia.. e che due bravi uomini continuano a considerarle una brava madre che mette i figli davanti a se.. quei nn e così se no dava già fine a tutto... io nn voglio più essere arrabbiata io vorrei che mia figlia avesse una considerazione migliore dell'uomo... lei dice sta bene nn ce l'ha ne con me ne con il padre ma io ogni tanto la vedo la sua rabbia che tiene dentro.. e troppo tempo speravo mi passasse ma invece nn me ne faccio una ragione.. lui mi ha mentito x 23 anni con carattere o e ora che nn e in se nn lo so...se nn sto bene io nn potrò far stare bene mia figlia.. Che posso fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 APR 2015

Buongiorno gentile Katia,
dal suo scritto emerge tutta l'urgenza di poter essere ascoltata con sensibilità e attenzione. Noi da qui possiamo solo orientare mentre il suo malessere poggia su tanti fatti che l'hanno resa disperata, dunque il suggerimento è di affidarsi ad uno/a psicologo/a psicoterapeuta per farsi aiutare ad elaborare i fatti accaduti e a trovare strategie comunicative efficaci da attuare con suo marito e anche con questa donna insistente. Sua figlia ha un'età particolare e il turbamento che prova potrebbe essere dovuto anche solo all'età. E' importante che sia lei che scrive a richiedere un aiuto per se stessa. Quando si sarà rasserenata, anche sua figlia starà meglio nei suoi confronti. Può rivolgersi anche al consultorio familiare pubblico più vicino a casa sua.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2839 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2015

Leggere la sua lettera mi ha fatto venire in mente una storia accaduta molti anni fa ad un gruppo di persone che conoscevo. Loro tutti amici , tutti in coppia con moltissime cose in comune, hobby, interessi musicali, culturali, molto affetto e solidarietà. Si vedevano regolarmente, sapevano quasi tutto l'uno degli altri ecc.
Un giorno accadde che uno di loro si innamorò della moglie di un altro del gruppo. Saltò tutto per aria, uno scandalo, un casino.... “Oddio, come si fa? , Come faremo?” Così, nell'intero gruppo si scatenò una specie di virus. Saltarono per aria le 4 coppie, ma se ne crearono altre. Intendo dire che rimasero tutti insieme come sempre, ma si scambiarono le coppie e rimasero felici ancora tutti vicini, salvando il patrimonio di affetti e consuetudini costruito in tanti anni vissuti tutti insieme.

Valuti lei se in questa storia c'è qualcosa che possa ispirarla Oppure no.

Nel suo scritto mi ha colpito la sua onestà nel riconoscere d'aver lasciato solo suo marito e sola la sua bambina per tanti, tanti anni.
Sappia che tutta questa solitudine avrebbe potuto generare devianze peggiori di un'amicizia intima e sentimentale con una affettuosa vicina di casa con un così grande istinto materno. Tutto sarà cominciato con una domanda di adozione da parte di suo marito e questa signora con un così grande amore materno, avrà adottato in coppia sia la sua figlioletta che questo bravo marito purtroppo tutto solo. Uso consapevolmente un tono un poco leggero ma non per mancare di rispetto al suo legittimo dolore, piuttosto nl tentativo di stimolare in lei altre visioni della realtà in cui si trova.
Deve alzarsi di livello: non stia sul sagrato della chiesa confusa nella folla (il turbinio di pensieri contrastanti tra loro) vada sulla cupola e guardi da lì, vedrà un'altra scena; poi vada sul campanile e guardi da l'ì, ne vedrà ancora un'altra che le ispirerà altre soluzioni. Sono sicura.

Credo che, per agevolare un processo evolutivo e vitale dell'intero sistema, in una situazione così complessa potrebbe essere interessante chiedere ad un bravo professionista ( non troppo rigido) una o più consulenze per lei e suo marito, poi per le due coppie e poi riunire tutta la famiglia allargata composta dei 4 genitori e i 5 figli.
Cordialmente
Dott.ssa Pasqua Teora – Centro Psicologia e Cambiamento di Bergamo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2015

Gentile katia,
non ci dice se poi la sua vicina ha abbandonato il marito... se così non è avvenuto è probabile che la storia prima o poi finisca così come è cominciata e con una famiglia assai più rovinata dell'altra..
Andare da uno psicologo potrebbe aiutarla ad elaborare la rabbia e migliorare i rapporti. Le consiglierei di preoccuparsi non solo di sua figlia, ma soprattutto di se stessa e le segnalo un articolo sul matrimonio che può trovare sul mio sito professionale. Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

734 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2015

Gentile Katia,
è molto positivo che in questo momento così critico e difficile della sua vita lei riesca a concentrarsi sul benessere di sua figlia, adolescente e pertanto anche lei in un momento di crescita particolarmente critico e delicato. La sua descrizione della situazione è piena di rabbia, esprime molto bene il dolore che sta vivendo ed anche l'ambivalenza del non essere ancora riuscita a definire cosa volete fare dal punto di vista coniugale, o comunque aver 'buttato fuori' suo marito non sembra aver definito completamente il vostro rapporto e lei fatica ancora a comprendere cosa fare e come muoversi.
Da una parte un percorso individuale potrebbe aiutarla a riflettere con maggior serenità sugli eventi di questo ultimo anno, lei già riesce ad intravvedere degli aspetti importanti su quello che entrambi forse avete sbagliato (lei era spesso via, lui un pò solo a gestire vostra figlia), grazie a questa sua capacità critica sarà sicuramente in grado, se adeguatamente accompagnata, di affrontare questo momento.
Qualora volesse provare a definire più nello specifico la gestione di vostra figlia esistono anche dei percorsi che si chiamano di Mediazione Familiare, con un mediatore che lavora con i 2 coniugi per aiutarli a gestire la separazione, stipulando un vero e proprio contratto con accordi che entrambi avete deciso in questo percorso (che dura solitamente una decina di incontri).
A volte io lavoro invece, da terapeuta di coppia, con coniugi che non sanno se stare insieme o separarsi e questa potrebbe essere un'altra eventualità: affrontare cosa è successo nel vostro rapporto in questi ultimi anni per capire se le differenze che vi hanno allontanato sono ormai inconciliabili oppure no, ma con la finalità ultima di ricostruire e ridefinire il vostro rapporto perchè anche se non starete più insieme, sarete sempre genitori.
Per quanto riguarda sua figlia cerchi il maggior dialogo possibile con lei, nel caso vedesse che fatica ad esprimersi potrebbe portarla da un terapeuta che la aiuti a tirar fuori le emozioni che sta provando in questo periodo; spesso i figli in queste situazioni temono di far soffrire il genitore e trattengono il loro dolore, parlarne invece con un estraneo potrebbe permettere di lasciar emergere tutti i loro pensieri, paure e dolori.

Dr.ssa Mazzola

Dott.ssa Ambra Mazzola Psicologo a Crema

13 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94300

Risposte