Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come affrontare la paura della morte di un genitore

Inviata da Angela il 17 gen 2019 Elaborazione del lutto

Sono in terapia da 4 anni, il problema iniziale era l'ansia soprattutto nei confronti della salute o eventuale morte di mia madre. Nel tempo sono venuti fuori altri problemi relazionali. Sono una persona insicura e chiusa, il mio terapeuta mi ha suggerito di scrivergli su w app fra una seduta e l'altra, ma da semplice sfogo la cosa si è spostata anche su scambi amichevoli e scherzosi, all'inizio mi faceva piacere ed aiutava la mia autostima, ma avevo anche la sensazione che le risposte del terapeuta fossero spesso guidate dell'umore del momento e quindi mi trattasse a volte con sufficienza e la cosa mi infastidiva, anche perché se non l'avesse impostata lui cosi, per me sarebbe stata solo una valvola di sfogo e di grande aiuto. Ne abbiamo parlato spesso e lui ha sempre negato di aver commesso degli errori "sforando" ieri mi ha detto che la chat non è stata un errore, ma che non va bene che rimaniamo in contatto continuo fra una seduta e l'altra quindi non leggerà più i miei messaggi e mi ha tolto in un momento in cui sto molto male l'unica cosa che mi dava sollievo, scrivergli per sfogarmi. Mi ha detto anche che ha fatto in modo in questi anni che io mi legassi e affezionassi molto a lui, quasi come a mia madre, così distaccandosi io proverei un dolore simile al lutto per la sua perdita e questo dovrebbe essermi di aiuto quando succederà. Io questa cosa la trovo mostruosa ed inutile, sto male perché mi sento usata ed il risultato non è certo quello che si aspettava, l'ansia nei confronti di mia madre è li e in più ho perso totalmente la mia autostima e la fiducia nel genere umano.
È davvero un tipo di terapia per risolvere il mio problema questo? O solo una serie di errori e tentativi che mi hanno gettato ancora di più nel baratro della depressione? Perché ora la diagnosi è questa ed io non so più cosa fare e se ho sbagliato ad affidarmi a questa persona.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Angela,
So che alcuni orientamenti terapeutici sfruttano molto il legame di dipendenza che si crea nella relazione terapeutica, però non ho dimestichezza con questi approcci e non so dirle quali siano (e se ci siano) I presupposti teorici per operare come sembra che abbiano operato nel suo caso.
Comunque che siano errori, disattenzioni o anche una procedura terapeutica ritengo che sia necessario un rapporto di fiducia con la persona dalla quale si é in terapia. Potrebbe esser da capire se questa rottura sia tanto profonda da non permettere più di fidarsi o sia una ferita dalla quale si possa imparare qualcosa con l'aiuto del proprio terapeuta.
Non sono domande alle quali possa rispondere io, mi spiace non poterle dire di più ma ho una formazione professionale davvero diversa, magari un collega che non svolga terapie brevi potrebbe dissiparle qualche dubbio in più.
Le auguro di risolvere le sue perplessità ed i suoi problemi,
Marco Tagliagambe
Psicologo/psicoterapeuta
Firenze, Empoli, S. Miniato

Dott. Marco Tagliagambe Psicologo a Empoli

35 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Angela, noi psicologi dobbiamo evitare, come prescritto dal nostro Codice Deontologico, di dare giudizi negativi nei confronti dei Colleghi, se non in casi seri. Ma appunto in questo caso è evidente, direi lapalissiano, che il suo terapeuta ha commesso diversi errori, tutti molto gravi. Detto questo non intendo che abbia agito in cattiva fede o per farle del male, però gli errori restano. Il rapporto psicoterapico non è, e non deve mai essere, una amicizia a pagamento! Noi possiamo provare affetto nei confronti di chi viene da noi, ma dobbiamo evitare, come la peste, di creare un rapporto di dipendenza! E non mescolare mai rapporti professionali con rapporti personali. I messaggi sui social sono assolutamente sconsigliati, peggio ancora se frequenti. Ci si sposta dal piano della terapia a quello dell'amicizia, capisce? Ed implicitamente si ammette di essere incapaci come terapeuti. L'ammissione del professionista, di aver agito in modo di creare un legame di affezione, è gravissima, da denuncia. Peccato che qui da noi i provvedimenti contro gli psicoterapeuti siano rarissimi, pertanto la credo una strada poco utile. Però lei compie un grave errore a perdere fiducia nel genere umano. Per ogni terapista incapace ce ne sono almeno dieci buoni, ed alcuni veramente bravi. Prosegua la terapia altrove, e magari fissi un primo incontro con almeno tre di noi. Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

853 Risposte

341 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Angela, non è nè tecnicamente nè deontologicamente corretto esprimere giudizi sull'operato di un collega.
Stà a Te valutare se senti di poter ancora affidare il Tuo benessere psichico ed esistenziale al Tuo attuale terapeuta. Se, nonostante le sue spiegazioni non senti più quella fiducia profonda che è la fondamentale premessa per un proficuo lavoro terapeutico, bè allora non c'è niente di male a cercare un altro professionista.
Un caro saluto.
Dr. Marco Tartari, Roatto Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

714 Risposte

417 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Vedere più psicologi specializzati in Elaborazione del lutto

Altre domande su Elaborazione del lutto

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte