Come adattarsi alla società

Inviata da Francy · 19 mag 2021

Salve a tutti, ho quasi ventinove anni e ho difficoltà a relazionarmi con i miei coetanei da un annetto, in quanto a trent'anni è normale fare un figlio e sposarsi, a prescindere se uno va d'accordo o meno, è normale non voler più uscire il sabato sera per divertirsi, è normale non mettere gonne o pantaloncini perché non si ha più l'età, e non parlo di quelli cortissimi, tutto ciò perché è l'età che lo richiede. Io sono stata sempre una ragazza molto hippie, con l'entusiasmo di chi si gode la vita, ho sempre visto il lato positivo di ogni cosa e ultimamente mi sembra che le persone intorno a me abbiano svariati problemi ad ogni soluzione. La mia domanda è sono troppo infantile io? Crescere vuol dire spegnersi? Altrimenti consigli per adattarsi alla società senza cambiare troppo? Mi stanno facendo sentire sbagliata e non so come aggiustare le cose.. Grazie a chi mi risponderà

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAG 2021

Gentile Francy,
grazie per questa riflessione perché racconta di qualcosa di cui si parla poco: dei cambiamenti importanti nella vita dei trentenni. Si dà per scontato che a quest'età si sappia cosa fare e come. In realtà molti si sentono a disagio come te. Vedono gli altri cambiare mentre loro restano a guardare un po' sconcertati perché non capiscono quel cambiamento o non ci si riconoscono.

Crescere non vuol dire spegnersi però significa prendersi più responsabilità. Forse sono queste responsabilità che ti fanno sembrare gli altri spenti. Con più responsabilità alcune cose si perdono ma non tutte, è importante poter continuare a sentire l'entusiasmo per la propria vita.

Non credo tu sia sbagliata, ti stai solo accorgendo di un cambiamento che ti riguarda vedendo gli altri metterlo in atto. E' come se ti si fosse accesa una lampadina che ti ha fatto pensare "Oh, è ora di cambiare!". Ma forse non ti senti pronta o comunque non vuoi farlo come gli altri.

Cerca il tuo modo per fare questa crescita senza rinunciare alle parti di te che ami. Non ci sono regole rigide puoi scegliere tu come crescere.

Un caro saluto,
Dr Katjuscia Manganiello | Psicologa e Psicoterapeuta a Pesaro e Online

Dr.ssa Katjuscia Manganiello Psicologo a Pesaro

223 Risposte

243 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2021

Gentile Francy,
comprendo il tuo disagio legato questi sentimenti scaturiti dalle relazioni con i tuoi coetanei. Spesso tendiamo a confrontarci con le altre persone, e ciò ci porta a chiedere a noi stessi se siamo o meno adeguati e se il nostro stile di vita sia conforme ai canoni della società.
Ma chi definisce cosa sia normale? E soprattutto, cos'è normale? E' una definizione molto soggettiva. Racconti di essere sempre stata una ragazza entusiasta della vita e con spirito ottimista. Non può essere questa la TUA normalità? Finchè siamo felici del nostro modo di essere e sentiamo di non avere la necessità di cambiare qualcosa in noi, meritiamo di sentirci adeguati alla società.

Prova a riflettere su ciò che significa per te il "sentirsi giusta". Ti riconosci in questa definizione che hai dato? Come ti senti in questi panni? Approfondire i propri pensieri e aspettative ci aiuta a riflettere su ciò che è utile a noi e al nostro benessere.

Rimango a disposizione anche online, un caro saluto
Dottoressa Erica Simoni

Dott.ssa Erica Simoni Psicologo a Parma

122 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2021

Buongiorno Francy,
Sicuramente in quest’ultimo anno e mezzo, con la pandemia e tutte le restrizioni che ne conseguono, è stato ancora più difficile mantenere i legami e sopratutto poter investire su nuove relazioni.
Penso che non esista più una “normalità” che valga per tutti. L’idea che ci costruiamo di ciò che è normale e cosa no, dipende sicuramente dai modelli familiari e dal contesto in cui si è cresciuti.
Mi permetto di porle una domanda: davvero vuole lasciare o sacrificare una parte di sé, rinunciando ai suoi bisogni, per adattarsi alle persone che le sono intorno?
Se per lei è “normale” uscire, vestirsi con quello che più le piace, non fare figli solo perché “ormai si ha 30 anni”, penso che dovrebbe
circondarsi di persone che la pensano come lei o che non la facciano sentire sbagliata solo perché ha uno stile di vita differente.
Se le persone di cui parla, sono la sua famiglia e non solo amici e conoscenti, forse sarebbe opportuno approfondire meglio quali sono le dinamiche familiari.
Se ha domande o dubbi, resto a sua disposizione (ricevo anche on line).
Un cordiale saluto
Dott.ssa Emilia Arganese

Dott.ssa Emilia Arganese Psicologo a Bologna

3 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2021

Carissima Francy,
faccia solo quello che la fa stare bene. La società e l'essere umano in generale spinge sempre verso un conformismo ed un etichettamento: facilita sia nel controllo sia nella gestione del quotidiano. Non si faccia spegnere l'entusiasmo che ha ancora, anzi se lo tenga stretto. Dall'altra parte non perda nemmeno contatto con la realtà in cui vive e con le responsabilità che, anche se non cerca, comunque esistono.
Sono a disposizione
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

415 Risposte

116 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2021

Cara Francy, la società ci spinge a conformarci a delle regole ben precise, che tuttavia fanno perdere in ogni persona la propria autenticità. Questo ci porta a non conoscere realmente i nostri bisogni e noi stessi. Credo sia invece importare conoscere tutto quello che concerne il nostro sé, per realizzarci non venendo meno alle nostre esigenze e non abbattendoci a causa delle pressioni che ci arrivano dall'esterno.
Ognuno é nel suo tempo ed ognuno é diverso, é proprio questo che ci rende cosí speciali.
Un saluto.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1611 Risposte

864 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2021

Buongiorno Francy.
Come hai notato crescendo si va incontro a tanti cambiamenti e ci si può sentine un po' spaesati.
Sembra però che tu faccia spesso il confronto tra te e chi ti sta intorno. Come per capire se stai facendo la cosa giusta. Corretto?

Non è possibile dire se una traiettoria di crescita sia giusta oppure no, ma è possibile esplorare quali bisogni stanno sotto i dubbi che porti.

Alcuni di noi sono abituati a pensare che siano gli eventi esterni a determinare quello che siamo o che dovremmo essere, per esempio l'età. È possibile invece cercare di capire "che cosa significa per me" avere trent'anni e crescere.

Questa prospettiva più soggettiva ed emotiva può permetterci di sviluppare una maggiore consapevolezza di noi e imparare a gestire quelle resistenze interne che ci fanno tanto soffrire.

Rimango a disposizione se dovessi ritenerlo opportuno.

Buon tutto.
Vittorio Arrigoni

Dott. Vittorio Arrigoni Psicologo a Cantù

46 Risposte

33 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 28950

domande

Risposte 98950

Risposte