Ci siamo lasciati e mi sto pentendo, sono bloccata

Inviata da GRosa · 15 set 2020

Abbiamo entrambi 21 anni e stavamo insieme da 4, negli ultimi tempi non stavamo bene, credevamo che fosse la relazione il problema ma a posteriori pensiamo anche che sia una fase di crescita in cui abbiamo bisogno di pensare a cosa potrebbe farci stare bene individualmente , quali sono i nostri desideri, chi siamo... Perché singolarmente non siamo felici e ci siamo buttati le nostre insicurezze addosso senza comunicare davvero. Da qualche settimana ormai ci siamo detti che dobbiamo prenderci questo momento per pensare a noi stessi e cercare di stare bene, ma è un periodo indefinito e in questo modo non riesco ad andare avanti, ma soprattutto non so se lui mi vorrà ancora , ho paura di perderlo. Mi manca ogni secondo e so che siamo innamorati ma abbiamo tanta paura. Vorrei proporgli di mettere delle regole a questo periodo: una scadenza, chiarire che nel frattempo non dobbiamo avere altri rapporti, chiarire che ad un certo punto dovremo decidere se tornare insieme o lasciarci per sempre. Purtroppo penso che non gli piacerà la proposta. È una brutta idea? Se lui non accettasse come dovrei vivermi questa cosa indefinita ? Vi ringrazio..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 SET 2020

Cara Rosa,
Pensi che mettendo delle regole riesci a controllare le tue insicurezze?
In alternativa potresti proporgli di intraprendete insieme un percorso di sostegno psicologico, anche online, con un professionista per chiarire ad entrambi le modalità relazionali, per farvi prendere consapevolezza delle vostre insicurezze prima di prendere ogni futura decisione.
Ti invito a riflettere su questa proposta, visto che a quanto pare i tuoi sentimenti sono forti e sicuri.
A presto
Dott.ssa Daniela Calabrese psicoterapeuta Roma e online

Studio Psicologia Calabrese Psicologo a Roma

78 Risposte

106 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 SET 2020

Buongiorno,
mettere delle regole potrebbe apparentemente tranquilizzarla, perchè le darebbe un'illusione di controllo. In realtà non si può prevedere nè controllare dove porterà questa pausa che mi sembra sana, perchè dettata da ragioni buone. Avete entrambi bisogno ora di investire le vostre energie individualmente, andando alla scoperta di voi stessi, lavorando sulle vostre insicurezze, rafforzando la vostra identità. Perseguire il proprio benessere ed equilibrio come individui è fondamentale per poi poter stare in coppia in modo più maturo. Forse conviene fidarsi e vivere e lasciare che le cose accadano, senza forzarle. Avete un mondo da scoprire dentro e fuori di voi. Può darsi che l'esplorazione vi riporti insieme, non è detto, ma quello che conta è non aggrapparsi a quello che c'è per paura di proseguire. Questo frenerebbe la vostra evoluzione....
Un sincero in bocca al lupo
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

378 Risposte

179 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 SET 2020

Buongiorno. È facile, a volte, tornare a guardarsi indietro laddove presente e futuro siano difficili da mettere a tema o non propongano possibilità chiare, viabili, identitarie. Potrebbe sentirsi pers*, spaventat*, bloccat* perché non vede futuri possibili. Sarebbe quindi importante mettere a tema i tempi esistenziali e i contesti per comprendere se questo ritorno sia giustificato dal sentimento o da questa sensazione di sentirsi bloccati e impossibilitati a proseguire. Tanto più quando l'altra persona è stata o è fonte importante di co-percezione. Le scadenze sono sempre poco utili: in base a cosa si fa un tempo? Forse la modalità migliore per investire in questo tempo è proprio quella che ha giustificato la rottura: ritrovar-si, investendolo in se stessi e provando allora a capire, una volta fatto questo, il significato, il valore, e il senso di questo rapporto soprattutto in ottica di progettualità identitaria. Il consiglio è prendere in considerazione un percorso volto a comprendere meglio la sensazione di stallo e l'orizzonte d'attesa personale, cercando di comprendere il senso del rapporto alla luce di esso. E nel frattempo, non mettere regole che possano modificare le esperienze in modo poco naturale. Cordialità, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1024 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102450

Risposte