che approccio schegliere?

Inviata da cecilia. 28 nov 2017 8 Risposte  · Counseling

salve, sono una ragazza di 28 anni. Da un po di tempo sono alla ricerca di uno psicologo solo che ho vari dubbi su quale scegliere, mi spiego meglio.. non so che tipo di approccio sarebbe più efficace nel mio caso. io vivo uno stato di depressione e ansia cronica.. sono in continuo conflitto con i miei familiari e non riesco a pormi degli obiettivi, mi sento completamente persa. non sto riuscendo a riordinarmi nemmeno la camera sono bloccata all'università e non sto facendo niente di costruttivo per il mio futuro. sapreste consigliarmi a chi rivolgermi .. ho gia fatto l'emdr e non mi è piaciuta per niente.. avrei bisogno di parlare e scavare per capire da cosa dipende tutto ciò.. grazie

ragazza , riesco , capire

Miglior risposta

Gentile Cecilia,
Come ribadito da diversi colleghi ogni approccio psicoterapico ha la propria valenza di cambiamento. Lei desidera approfondire la storia personale, forse una psicoterapia psicoanalitica le permetterebbe di accedere direttamente al l'inconscio. L'importante che sviluppi un buon feeling ed una sana alleanza con il professionista scelto.
Cari saluti
Dott.ssa Donatella Costa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Cecilia,

ogni approccio può essere paragonato ad un vestito, ovvero deve sentirsi a suo agio indossandolo poiché non esiste un approccio migliore di un altro.Per fare ciò deve inevitabilmente provare a rivolgersi ad un collega che segue un approccio differente da quello che ha già sperimentato e valutare da sè.
Il sentirsi a proprio agio dipende molto dalla relazione che instaurerà con il /la collega, non sentirsi giudicata le permetterà di intraprendere un percorso che la porterà a superare questo difficile periodo.
Cordiali saluti
Dott.ssa Barbara Testa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott.ssa Barbara Testa Dott.ssa Barbara Testa

84 Risposte

59 voti positivi

Gentile Cecilia,
per approfondire i temi vivi che hai citato e che sono alla base del tuo malessere ti suggerisco una psicoterapia con orientamento cognitivo-comportamentale pur riconoscendo che anche altri approcci possono essere efficaci dando per scontata una buona motivazione e, in corso di terapia, un rapporto di fiducia ed una buona alleanza terapeutica.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

5334 Risposte

15043 voti positivi

Ciao Cecilia,
io non mi sento di consigliarti nessun approccio particolare in quanto la scelta del terapeuta e del metodo di intervento è necessariamente dettata da fattori soggettivi. Nell'indecisione la cosa che potresti fare è provare, cioè andare a parlare con più terapeuti di approcci diversi per essere più informata sui diversi metodi di intervento per poi scegliere quello che senti più congeniale per te. Fra l'altro molti terapeuti offrono gratuitamente il primo colloquio preliminare.
Rimango a tua disposizione per eventuali richieste o domande.
Un saluto.
Pierluigi Salvi

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott. Pierluigi Salvi - Associazione di Promozione Sociale LOGOS Empoli Dott. Pierluigi Salvi - Associazione di Promozione Sociale LOGOS Empoli

116 Risposte

29 voti positivi

Salve Cecilia.
La ricerca ha dimostrato che tutti gli approcci psicoterapeutici sono ugualmente validi, poiché i fattori che rendono efficace la terapia sono trasversali (alleanza col terapeuta, genuinità della relazione, possibilità di fare esperienza diverse da quelle consuete in un contesto protetto...). Gli orientamenti terapeutici servono più a noi professionisti per crearci un quadro coerente della situazione che abbiamo di fronte piuttosto che ai clienti che ci chiedono aiuto. L'invito generale, tuttavia, è quello di consultare l'albo online della sua regione e scegliere tra gli iscritti, possibilmente annotati come psicoterapeuti, poiché solo questo le garantisce di essersi rivolta a una persona competente.
Le auguro di trovare il suo modo di stare bene, resto a disposizione.
Enrica Sabatino

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott.ssa Enrica Sabatino Dott.ssa Enrica Sabatino

19 Risposte

8 voti positivi

Ciao Cecilia! Condivido il consiglio della collega. Sicuramente una terapia ad orientamento cognitivo- comportamentale oppure breve strategica. Anche attraverso il Counseling psicologico si ottengono ottimi risultati perché si va a lavorare sulle risorse, sulle motivazione,sugli obiettivi, sulla crescita personale ecc. Ma non in presenza di una psicopatologia. In ogni caso rivolgiti sempre ad un espero iscritto all'albo che aderisce ad un Codice Deontologico che va a salvaguardia del cliente! Ciao Cecilia, buona giornata!

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott.ssa Roberta Manicuti Dott.ssa Roberta Manicuti

8 Risposte

1 voto positivo

Buongiorno Cecilia,
per i disturbi d'ansia sono indicati sia l'approccio cognitivo comportamentale, sia la terapia strategica .Tuttavia ogni persona, proprio per le sue peculiarità, può trarre beneficio da approcci diversi. L'aspetto fondamentale, a mio parere, è lo stabilire una buona alleanza terapeutica che le permetta, come lei dice, di scavare e di essere accolta ed ascoltata.
Un caro saluto
Dott.ssa Vanda Braga

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 NOV 2017

Logo Dott.ssa Braga Vanda Dott.ssa Braga Vanda

1219 Risposte

1026 voti positivi

Buonasera,
Posso chiedere come mai ha fatto emdr?
Ogni approccio ha la sua efficacia se fatto bene.
Posso solo consigliarle a livello di evidenza scientifica il cognitivo-comportamentale.
Per qualunque informazione sono a disposizione.
Saluti
Dott.ssa Federica Citarei

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

28 NOV 2017

Logo Dott.ssa Federica Citarei Dott.ssa Federica Citarei

17 Risposte

3 voti positivi