Cambio vita e amicizie

Inviata da Alice · 12 mar 2018 Terapia di coppia

Buongiorno a tutti e grazie in anticipo a chi risponderà. Sto per porre una domanda che non sò nemmeno se sia inerente a questo portale.
Da 5 mesi sono andata a convivere con il mio compagno, premessa: io e il mio compagno ci siamo conosciuti 1 anno e mezzo fa nel mio attuale posto di lavoro (siamo colleghi), nel mentre io avevo una relazione con una persona da ormai 6 anni ma era agli sgoccioli, tutto tra di noi andava male, dal sesso ai semplici momenti insieme, tutto di lui mi dava adirittura fastidio. Se questa persona mi avesse chiesto di vivere assieme sarei scappata urlando. Il e il mio compagno siamo diventati prima amici e poi molto di più: penso che, nonostante le differenze tra da noi, sia la persona con cui mi sento più a mio agio nel mondo. Posso fare la scema, fare tutte quelle cose che prima non facevo e sentirmi amata come non mai e soprattutto, mi fà ridere come poche persone sulla terra! Prima di vivere assieme vivevo in un piccolo appartamento in città assieme alla mia conquilina storica, che considero come una sorella, e un coinquilino che ho odiato fino all'ultimo momento. La situazione in casa era diventata ingestibile: lo detestavo, ero costantemente nervosa, dormivo male, fumavo tanto, bevevo tanto ed ero sempre stressata, non riuscivo mai a rilassarmi veramente. La scelta di andare a vivere assieme al mio compagno è stato anche per dare una svolta "ai miei nervi". Da quando siamo assieme a casa sono più rilassata, ho più tempo per me, non soffro più d'insonnia cronica e bevo di meno. Insomma, sono rinata! Ma se da un lato io sono diventata una persona nuova, dall'altro ho l'impressione che la mia ex coinquilina serbi del rancore nei miei confronti, del rancore perchè me ne sono andata. Adesso vivo fuori città, tra il lavoro e tutto ci vediamo di meno, magari la sera non ho piû tutta questa voglia di fare baldoria come se fossimo ancora gli studenti squattrinati di un tempo. Ho un buon lavoro, una bella casa e stò mettendo via dei soldi per comprarmi un'auto (sogno di una vita). Come faccio a capire se stò immaginando tutto? E se fosse, come faccio a farmi "perdonare"? Perchè la sento cosí arrabbiata? Io non capisco, finalmente dopo anni faccio una vita DIGNITOSA, senza vivere in un tugurio con sconosciuti, e lei si deve incazzare? Non voglio che questo rapporto si deteriori, ma mon è colpa mia se ho avuto una volta!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAR 2018

Gentilissima Alice,
per molte persone i cambiamenti rappresentano una opportunità per altre difficoltà e chiusura. Lei ha intrapreso nuove strade che la rendono felice e soprattutto più serena, direi più in equilibrio con se stessa. Nella sua amicizia con la coinquilina forse rafforzavate quella parte di malessere personale alimentandvi negativamente l’un con l’altra ; spirale che il suo ragazzo sembra avere interrotto. Alla sua amica sembra quindi mancare un “ appoggio” ; mi ricorda quelle amicizie da bar in cui chi smette di bere si sente deriso e spinto nel bere da chi inconsapevole invidia la capacità e la forza di chi é riuscito a smettere. Fare scelte nuove, impone involontariamente a chi sta accanto domande e dubbi, che possono essere sentiti come dei pungoli, possono fare sentire inadeguati. Tra lei e la sua amica ora si accentuano di più le differenze ( su quello che volete dalla vita) che le similitudini. Ma anche in questo caso le differenze possono rappresentare grandi opportunità : per lei di chiarire il suo punto di vista spiegando alla sua amica che gli affetti si possono moltiplicare non necessariamente dividere, per la sua amica iniziare a guardare fuori da se stessa, felice per le sue realizzazioni. Dovrebbe parlarle, spigandole quanto le dispiaccia della distanza che si é creata tra voi ( mi sembra sia l’emozione che pervade la sua mail) provando a capire al contempo i sentimenti della sua amica.
Non credo che lei debba farsi perdonare perché oggi é una persona felice, può comprendere meglio dal chiarimento se può avere ferito la sua amica senza essersene resa conto. Ma se il motivo di tanta rabbia risiede nel fatto che lei ora sta cambiando e ciò che prima le piaceva ora non le appartiene più , il problema mi sento di dirle non é il suo. Un buon amico gode della felicità della persona a cui vuole bene, non può e non deve remare contro. A volte dobbiamo imparare a lasciare andare... per acquisire nuove amicizie, amori, possibilità ecc ... può essere faticoso e doloroso ma spesso necessario per il nostro bene!
Un Cordiale saluto
Dott.ssa Monica Rupo

Dott.ssa Monica Rupo Psicologo a Nichelino

3 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 92000

Risposte