Buongiorno, ho paura di quello che pensa mia figlia

Inviata da Carla Genovese · 11 dic 2019

Salve, volevo chiedere consulenza riguardo un dubbio che mi tortura da tempo. Ho una figlia, di 18 anni, con la quale abbiamo sempre avuto un rapporto aperto, di dialogo. Da un po' di tempo a questa parte, ha iniziato a parlarmi in modo ironico ma velamente disperato dei suoi problemi.
Ora: lei ha affrontato un periodo molto buio, caratterizzato da crisi di pianto quotidiane e assenza di sonno, per un bel po' di mesi; questo l'avevamo risolto (a detta di mia figlia, almeno) con l'aiuto di una psicologa, che le aveva diagnosticato un lieve disturbo comportamentale. Dopo qualche mese di frequenza, mia figlia ha smesso di andare dicendo di esserne guarita. Io ero felice di ciò, e sembrò andare tutto liscio nella sua vita.
Da un po' di tempo a questa parte, sembra abbia avuto una ricaduta, ma non credo grave come ai livelli dell'anno scorso: ha subito una separazione con uno dei suoi amici più stretti e a scuola non si trova molto bene, trovandosi spesso a litigare con un insegnante.
Non so se si tratta di un accumulo di stress, ma ora quando torna a casa non fa che raccontare sempre le stesse cose che la fanno stare male (sia di scuola che non), come se fosse un pensiero ossessivo dalla mattina fino alla sera; parla sempre dell'amicizia importante finita qualche mese fa; è tornata a parlare del suo disturbo come se non ne fosse mai guarita, facendone cenni con fare ironico su se stessa, quasi come a prendersi in giro per avercelo. Quando non parla di queste cose con me, la trovo a piangere silenziosamente. Eppure a me sembra non dire tutto il malessere che potrebbe avere, parla sempre delle stesse cose sopracitate pur raccontando la stessa storia più di una volta ed è come se deridesse se stessa.
Cosa posso fare? Non so cosa stia succedendo, ho paura faccia gesti avventati. Mi sento impotente.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 DIC 2019

Gentile Carla, a volte quando si comincia una psicoterapia può capitare di sentirsi meglio e di avere la sensazione che tutto si sia stabilizzato, la maggior parte delle volte il percorso di cambiamento richiede dei tempi lunghi, superiori a pochi mesi. Se sua figlia ha già iniziato un percorso con una psicologa potrebbe ricontattare la stessa professionista e riprendere da dove hanno interrotto. Ovviamente potete optare anche per un'altro psicologo, ma ovviamente ciò significa raccontare tutto nuovamente e creare una relazione di fiducia con un'altra persona.
Saluti

Dott.ssa Sara Vassileva Psicologo a Genova

107 Risposte

41 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte