Buongiorno, ho davvero bisogno di aiuto

Inviata da Barbara · 15 set 2020

Buongiorno,
Ho davvero bisogno di aiuto.
Sono stata lasciata dopo 3 anni improvvisamente. Io 25 anni, lui 35.
Siamo sempre andati d'accordo, mai nessuna crisi o problema, eravamo in sintonia su tutto. Tutto questo fino all'ultimo giorno. Nell'ultimo periodo è sempre stato più che presente, è voluto venire a casa mia fino al giorno prima, mi ha portata a cena fuori e parlavamo delle vacanze da fare a breve. Sono solo alcuni esempi ma è per far capire che non mi ha mandato alcun segnale del suo "malessere". Circa una settimana fa, nel pieno idillio della nostra relazione e dopo avermi mandato messaggi dolci e carini per tutto il giorno mi dice che la sera deve parlarmi. Quando mi presento da lui, mi dice che non prova più le stesse cose di prima e che non c'è rimedio. Io, disperata e soprattutto sconvolta nel non riconoscere più la persona che avevo accanto, tento di farlo ragionare e soprattutto di capire come abbia potuto comportarsi così bene nell'ultimo periodo se nella sua testa e nel suo cuore le cose stavano cambiando. In lacrime mi dice che non c'è nessun'altra e che doveva essere sicuro prima di dirmi una cosa del genere. Comunque dopo avermi vista disperata decidiamo di provare ad andare avanti e mi fa rimanere a dormire a casa sua e mi invita a pranzo dai suoi genitori. Io, nuovamente in lacrime, lo supplico di non riprovarci per "pena" ma solo se fosse stato realmente convito. Mi dice di sì, ma in realtà due giorni dopo mi scrive che non può andare avanti così senza sentimento. Ci vediamo un'ultima volta e poi mai più nessun contatto. Durante il nostro ultimo confronto non mi ha dato alcuna spiegazione esaustiva del perché si sia letteralmente trasformato in un giorno se lui a questa cosa ci stava pensando da tempo. Ha scritto a tutti i nostri amici dicendo che ci siamo lasciati perché il suo sentimento è finito ed io mi meritavo sincerità. Ha ricominciato ad uscire e a fare la sua vita.
Io dopo giorni di dolore, senza dormire e senza mangiare, ho accettato la fine del sentimento da parte sua. Ma non riesco ad accettare il suo comportamento. Lui sarà anche stato sincero ma solo quando lo ha deciso lui. Mi sento presa in giro, non so più con chi ho vissuto l'ultimo mese di relazione. Proprio come ha detto lui, ho dato e fatto tanto per lui, perché non mi sono meritata un briciolo di sincerità? Mi aspettavo un po' più di maturità da parte sua. Tutti mi dicono di andare avanti perché nulla può cambiare le cose. Io non vorrei contattarlo per tornare insieme a lui o per sembrare disperata ma vorrei solo capire il perché del suo comportamento. Dopo tre anni mi ha cancellato da un giorno all'altro. Noi parlavamo davvero di tutto, siamo andati d'accordo per tanto tempo proprio perché ci confrontavamo. Mi diceva sempre che avremmo parlato sempre di tutto per non arrivare ad un punto di non ritorno, invece così non è stato. Piano piano riprenderò in mano la mia vita ma mi chiedo tutti i giorni "come ha potuto comportarsi così?". La cosa mi logora dentro, vorrei scrivergli, anche se non credo riuscirebbe a darmi molte più risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 SET 2020

Cara Barbara,
da psicoterapeuta specializzata in problematiche di coppia, comprendo bene il suo sconforto e la sua frustrazione a seguito di questo improvviso abbandono che ha le caratteristiche pari a quelle di un vero e proprio lutto dentro di lei, tant'è che la prima reazione è l'incredulita e la mancata accettazione della situazione. In questo caso si aggiunge anche la sensazione di essere stata presa in giro nell'ultimo mese.
Mi sento di dirti che ognuno di noi non cambia "all'improvviso", ma tutte le nostre scelte sono frutto di un processo interiore che immagino sia avvenuto anche nel caso che ci hai esposto, ma che evidentemente il suo compagno ha ritenuto opportuno non fartene partecipe, per le motivazioni che ti ha espresso.
Anche se è difficile da accettare, credo che il primo passo da fare è lasciar cadere tutti i tuoi perché ed affrontare un percorso di sostegno psicologico per accettare la nuova situazione e poter riprendere in mano la tua vita guardando a tutte le potenzialità che sicuramente hai in te stessa.
Potrebbe anche trattarsi soltanto di un momento transitorio che il tuo compagno sta attraversando, per cui sarebbe opportuno che lui facesse il suo percorso e chiarisse le sue perplessità e tu ti riappropriarsi della sicurezza in te stessa per poter guardare con serenità la tua vita futura e fare riemergere tutte le risorse per poter guardare avanti.
A presto.
Dott.ssa Daniela Calabrese psicoterapeuta Roma e online

Studio Psicologia Calabrese Psicologo a Roma

78 Risposte

106 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte