bugie università

Inviata da Isabella · 20 giu 2017 Crisi esistenziale

Buongiorno dott. Pandiscia,
mi chiamo Isabella e ho quasi 29 anni. Le scrivo per chiedere un consiglio su un problema che ho da anni e non riesco a debellare: il problema della bugia. Ritengo che la causa di questo problema sia da ricercare nella dinamica famigliare, che ancora oggi mi fa sentire molto insicura e mi fa avere complessi di inferiorità. Da piccola avevo un carattere molto chiuso e timido e a scuola ero una bambina che tendeva a isolarsi piuttosto che a giocare con gli altri. Perciò venivo etichettata come "diversa" dai miei genitori. Il rapporto con loro è stato piuttosto travagliato, spesso, quando commettevo degli errori o andavo male a scuola mi picchiavano, specialmente mia madre. Sono passati tanti anni, ma io quelle botte non le ho ancora dimenticate. Non vedevo i miei genitori come persone con cui confidarsi, ma come nemici che mi incutevano terrore. Per non parlare di frasi offensive che mi venivano rivolte e dei costanti paragoni a cui venivo sottoposta ("non sei come gli altri/sei diversa/ma proprio a me sei capitata?/ma non puoi essere come tuo fratello?/a te non ti può vedere nessuno/tu non sei in grado di lavorare perchè sei imbranata) frasi che sono state ripetute continuamente e per lungo tempo e che mi hanno dato l'impressione di essere davvero così. A scuola venivo rifiutata dai compagni perchè ero timida. Tutte queste circostanze hanno provocato in me insicurezza,e,di conseguenza, il meccanismo della menzogna. Io dovevo mentire sui miei risultati scolastici per illudermi di soddisfare le aspettative dei miei genitori.

Anche all'università ho mentito, arrivando addirittura a definire il giorno della mia fittizia laurea e a stampare una tesi falsa. I primi anni di università andavano bene, ho scelto io la facoltà che mi piaceva. Poi però, ho iniziato a mentire. Ho mentito la prima volta dicendo che mi sarei laureata, per poi trovare il coraggio di confessare. I miei genitori mi hanno dato la possibilità di andare avanti, sono andata avanti facendo esami, poi però sono caduta di nuovo nello stesso tunnel, mentendo una seconda volta. E poi una terza e una quarta. Mi accorgevo che se si parte da una piccola menzogna, poi inevitabilmente si entra in un tunnel di bugie, perchè da una bugia ne nasce un'altra. Agli esami prendo voti abbastanza soddisfacenti, ma il mio problema non è l'università, è la menzogna. Alla mia età non lavoro,vivo con i genitori, mi mancano 3 esami alla triennale e continuo ancora a mentire. Ho detto ai miei genitori che ho fatto e superato un esame il 6 giugno, ma non è vero. Mi sto impegnando per fare tale esame il 28, ma loro non lo sanno. Mi sento una fallita, ancora oggi mi sento una persona molto insicura, porto ancora dentro i segni di quella che è stata la mia adolescenza e la mia infanzia. Mi riprometto sempre di dire loro la verità per essere anche io piu' serena, ma non ci riesco, perciò adotto sempre il meccanismo della bugia. Per me la bugia è un rifugio, oltre che una "vendetta": so che i miei genitori stanno male per le mie bugie, perciò inconsciamente mi sto vendicando di tutto il male che mi hanno fatto loro. Temo che se scoprono che non ho fatto l'esame il 6, mi ritirino davvero dall'università.

Oggi sono una ventinovenne che non fa nulla, non lavoro, sono "ferma", vivo sulle spalle dei genitori, non guido la macchina, non ho molti amici. Non mi impegno perchè non mi sento all'altezza e mi sento insicura. So che mentire è sbagliato, sono la prima a saperlo, ma vorrei liberarmi da questo problema che mi fa sentire uno schifo. Non ho soldi da spendere, le chiedo, perciò, di darmi, nel limite delle sue possibilità, un consiglio su cosa fare, su come riprendere in mano la mia vita e recuperarmi.
Forse avrei dovuto affrontare prima il problema per non arrivare a queste conseguenze?
La ringrazio per la sua attenzione.
Cordiali saluti,
Isabella

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 GIU 2017

Buonasera Isabella, grazie per essersi aperta in modo così esaustivo e dettagliato.
Provi a valutare le spiegazioni che lei fornisce per spiegare il suo passato, non solo come una fonte di giustificazione del presente, ma come un punto di partenza per cambiare e migliorare il futuro.
Come lei stessa ha suggerito, le menzogne sono probabilmente dovute al difficile rapporto con i genitori durante tutta la sua vita, fonte dell'insicurezza che lei stessa avverte e dell'"ansia da prestazione" nei loro confronti che la porta a dire bugie, innescando un circolo vizioso.
Potenziando gli aspetti della vita in cui acquisire autonomia e sicurezza, abbandonerà il bisogno di soddisfare l'ideale di figlia perfetta (dicendo bugie) e imparerà a farsi rispettare come persona autonoma.
E' importante che uno psicologo la sostenga in questo difficile cambiamento e la guidi nel farsi forte dei propri traguardi.
Anche avendo possibilità economiche limitate, si può rivolgere a sportelli gratuiti e asl in grado di seguirla meglio dal punto di vista professionale.
Prendo spunto dalla sua ultima domanda per dirle che non è mai tardi per prenderne atto e innescare un processo di cambiamento e le auguro una buona serata.
Dott.ssa Ilaria Albano

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologo a Milano

269 Risposte

330 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2017

Gentile Isabella,
lei ha fatto una analisi abbastanza dettagliata che spiega l'origine del suo problema (ricorrere alle bugie) con lo stile educativo negativo ricevuto in famiglia.
Questa sua consapevolezza dovrebbe, a mio avviso, ora che non è più una bambina ma una donna, darle il coraggio e l'energia per abbandonare il meccanismo della bugia e confrontarsi da adulta con i suoi genitori restituendo loro nè più nè meno tutto quanto ha scritto in questa mail.
Inoltre lei non dovrebbe svalutarsi poichè nonostante le sue insicurezze e paure, sia pure con ritardo, alla fine riesce a cogliere dei risultati e dovrebbe impegnarsi per concludere il suo corso di studi.
E' comprensibile che la bugia sia per lei un rifugio, per quanto non utile! Meno comprensibile è il fatto che possa rappresentare anche una vendetta.
Infatti più che a questa forma di vendetta lei dovrebbe ricorrere ad una forma di rivalsa o "risarcimento" col dire ai suoi genitori la verità e chiarendo qual'è stata la loro parte di responsabilità nell'indurla a ricorrere alle bugie per evitare scontri per lei traumatizzanti.
Con questa chiarezza sarà certamente possibile iniziare una migliore relazione con i suoi genitori senza più la necessità di perpetrare questo suo comportamento infantile, disfunzionale ed ansiogeno.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7531 Risposte

21073 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte