Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Blocco universitario, causa sconosciuta

Inviata da Ilaria il 3 ott 2019 Orientamento scolastico

Salve a tutti!
Vi scrivo perché ho un blocco universitario e non so come uscirne, vedevo tanta gente in questa situazione e non riuscivo a capire perché, ora ci sono finita io a causa di un esame e non riesco ad uscirne fuori.
Frequento la facoltà di chimica, iscritta al secondo anno, sono rimasta indietro di un solo esame, un esame che in realtà non è neanche tra i più difficili anzi, il professore è eccellente, io ho passato la parte scritta ma per poterlo passare tutto devo integrare con l’orale.
Sono stata bocciata all’orale in primis perché mi sono resa conto di non aver studiato a dovere, inoltre, una volta arrivata lì, sono andata totalmente in panico.
Diciamo che la maggior parte dei miei esami è principalmente scritto, il mio primo esame fu strano perché andai bene allo scritto, ma feci così pena all’orale che dovetti accettare anche un voto basso, nonostante fossi preparata.
Ma la situazione ora è diversa, ripeto, il prof è eccellente, disponibilissimo e non mette nessuno in agitazione, ma nonostante ciò, io sono andata in panico e tralasciando la mia scarsa preparazione non sono riuscita a cavarmela.
Dovrò ripetere l’orale e tutto ciò mi sta turbando tantissimo, perché? Ci penso notte e giorno, penso che se non dovessi passarlo abbandonerei l’uni e se lo dico ai miei colleghi si mettono a ridere dicendo “ma sul serio hai paura di questo esame? scherzi?”
il fatto è che ho questo grande problema nell’esporre materie scientifiche oralmente; ho frequentato un liceo classico, sono stata abituata a parlare di filosofia, letteratura utilizzando tanti periodi ipotetici nei discorsi che facevo, ma con chimica non posso farlo.
Non riesco proprio a non utilizzare un periodo ipotetico e me lo dicono sempre, mi dicono (ad esempio): “Signorina, qui stiamo parlando di cose certe, non stiamo ipotizzando che l’elettrone possa esistere, esiste e basta! punto”
ed io mi abbatto, ogni volta che penso alla parte orale dei vari esami vado in panico, trovarmi lì davanti ai prof mi uccide ancora di più perché ho sempre paura di fare brutte figure, di apparire stupida proprio perché non riesco a parlare e inizio a balbettare, utilizzando anche un italiano poco corretto.
Cosa posso fare? Spero possiate darmi dei consigli, cordiali saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno,
mi colpisce molto l'ansia e la preoccupazione che manifesta nel post. Sembra che si sia creato un circolo vizioso che le impedisce di andare avanti perché le occupa e assilla la mente.
Sembrerebbe che il problema sia più legato all'esposizione orale, al doversi confrontare con un'altra persona, che un problema di preparazione. Però quest'ansia influisce pure sulla preparazione.
Sarebbe buono rivolgersi a qualcuno con cui poterne parlare, penso che sia un empasse momentanea risolvibile anche in breve tempo, ma sarebbe buono prendere consapevolezza del meccanismo per evitare che perduri o si ripresenti in futuro.
In bocca al lupo
Dott.ssa Monia Crimaldi
Psicologa psicoterapeuta
Palermo

Dott.ssa Monia Crimaldi Psicologo a Palermo

164 Risposte

249 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Ilaria, mi rendo conto quanto sia difficile convivere con l'impasse di un blocco universitario. Il problema d'ansia legato agli esami orali, è un problema che riscontro in molti giovani pazienti. Nel suo caso, potrebbe essere un problema temporaneo, ma avrei bisogno di conoscere altri dettagli per comprendere se il problema già sussisteva prima o se si è presentato solo adesso in concomitanza con qualche evento stressante.
Se il problema è solo legato a questo particolare esame potrebbe risolversi spontaneamente, mentre se questo blocco le sta provocando un forte disagio che si sta tramutando in un problema ansioso le consiglio di approfondire tramite una consulenza psicologica online.

Saluti.

Dott.ssa Jessica Zecchini
Psicologa Psicoterapeuta a Pescara
#Consulenza psicologica online
#Percorsi brevi di terapia online

Dott.ssa Jessica Zecchini Psicologo a Pescara

9 Risposte

2 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Ilaria,
le potrebbe essere utile soffermarsi sui due punti della sua lettera che mi hanno colpito.
Il primo riguarda la scarsa preparazione che lei segnala in questo esame.
Mi sono chiesta: perché una persona che sta vivendo un periodo di ansia, non fa la prima cosa che ogni studente sa; cioè arrivare all’esame con un livello di preparazione più elevato che in altre situazioni? Infatti in una situazione in cui uno sente di non essere in grado di controllare alcune variabili, almeno il dato certo della conoscenza dell’argomento dell’esame dovrebbe essere fonte certa di sicurezza.
Il secondo punto è questo: lei segnala di avere difficoltà nell’esporre oralmente materie scientifiche. Curioso che lei si senta più sicura nell’argomentare su questioni filosofiche e nel maneggiare frasi con struttura ipotetica.
Mi chiedo se la contrapposizione tra materie scientifiche, cioè certezza/e materie filosofiche, per definizione incerte, non sia l’epifenomeno’ di un dilemma interno: in questo momento non so quali siano le mie certezze.
Qui mi fermo perché le ipotesi (incerte) diventano in ambito psicologico certezze, solo quando la soggettività della persona trasforma quella specifica ipotesi in oggettiva, facendola diventare certa.
In altri termini io posso avere delle ipotesi che devono però essere confrontate con il suo pensiero che è la sola a sentire quale strada sia quella che le consente di dissipare i propri dubbi.
Buon lavoro
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

16 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon pomeriggio,
sono d'accordo con i miei colleghi, consiglio anch'io di consultare un collega nella città in cui risiede per far chiarezza.
Abbia fiducia in lei e nelle sue capacità, anche se per il momento sembrano congelate.
cordialmente
Dr. Berto

Dr.ssa Maria Luisa Berto Psicologo a Ponteranica

2 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno
Come evidenzia la collega è interessante come lei, buona allieva e capace di esprimersi in modo adeguato e fluente nelle materie letterarie, vada in panico e non sia più capace di sostenere un orale nel quale inoltre è supportata da un buon insegnante.
Sicuramente più ci pensa e più la paura cresce diventando un ostacolo più grande della prova stessa.
Un piccolo lavoro con un terapeuta psicologo potrebbe aiutarla a smontare il blocco che ha creato e che le impedisce di vedere la realtà così come si presenta. Lei sicuramente deve cambiare impostazione di linguaggio, da ipotetico a certo ma ha le capacità per farlo. Proviene da un percorso di studi che all'inizio ha dovuto affrontare come qualcosa di nuovo e nel quale tuttavia è riuscita bene. Così come prova il passato è in grado di farlo ora. Ciò che le manca non sono le capacità quanto piuttosto scardinare la paura e vedere in modo anche ironico ciò che le accade. Ha presente l'incantesimo Ridiculus di Harry Potter? La paura diventa un gigante se la lasciamo crescere e ci domina impedendoci qualsiasi azione e movimento. Se riusciamo a smuovere anche solo di un po' le cose la situazione cambia.
Sono certa per tale motivo che alcuni incontri possano davvero aiutarla fare un piccolo lavoro di smascheramento e di rivalutazione della situazione permettendole di andare oltre questo ostacolo.
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento o approfondimento
Laura Gaido

Dott.ssa Laura Gaido Psicologo a Grugliasco

65 Risposte

43 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Ilaria, non dici la tua età che potrebbe aiutare a capire, ma a me sembri sulla soglia di un bel cambiamento, che deve essere coraggioso. Può darsi che tu abbia sbagliato facoltà, ma se ci tieni ad essere un chimico ( o chimica), sarai un chimico di eleganza classica. Tranquilla, se hai vent'anni puoi sbagliare ancora un paio di facoltà.. ma se ti apri ad un consulto andrà senz'altro meglio.

Dott. Bonacina Giampiero - Psicologo e Psicoterapeuta Psicologo a Valmadrera

21 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Bisogna capire quali aspettative si celano dietro al dover fare per forza bella figura. Mi sembra che abbia avuto un buon percorso universitario e questo rappresenta il primo “fallimento”. Cerchi di perdonarsi ed essere meno severa con se stessa. Sarebbe utile parlarne con un terapeuta di questo “blocco” e poter superare questa empasse.

Dott.ssa Daniela Germano Psicologo a Bari

12 Risposte

8 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Ilaria,
Non deve essere facile per lei trovarsi in questa situazione. Mi sembra che si sente bloccata da questo esame, e che si trovi soprattutto a disagio nel doversi esporre davanti ai professori. E forse la paura di fare brutte figure la agita ancora di più, così da aumentare la possibilità di sbagliare e fare proprio ulteriori "brutte figure". Poi a questo sembra che si aggiunga anche la paura del giudizio dei suoi colleghi...
Penso che prima di consigliare qualsiasi cosa occorre capire il significato che c'è dietro queste sue paure, e dietro questo suo blocco. Sicuramente tante persone, come ha detto lei, si sono bloccate davanti a degli esami durante il loro percorso universitario, ma occorre capire il significato che ha per lei questo "blocco" considerando la sua specifica storia personale.
Sicuramente un percorso con uno psicologo può essere d'aiuto per fare luce su questi aspetti, e poi trovare possibili soluzioni.
Un caro saluto
Dott. ssa Veronica Carloni

Veronica Carloni Psicologo a Vimercate

6 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Ilaria,
non dev'essere facile la sua posizione, ed è comune agitarsi di fronte all'esame decisivo della carriera.

Le sensazioni, le emozioni e i pensieri che porta (la paura, il panico, il turbamento, l'abbattimento, la sensazione di fare pena, di non potercela fare, la paura delle brutte figure e di apparire stupida, la paura di iniziare a balbettare, l'ansia di non riuscire), uniti al carico di significato che pone in questo esame, sembrano esserle di grande ostacolo.

Le cose che riporta sono tutte normali: la paura ci segnala un pericolo, e il panico ci informa che stiamo per affrontare qualcosa di molto più grande di ciò che crediamo di poter affrontare.
Il giudizio, sia degli altri che di noi stessi, non aiuta, e ci crea giustamente molta sofferenza.
Inoltre, il modo in cui ci guardiamo e "i film" che facciamo su noi stessi (cioè il modo in cui ci raccontiamo) non aiuta per niente: anzi, ci intrappola e ci fa rimanere in queste situazioni di blocco.

Le consiglierei delle consulenze in vivo con uno specialista della città in cui vive, per approfondimenti sulla sua storia personale.
Prima però ne parli con il suo medico di base, in modo da inquadrare bene ciò che lei definisce "panico", e se vi sia anche altra sintomatologia (ad es. insonnia).

Le auguro una buona giornata e... buona fortuna!

Dott.ssa Cito Claudia Psicologo a Torino

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Ilaria. Sembra proprio che dal suo racconto trapelino sintomi di ansia sociale con una specifica situazionale che lei descrive precisamente: l’esame orale di chimica.
Affrontare i sintomi ansiosi e il panico significa osservarli senza scappare o evitare, comprendere le informazioni e il significato che ci stanno comunicando ed esiste infine la possibilità di utilizzare tecniche diverse che aiutano a ridimensionare i pensieri e le conseguenti reazioni fisiologiche e comportamentali. Attraverso un percorso di supporto psicologico potrà fare tutto ciò è prendere in mano davvero questo aspetto di se che la sta preoccupando.
Cordialità

Dott.ssa Silvia Tessarin Psicologo a Chiari

14 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Ilaria, forse il suo ragionare per ipotesi e la sua difficoltà ad esporre fatti concreti può secondo lei legarsi a una difficoltà a concretizzarsi nel suo futuro? Come cioè si vede tra qualche anno? Quali sono i suoi progetti?
Rimango a disposizione
saluti

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

225 Risposte

73 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Biongiorno,per prima cosa va compresa il bene l'entità del blocco, i pensieri che vi sono e gli effetti che essi vanno ad esercitare poi sulla prestazione.
Poter esamimare il circolo che viene a crearsi tra il pensiero dell'esame e il risiltato emotivo, cognitivo e comportamentale non solo renderà più chiaro il motivo del blocco ma anche di come esso si struttura e concretizza nel quotidiano.
Sappiamp omfatti che i nostri pensieri predispongono le nostre facoltà cognitive ad assolvere a un certo scopo, nel caso specifico ipotizzo la protezione da un possibile "danno" ad ino scopo importante.
Con tale consapevolezza sarà possibile trovare strategie per il superamento sia di quel particplare esame sia poi di allargarle a situazioni simili nel futuro.
Consiglio quindi di contattare uno specialista.
Saluti dottoressa Ciacci

Dott.ssa Maria Noemi Ciacci Psicologo a Grosseto

42 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte