Blocco sessuale del mio compagno, crisi psicofisica personale

Inviata da DyDee · 1 set 2016 Problemi sessuali

Buongiorno,
mi trovo in una situazione da cui non riesco a venire a capo, e che sta minando la mia serenità psicofisica. Col mio compagno (ci frequentiamo da 6 mesi, io 35 anni lui 41, amicizia trasformatasi in relazione assidua) c'è una grande affinità e complicità in ogni ambito ad eccezione di quello sessuale. Lì lui ha una sorta di blocco, a cui non cerca nemmeno di dare giustificazioni. È un "no" e basta. Gli piaccio, gli piace trascorrere il suo tempo con me, insieme parliamo e ridiamo tantissimo, mi cerca. Anche dall'esterno, la percezione degli altri di noi come coppia è ottima. Ma quando poi, sotto le lenzuola, prendo iniziativa (lo slancio parte sempre da me), 8 volte su 10 si nega, scansandomi letteralmente, e invitandomi a "smetterla". Per poi poco dopo, rendendosi conto del mio dispiacere, chiedermi scusa, senza mai addurre una motivazione o un pretesto ma risolvendo il tutto con un generico "non sei tu, sono io". Le volte in cui prende lui l'iniziativa, tutto si riduce alla fellatio, e l'orgasmo lo raggiunge solo con la masturbazione. Null'altro. Nelle mie precedenti esperienze non mi è mai capitata una cosa del genere. Le prime volte mi sono sentita umiliata e offesa; poi nel tempo ho via via cercato di cambiare approccio, più e più volte, nella speranza di trovare quello che più lo mettesse a suo agio, ma niente. Ne abbiamo provato a parlare (il problema si ripresenta puntualmente), ma è come se lui non riuscisse nemmeno ad ammettere di avere un problema con me. Sarebbe tutto perfetto, se non fosse per questo aspetto. Lui ha avuto, come me, svariate esperienze sia sentimentali che sessuali in senso stretto; non mi pare abbia (o almeno, non me l'ha mai detto) gusti o fantasie particolari; ci tiene molto alla forma fisica (si allena costantemente almeno 3-4 ore al giorno) e alla salute; certamente potrebbe essere un fattore di stress il fatto che attualmente non stia lavorando, ma è sempre di buonumore, brillante e socievole con tutti; mi riempie di attenzioni e di coccole; insomma apparentemente pare sia tutto a posto. Ma io sto risentendo profondamente di tutto questo. Oltre al senso di umiliazione e frustrazione (che mi ha inizialmente portato a credere di essere io il problema), al dispiacere per non riuscire a raggiungere un'intesa che altrimenti sarebbe perfetta, sono continuamente nervosa, fumo tantissimo, perdo peso e dormo male. Ci tengo moltissimo a lui ma a questo punto ho quasi la sensazione di "star perdendo tempo", e questo mi stressa ancora di più. È davvero l'unica soluzione, chiudere questa storia? Chiedo aiuto. Grazie a chiunque risponderà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 SET 2016

Buongiorno,
la situazione che racconta non è rara da trovare. Molte persone nella relazione di coppia possono avere delle difficoltà nell'ambito sessuale. Il problema, da quello che emerge dal suo racconto, sembra coinvolgere delle preoccupazioni sue e del suo compagno riguardo la sfera sessuale, ma probabilmente riguarderà anche altre modalità di relazione.
Le consiglierei di parlarne con lui, dicendogli quanto questo fattore (ovvero la difficoltà sessuale) che la preoccupa possa in qualche modo metterla non a suo agio e proporgli di intraprendere insieme un percorso di supporto psicologico di coppia che porti entrambi a esplorare i propri pensieri e le proprie preoccupazioni e a riscoprire un rapporto sessuale soddisfacente. Adatto può essere l'approccio cognitivo comportamentale che esplora i vostri pensieri dietro a questa problematica e attua nella pratica cambiamenti comportamentali.
Distinti Saluti

Dott.ssa Silvia Rongoni Psicologo a Roma

5 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2016

Salve DyDee,
mi pare di capire che lei già abbia cercato di affrontare il problema col suo partner, ma senza mai trovasrlo disponibile a un vero dialogo. Sembra che lui neghi o sottovaluti l'importanza di una buona intimità sessuale nella coppia e questo comporta una svalutazione dei suoi bisogni di donna senza un'assunzione di responsabilità da parte sua.
Se ritiene utile ritentare ancora, può fargli presente in modo più incisivo e determinato la necessità di affrontare la questione, o con una terapia di coppia o con interventi individuali con medici o psicologi per capire qual è il "suo" problema. Naturalmente non deve essere una minaccia, ma una posizione ferma da parte sua, chiaramente motivata dalla sua sofferenza. Se la risposta fosse ancora una volta deludente, dovrà trarne le conclusioni lei stessa: non è disponibile a mettersi in discussione. Vuole continuare una relazione a senso unico in cui c'è preoccupszione solo per i bisogni di dei due a scapito dell'altro?
In bocca al lupo
Anna Maria Deutsch psicologa psicoterapeuta a Sassari

Anna Maria Deutsch Psicologo a Sassari

52 Risposte

30 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2016

Carissima,
la perseveranza con cui il tuo compagno tiene al suo aspetto fisico suggerisce una personalità di tipo narcisistico.
Tale categoria di persone hanno l'obiettivo di apparire superiori o comunque perfette, ed evitano qualsiasi occasione in cui tale presunta perfezione possa essere messa in dubbio.
Queste persone sono anche, in genere, afflitte da ansia di prestazione, cioè paura di non apparire speciali, e l'ansia inibisce l'eiaculazione durante il rapporto sessuale.
Sapendo ciò, ovviamente evita ciò che per lui è una profonda umiliazione che gli provoca rabbia.
Ma questo non è il problema principale.....questo tipo di persone conosce l'ammirazione, non l'affetto, ed il loro comportamento impeccabile e premuroso (perfetto) spesso viene erroneamente scambiato per affetto.
Pensaci

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

406 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

«È davvero l'unica soluzione chiudere questa storia?». No, non c'è mai mai un'unica soluzione. Penso che il problema principale non sia tanto la mancanza di intesa sessuale quanto la mancanza di confronto su questo aspetto. mi dà l'idea di una zona perimetrata da filo spinato e con il cartello Divieto di Accesso.
Anche riguardo alla sensazione di "perdere tempo", DyDee, se lei ha chiaro il modo in cui desidera impiegare il suo tempo e come vuole costruire la sua storia, è bene che troviate il modo di dialogare perché il tempo è il bene più prezioso che abbiamo. Se vi accorgete che in questo momento non riuscite a raggiungere un livello di dialogo efficace, chiedere aiuto ad uno psicologo di coppia può essere una buona idea.
Buon cammino.

Dott. Christian Giordano Psicologo a Roma

50 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

Buongiorno, la storia che ci racconta fa emergere un profondo disagio che fatica lei stessa a far emergere, quando "apparentemente"le cose vanno bene. Se sposta L attenzione su cosa accade interiormente cosa accade? la sessualità è parte integrante di una relazione amorosa pertanto soffocare il problema che lei avverte e' la strada peggiore da percorrere. esistono delle soluzioni anche delle consulenze con degli esperti di coppia, ma il primo passo sicuramente è aprire le porte al dialogo in modo più incisivo tra di voi, in maniera aperta e sincera. Un equilibrato rapporto di coppia ha come presupposto L ascoltarsi a vicenda e trovare delle soluzioni, non soffocare i problemi che emergono anche se ad avvertirli e' solo un membro della coppia. Le porgo i miei saluti e non esiti a contattare uno psicologo della sua zona.

Dott.ssa Maria Pizzale Psicologo a Roma

90 Risposte

49 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

Cara Dydee, è evidente che c'è qualcosa che non va nella relazione con il suo compagno. Soprattutto perché pare anche che il discorso non si possa affrontare in modo chiaro e soprattutto pare non ci sia la volontà di affrontarlo. La vita non sessuale sembra idilliaca e perfetta ma sappiamo che non lo è affatto, visto che c'è un problema( e i problemi fanno parte della vita di tutti) ma il suo compagno nella gran parte del tempo si mostra come se non ci fosse alcun problema. Cerchi di affrontare la cosa con lui chiedendo chiarimenti e facendogli capire che questo è un vuoto nella relazione che la logora e che non si può accontentare( come è evidente) di una relazione basata sull' apparenza.Aldilà dei problemi che lui non manifesta, lei se la sente di continuare una relazione così poco serena e che la sta logorando. Non credo che caricarci dei fardelli degli altri e che gli altri non vogliono condividere ci possa aiutare a vivere meglio la nostra vita. Inoltre una relazione in cui non si comunica su cose intime ed importanti le sembra così perfetta?

Le auguro la forza di fare chiarezza e qual' ora non ci riuscisse da sola, si rivolga ad un terapeuta della sua zona.

Dr.ssa Simona Coscarella
Psicologa-Psicoterapeuta Cosenza

Dr.ssa Simona Coscarella - Studio di Psicoterapie Brevi Strategiche Psicologo a Cosenza

130 Risposte

113 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

Cara DyDee,
mi descrivi una situazione davvero dolorosa: sentirsi in una sintonia così forte con una persona alla quale sembra manchino solo alcuni momenti di intimità gratificanti è proprio un qualcosa che fa male.
Può essere utile tener presente che:
- noi tendiamo a considerare il desiderio di fare l'amore con una persona con cui stiamo bene come praticamente automatico e in buona parte è veramente così
- il desiderio di intimità è, però, anche un qualcosa di estremamente delicato che può essere facilmente compromesso da molti fattori, come disfunzioni ormonali, nodi psicologici irrisolti, disarmonie di coppia sottili che possono sfuggire.
Questi problemi spesso si possono risolvere, ma il guaio sembra essere che per il tuo compagno non ci sono problemi. Che fare quindi?
Un primo suggerimento è quello di provare a sospende completamente la tua "iniziativa sessuale" e di lasciare a lui di decidere se, come e quando fare all'amore (perché a volte i maschi sono spaventati dall'iniziativa sessuale delle femmine).
Se non ottieni risultati, il secondo tentativo potrebbe essere quello di far presente nel modo più dolce e delicato ma chiaro possibile al tuo compagno che per te avere dei momenti di intimità completa è qualcosa di irrinunciabile, che potrebbe compromettere il futuro della vostra relazione, ed esigere da lui che si attivi per cercare soluzioni, pena l'interruzione della relazione.
Un cordiale saluto.

dott. Gabriele Andreoli psicologo psicoterapeuta

Dott. Gabriele Andreoli Psicologo a Isola della Scala

22 Risposte

15 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 SET 2016

Salve, dal suo racconto mi sembra di capire che il suo compagno ha delle difficoltà nell'ambito sessuale, di cui, sicuramente, lei non è la responsabile, nè tanto meno la causa. Il sesso in un rapporto è molto importante e capisco la sua frustrazione e il suo malessere. Più che sul malessere del suo compagno, che non può scomparire senza l'accettazione, la consapevolezza e la voglia di risolverlo, bisognerebbe che si concentrasse sul suo di malessere e chiedersi se questo sia vincolante e quanto vuole investire in questo rapporto.

Anonimo-156678 Psicologo a Capri Leone

1 Risposta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte