Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Binge eating disorder.

Inviata da Giulia · 23 dic 2015 Anoressia

Salve, dopo un periodo di anoressia dell'estate 2014 sono caduta nel terribile binge all'inizio saltuario poi sempre più riccorente, fino ad ora che mi abbuffo ogni singolo giorno. Alterno periodi in cui compenso le abbuffate con lo sport ma in questo periodo in cui la pressione scolastica è maggiore non riesco a concentrarmi su me stessa e il mio benessere per cui dopo l'abbuffata studio.
Sono ingrassata di 7 kili in 3 mesi e questo mi deprime alquanto peggiorando la mia situazione, incentivando le abbuffate perchè penso "tanto visto che sono già grassa meglio aproffittarne". Chiedo un consiglio a voi esperti per uscire da questo incubo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 DIC 2015

Gentile Giulia,
come forse già sai, il tuo disturbo alimentare con gli episodi di abbuffate tipici della bulimia nervosa è un modo per combattere l'ansia, il senso di inadeguatezza e la depressione.
Per questo motivo la terapia necessita di un approccio multidisciplinare dietetico, psicoterapeutico e, se necessario, farmacologico.
Il suggerimento è di iniziare con una psicoterapia cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6881 Risposte

19182 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 DIC 2015

Buona sera Giulia
non permetta che la problematica peggiori e chieda aiuto ad un terapeuta specializzato e competente in disturbi del comportamento alimentare della sua zona.
Chiedere aiuto è il primo passo per fare progressi, anche ai famigliari/genitori per avere il sostegno necessario ed il miglior aiuto possibile.
Possono essere la manifestazione di situazioni semplici o complesse e se c'è la giusta motivazione e l'aiuto adeguato si possono superare.

Dott.ssa Stefania Lamiani Psicologa Clinica Psicoterapeuta

Dott.ssa Stefania Lamiani Psicologo a Milano

1 Risposta

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 DIC 2015

Carissima Giulia,
Per evitare che la situazione peggiori ti consiglio di rivolgerti ad un terapeuta specializzato in disturbi alimentari.

A disposizione

Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

391 Risposte

430 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 DIC 2015

Gentile Giulia,
Il binge eating, così come l'anoressia sono manifestazioni di un disagio psicologico legato alla difficoltà di gestire e "sentire" le proprie emozioni. Come hai notato, ad esempio, le tue abbuffate sono legate a momenti di stress (momenti di pressione a scuola) e probabilmente anche ad altri momenti di tensione emotiva che tendi a sfogare o gestire attraverso il cibo, e che poi per senso di colpa tendi a compensare con le attività sportive. Discorso simile per l'anoressia, dove il restringimento e controllo del cibo sono un modo per tenere similmente sotto controllo le emozioni. Prova a compilare un "diario emotivo-alimentare" dove proverai a segnare e monitorare quello che mangi e le emozioni che stai provando in quel momento, e vedrai che troverai un collegamento. Detto ciò, credo che per la tua salute fisica sia bene rivolgerti a qualche specialista, un dietologo e uno psicoterapeuta, che ti possano aiutare, lavorando insieme, a uscire da queste difficoltà.
In bocca al lupo e auguri
Dott.ssa Angela Beatrice Marino
Psicologa

Dott.ssa Angela Beatrice Marino Psicologo a Arese

49 Risposte

41 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 DIC 2015

Gentile Giulia,
I disturbi alimentari sono disagi molto seri indipendente dalla forma e dal nome con cui vengono identificati. Esprimono un forte malessere celato dentro che vuole emergere, farsi sentire. È bene che tu abbia consapevolezza di quanto ti accade ma è importante che tu te ne prenda cura attraverso percorsi adeguati, ovvero una psicoterapia e una consulenza nutrizionale. Sicuramente scoprirai le ragioni per le quali ti abbuffi così tanto. È probabile che tu abbia da riempire un vuoto emotivo che sentì dentro e attraverso il cibo vi una consolazione, rudimentale ma immediata. Rivolgiti a qualcuno vicino a dove vivi.
Rimango a disposizione.
Un caldo saluto
Dott.ssa Anna Gallucci

Dott.ssa Anna Gallucci, Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Vicenza

126 Risposte

69 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 DIC 2015

Salve giulia,
Leggo Quanto scrive e posso percepire e cogliere la sua sofferenza legata ad un disturbo di tipo alimentare .
Purtroppo il disturbo alimentare nasconde una sofferenza più profonda che è esule dal l'apparente cattivo rapporto con il cibo.
Il cibo solo successivamente diventa simbolicamente una forma di compensazione , soprattutto nel b.e. , ad un vuoto interiore a cui non diamo voce e cerchiamo in questo modo di colmare e mettere a tacere.
Considerando il suo iter , le consiglio vivamente di pensare
all' eventualità di un percorso terapeutico .

Dr.ssa Carmen Avitabile Psicologo a Napoli

4 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 DIC 2015

Ciao Giulia. Concordo con la collega. Parla con i tuoi genitori del disagio che stai vivendo e che senza dubbio l'aiuto potrai riceverlo da uno specialista nel settore dei disturbi alimentari. In genere l'anoressia e la bulimia vanno a braccetto e sono solo la punta dell'iceberg. Cerca nel paese in cui vivi un centro specializzato a cui puoi rivolgerti. Un augurio di buone feste e buon tutto.
D.ssa Loredana Ragozzino

Dott.ssa Loredana Ragozzino Psicologo a Falconara Marittima

16 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 DIC 2015

Cara Giulia
non permettere che questa problematica continui ad avanzare e chiedi un aiuto competente di uno psicoterapeuta nella tua zona.
Parla, confidati e fidati dei tuoi genitori e dì loro che vuoi risolvere il problema chiedi di essere aiutata.
Se farai questo ti sentirai subito un poco meglio.
Tieni bene in mente che i problemi si possono risolvere se c'è la giusta motivazione e quindi inizia a crearti il pensiero "ce la posso fare" e fai le azioni giuste e risolutive; ripeto: parlare con i tuoi e chiamare uno specilaista psicoterapeuta.
Un caro saluto e auguri
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6928 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Anoressia

Vedere più psicologi specializzati in Anoressia

Altre domande su Anoressia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22550

domande

Risposte 83650

Risposte