Bimbo di 3 anni e il rapporto con il papà

Inviata da Punta · 13 nov 2020

Buonasera, vorrei avere un consiglio. Ho un bimbo di 3 anni.
Siamo molto legati, sono molto presente per lui, cerco di essere autorevole cercando di trovare mille soluzioni e mantenere fino a che mi è possibile la calma non alzando mai le mani per dargli sculacciate o cose varie anche se ogni tanto scappa la pacca al sedere. E nel mio piccolo comunque mi ascolta anche se poi, essendo un bimbo comunque piccolo, i capricci li fa.
Mio marito lavora molto, quando torna a casa certo è molto stanco, ma per quello che riesce, cerca di giocare con nostro figlio, seppur magari per poco tempo perché poi si mette sul divano a guardare la TV. Il problema nasce quando, da un certo punto in poi, nostro figlio sembra quasi come se lo rifiutasse. Non gli dà la buonanotte, non vuole farsi toccare o dare bacini da lui, solo da me. Lo scaccia proprio.. Va a giorni e lui ne soffre molto di questo vedendolo come un affronto personale. E così iniziano a bisticciare, fino a che va a finire che il piccolo si mette a piangere o che magari il papà preso dal dispiacere faccia il musone e non se lo fili più, quasi come una ripicca. Ecco... Succede quasi ogni giorno. Non ne posso più... Ho provato a dire a mio marito di passare un po' più di tempo di "qualità" con lui ma mi risponde sempre con la solita frase " guarda che è anche figlio mio, non solo tuo" come se volesse dirmi che sa lui come fare. Diciamo che lui non ha molta pazienza e molte volte chi ci rimette è il bimbo, ma forse perché io ne ho troppa e vorrei che lui fosse come me.. Io vi chiedo come fare per risolvere questo a mio avviso problema.. Anche perché poi diventa motivo di discussione tra di noi e non voglio, mi dispiace quando poi sento dire che è lui il genitore cattivo ecc. Potete aiutarmi in qualche modo? Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 NOV 2020

Buongiorno,
a tre anni i bambini di solito hanno già iniziato a dire di no, a testare i limiti e a vedere cosa succede. È un atteggiamento normale e fa parte dello sviluppo, portando il piccolo ad acquisire sempre più autonomia e fiducia in se stesso. Per i genitori è un po' una palestra, tornerà utile, in particolare poi in adolescenza.
Succede che un bimbo piccolo mostri la sua "preferenza" per uno dei genitori, spesso per quello più presente che in gran parte dei casi è la mamma. La cerca quando ha bisogno di essere consolato, rassicurato o quando ha voglia di coccole. Un po' alla volta scopre anche il divertimento con il papà e lo cerca sempre di più. Capita che il papà ci stia male, oppure la mamma, quando il bimbo va molto in cerca per esempio dei nonni. Si diventa gelosi ed è comprensibile. Ma non vuol dire che Suo figlio voglia meno bene al papà. Serve un po' di pazienza, essere disponibili senza insistere, si può proporre un gioco che al piccolo piace, fare qualcosa tutti insieme e lasciare anche lo spazio esclusivo a loro due, in casa o fuori.
Il papà è il papà, non può essere la mamma e non è utile che diventi come Lei. Può aiutare Suo marito lasciando che costruisca man mano la relazione con il piccolo, quando sta per tornare dal lavoro, Lei può coinvolgere il bimbo ad aspettare il papà che tra poco arriva, lasciare che il marito faccia a modo suo, senza imporgli i tempi e la modalità.
Per quanto riguarda la Vostra relazione, gli può dire quello che ha scritto qui, quindi che Le dispiace vederlo soffrire per questa situazione e poi non criticarlo. Infine è utile ricordarsi che non siete solo i genitori del Vostro figlio ma anche una coppia.
Se dovesse sentirsi ancora in difficoltà, preoccupata o insicura, chieda una consulenza psicologica. A volte basta poco e si comincia a stare meglio con se stessi e con gli altri.
Un caro saluto,
dott.ssa Katarina Faggionato

Dr.ssa Katarina Faggionato Psicologo a Vicenza

423 Risposte

197 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte