Bimbo di 3 anni con comportamento troppo irruento per l'asilo

Inviata da craffy · 16 ott 2014 Psicologia infantile

Buongiorno, ho un bimbo di 2 anni e 10 mesi che da pochi giorni ha iniziato l'asilo senza problemi apparenti, anzi è molto contento di andare e le maestre lo confermano.
Sin dall inizio però c è stato il problema di andare in bagno: lui a casa è assolutamente autonomo o va da solo o lo accompagno io, mentre a scuola non intende andare e quindi o se la fa sotto o se la tiene fino alle 16!!!(non riesco a capire qual è il suo problema!!!)
Ma il punto che maggiormente ci preoccupa è che sin da subito le maestre hanno detto che è un bimbo molto "fisico", è irruento nel relazionarsi con i compagni, (è fisicamente molto piu grande della sua età...dimostra tranquillamente 4-5 anni) hanno sempre sottolineato che il suo comportamento non mostra cattiveria, sembra quasi che non si renda conto di quanto puo fare male col suo corpo.
Da qualche giorno le maestre ci dicono e lui lo conferma che sta sempre con una bimba, sembrava avere un debole per lei e anche lui mi confermava che le sta sempre vicino, la abbraccia, la bacia...ora..ieri mattina la maestra mi ha detto che la bimba sembra avere gli incubi di notte e si fa la pipi a letto ma non ha dato troppa importanza alla cosa ribadendo che la bimba è particolarmente suscettibile e non ama essere toccata e dicendo che mio figlio si vede che la vuole solo abbracciare...ma oggi la maestra mi ha confermato che lo ha colto in flagrante mentre le dava dei pizzichi (che poi non capisco proprio perchè io non l ho mai visto dare un pizzico...non pensavo nemmeno fosse in grado...!!!) e la bimba è andata via in lacrime.
Io sono mortificata...i genitori di questa bimba si sono mostrati alla maestra piuttosto contrariati e io non so cosa fara...ho provato in tutti i modi a dirgli di lasciarla stare, di non toccarla perchè non le piace...l'ho anche messo in punizione, l'ho sgridato...
Non sappiamo cosa fare..Ci dia un consiglio, anche perchè già i compagni lo additano come quello che spinge e mena, non vorrei che oltre ad essere pericoloso per gli altri, inizi a vivere l esperienza della scuola come frustrante!
Grazie in anticipo del prezioso consiglio

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 OTT 2014

Buongiorno Craffy
nel momento in cui i bambini vengono inseriti all'Asilo entrano in contatto con un mondo sociale più vasto e soprattutto con molti nuovi compagni.
In questo momento mostrano il loro modo di "approccio" con i compagni, approccio al gioco, alle maestre e all'ambiente.
Mostrano comportamenti inediti, anche di tipo adattivo e rispondono in un modo o nell'altro a tutti questi nuovi stimoli.
Questo sta facendo suo figlio.
Non sappiamo bene come gestire queste forme di disagio che scaturiscono nel lasciare andare (vedi anche problema del bagno) e nel cercare una socializzazione anche irruenta e fisica.
Per una maggiore ed esatta comprensione dei problemi uno Psicoterapeuta dell'infanzia penso possa offrire una adeguata lettura dei problemi e consigli.
Cordiali saluti
Psicoterapeuta Silvana Ceccucci Studio in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7030 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 OTT 2014

Le consiglio alcuni colloqui di consulenza genitoriale dove, lei e suo marito, potete ricevere indicazioni su come rassicurare vs figlio e trovare le modalità idonee per superare queste difficoltà. L'ingresso nel percorso scolastico è l' uscita dal contesto familiare, il primo contatto con l'ambiente sociale con figure adulte altre, con regole e norme proprie, diverse da quelle della famiglia. A volte c'è la necessità di un accompagnamento e sostegno

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 OTT 2014

Gentile Craffy, l'ingresso in asilo è un momento molto delicato nella vita di un bambino: per la prima volta sperimenta una sua autonomia, si distacca dalla casa e dai suoi genitori e si ritrova a dover affrontare nuove figure (maestre e compagni).
Non è insolito che i bambini riscontrino delle difficoltà in questo periodo.
Visto i moti "aggressivi" di suoi figlio le consiglierei comunque di rivolgersi ad uno psicoterapeuta dell'età evolutiva per poter affrontare questo momento.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte