Bimba di 3 anni che si strappa i capelli

Inviata da Daniela · 25 nov 2015 Psicologia infantile

Mia figlia di 3 anni da circa 2 mesi ha iniziato a strapparsi i capelli. All'inizio non abbiamo dato troppo peso alla cosa, ma ora si sono create delle zone in cui i capelli sono molto diradati, tanto da farci pensare di tagliarli corti in modo che non possa più strapparli. Mia figlia ha iniziato a settembre a frequentare la scuola materna e inoltre ad aprile è arrivato un fratellino. Io ho ricominciato il lavoro a settembre e lei quando torna dall'asilo è spesso dai nonni, con cui sta molto volentieri. Sicuramente per lei questi sono stati mesi pesanti, soprattutto per l'arrivo del fratellini... Siamo molto preoccupati per questa cosa e molto spesso non sappiamo neanche come comportarci, se sia meglio sgridarla oppure fare finta di nulla. Ultimamente lei ha anche iniziato a nascondere i capelli strappati. Di solito li strappa quando è da sola nel letto la sera o la mattina, quasi mai durante la giornata.
Ringrazio per l'attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 NOV 2015

Gentile Daniela,
in base a ciò che lei descrive nella sua lettera , emerge una situazione di stress e di frustrazione vissuta dalla bambina il cui disagio si trasforma in un agito. La tricotillomania ( la tendenza a strapparsi i capelli in modo insistente e continuo) potrebbe anche riflettere una fase transitoria di disagio che con un intervento rassicurante e contenitivo di voi genitori , potrebbe scomparire. Pertanto le consiglio di non rimproverare la bambina, né di mostrarsi particolarmente allarmata ed ansiosa quando manifesta il suo sintomo, ma è preferibile parlarle in modo rassicurante e di accompagnarla a letto creando un piccolo rito di addormentamento leggendole ad esempio una fiaba. Se il sintomo della bambina dovesse perdurare è bene rivolgersi ad uno psicoterapeuta dell'età evolutiva o della famiglia che accompagni voi genitori ad affrontare in modo più mirato i bisogni affettivi ed emotivi che sottendono il disturbo della bambina.
Cordiale saluti
Dott.ssa Alessandra Di Biase
Quadrivio di Campagna (Sa)

Dott.ssa Alessandra Di Biase Psicologo a Quadrivio

8 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2016

Salve Daniela,
forse l'approccio giusto non è nè sgirdarla, nè far finta di nulla: in entrambi i casi la bambina non riceve comprensione sul suo stato di malessere ( forse per questo inizia a farlo di nascosto).
Forse non è quello che vorrebbe leggere ma penso la soluzione migliore sarebbe quella di rivolgersi ad uno psicoterapeuta infantile.

Saluti
dot.ssa Maria Romanelli

Dott.ssa Maria Romanelli Psicologo a Roma

6 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2015

Cara Mamma
come sta ora la sua bambina?
Certamente la piccola deve aver sofferto per l'arrivo del fratellino e, nel momento di passaggio ad un assestamento di nuovi ritmi e abitudini di vita familiari, la sua insicurezza interiore si è espressa in questo modo.
Anche il bisogno di attirare su di sè l'attenzione dei genitori deve aver avuto parte alla creazione di questo sintomo.
E' importante che la bambina possa trovare modo anche col gioco, con disegni o altro di esprimere i suoi sentimenti spontanei.
Consiglio il libro del pediatra psicoterapeuta Roberto Albani "Capire tuo figlio" la cui lettura è molto d'aiuto ai genitori per acquisire buone modalità per comprendere e affrontare problematiche educative e capire davvero i bambini.
Un caro saluto a lei e alla sua famiglia
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7205 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 NOV 2015

Buonasera Daniela,
Sono d'accordo con la collega.Solitamente queste dinamiche sottendono una sorta di intolleranza alla frustrazione che se non affrontata può sfociare in questi agiti, per cui sarebbe utile confrontarsi con la bambina tramite il dialogo il gioco o qualsiasi mezzo per avvicinarsi al suo mondo, e tranquillizzarla su ciò che magari la preoccupa. I bambini vogliono essere tranquillizzati, confortati e magari ascoltati, anche se molto piccola, alcuni gesti di attenzione sarebbero efficaci.

Dott.ssa Roberta D'Amico Psicologo a Ostuni

10 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 NOV 2015

Gentile Daniela,
i cambiamenti a cui ha fatto cenno e che sono intervenuti nella vita della bambina possono spiegare il sintomo della tricotillomania poichè la bambina esprime con questo agito una situazione di disagio dal momento che non ha ancora sviluppato una buona capacità di verbalizzazione delle emozioni.
Pertanto, anzichè sgridarla è più opportuno che lei cerchi di farle prendere consapevolezza del suo stato emotivo ed esprimerlo con le parole anzichè con questo agito.
Spesso la tricotillomania è un momento transitorio della vita del bambino quando si individuano cause precise e risolvibili.
Se però questo problema si prolunga nel tempo e si associa a malessere e sofferenza emotiva è utile che lei si rivolga ad uno psicoterapeuta per opportuno trattamento.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadriviodi Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7280 Risposte

20576 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 NOV 2015

Buongiorno Daniela,

tanti sono i cambiamenti che Lei descrive avvenuti in pochi mesi nella vita della piccola. La nascita del fratellino, l'ingresso nella scuola di infanzia e il rientro al lavoro della mamma: i bambini esprimono i propri sentimenti e emozioni attraverso agiti e comportamenti.
Essi devono essere letti e interpretati dai genitori e da chi li accudisce.
Nella logica del bambino hanno un senso specifico; a tre anni non possibile riuscire a esprimersi in modo adeguato e cosi usano alcuni comportamenti per comunicare con gli adulti.
Provi a confrontarsi innanzitutto con le educatrici della scuola di infanzia per cercare di riflettere e capire insieme qualcosa di più.
La bambina trascorre la maggior parte della propia giornata a scuola con le educatrici.
Consulti inoltre - se Le possibile- uno psicoterapeuta per essere supportata e sostenuta circa la lettura di tale comportamento e per essere aiutata a trovare strategie efficaci per relazionarsi con la bambina; se è possibile recatevi da un collega insieme Voi genitori, Lei con il papà.
Nella maggior parte dei casi in breve tempo si comprende il significato del comportamento messo in atto dai bambini e si mettono a fuoco strategie utili e efficaci per far fronte alla problematica.
In bocca al lupo!

Dott.ssa Cristina Fumi
Psicologa-Psicoterapeuta
Milano

Dott.ssa Cristina Fumi Psicologo a Milano

233 Risposte

234 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte