Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Bimba con difficoltà di esprimere un disagio

Inviata da Giada · 15 apr 2016 Psicologia infantile

Buongiorno
Ho una bimba di 5anni e mezzo.
Purtroppo la piccola da circa una settimana o poco più sta vivendo un forte disagio,
In primis non vuole più andare alla scuola materna, abbiamo provato a cercare dei motivi e lei dice:
- non sono abituata alla maestra (quando è da novembre che è tornata quindi non comprendiamo perchè)
- non mi piaccioni più i miei compagni
- e soprattutto non voglio andare in giardino a giocare perché poi mi viene da raccogliere tutto da terra (anche la spazzatura) e portarmela a casa.
Riguardo all'ultimo punto, lei da un po' orma ha l'abitudine (che io non ho mai contrastato perché non mi sembrava grave) di conservare le scatole dei giochi, i bicchierini dei budini, i fiocchi dei regali e la carta regalo e cose così perché li vuole poi usare per fare dei lavoretti. Io le ho sempre detto che se voleve poteva conservarle e le ho anche fatto una scatola per conservarle ed ogni tanto le usiamo per qualche lavoretto. Non ci vedevo nulla di sbagliato.
Però appunto da ormai una decina di giorni, abbiamo notato che lei ora tiene tutto quello che trova sopratttutto che trova per terra anche in giro, in casa per terra e se lo nasconde in varie scatole dei suoi giochi, dalle briciole alle carte delle caramelle....noi ce ne accorgiamo solo se la vediamo, altrimenti me ne accorgo poi quando faccio le pulizie.
Quando la vediamo, le diciamo che la spazzatura va messa nel cesto della spazzatura perché così poi possono riciclarla per fare nuove cose e così lei, dato che aveva difficoltà a buttarle (insomma piangeva proprio tanto tanto), le ho detto di salutare la spazzatura e dire: "ci vediamo in un altro pacchetto di caramelle o in un altro sacchetto etc."
Se però non la vediamo, lei raccoglie e nasconde. Soprattutto a scuola!
Ora questa cosa la fa anche nel gardino della scuola, raccoglie le cose da terra (carte, fazzoletti e insomma la spazzatura) e se la mette nello zaino. Dice alla maestra: "vado a buttarlo" e poi lo mette nell'armadietto.
Io le ho spiegato che se trova della spazzatura per terra deve chiamare un adulto che la raccoglie oppure se proprio vuole raccoglierla deve però usare un bastoncino o dei guanti (perché se no rischia di farsi male o sporcarsi con cose magari che portano malattie) e metterla nel cestino della spazzatura perché così si può riciclare, altrimenti messa nello zainetto non va bene perché poi si sporca tutto e magari si rischia di prendere qualche malattia.
Lei piuttosto mi dice allora che non va in giardino così non le viene questa cosa di pulire e portare a casa.
Io e mio marito, dato che non vogliamo dettare legge e basta, vogliamo cercare di comperndere cosa sta dietro questo atteggiamento. Ora le diaciamo no, ogni volta che le viene l'impulso di raccogliere e le diamo anche una spiegazione, e cioè di stare tranquilla che a pulire ci pensano gli spazzini e soprattutto rischia di prendersi magari qualche malattia raccogliendo i rifiuti da terra, le diamo la possibilità di raccogliere qualche fiore e qalche sassolino o legnetto senza però riempire lo zaino, ma si vede che lei ne soffre.....Avete qualche consiglio?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 APR 2016

Cara Giada
io penso che questa mania di sua figlia di "prendere tutto quello che trova in giro" sia l'espressione di un bisogno di controllo causato da una forte insicurezza.
I motivi di questa insicurezza sarebbero da ricercare anche con l'aiuto di uno psicoterapeuta infantile.
Da quanto lei ci racconta, a me sembra che il vostro modo (genitori) di rapportarsi alla bambina sia sano e corretto, tuttavia è possibile che ci sia stato qualche fatto, qualche avvenimento, interiormente importante per la bambina, che le abbia fatto scattare un "campanellino d'allarme" e le abbia causato insicurezza ed estremo bisogno di controllo sull'ambiente circostante.
Per questo credo che le cose vadano verificate con un terapeuta.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6916 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 APR 2016

Gentile Giada,
le cose da indagare sono diverse. Bisogna tener conto di vari fattori: siamo ad aprile inoltrato e la bambina è stanca, è rientrata dalle vacanze di Pasqua e quindi ha assaporato un po' di famiglia e relax e probabilmente ha voglia di continuare a stare a casa. C'è poi da chiedersi se è successo qualcosa a scuola (un litigio con i compagni, è derisa o isolata dalle amichette...), lei Giada si è confrontata con la maestra? potrebbe essere che la bambina dia una spiegazione di disago con maestra e amici ma la causa sia imputabile ad un evento avvenuto a scuola; sul terzo punto in questione le consiglio di parlare con uno psicologo dell'età evolutiva della sua zona, potrebbe essere che la bambina stia associando il raccogliere per riciclare e giocare a un'attezione particolare per il collezionare le cose, che potrebbe arrivare un'ossesione vera e propria per l'accumulo in età più matura. Ma con il giusto "parent training" saprete gestire al meglio la situazione precocemente e annullare gli effetti sul lungo tempo.
Cordiali saluti
Dott.ssa Sabrina Fontolan

Dott.ssa Sabrina Fontolan Psicologo a Piove di Sacco

203 Risposte

233 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte