Bambino 9 anni piange sente la mancanza dei genitori

Inviata da Iru · 26 nov 2020

Salve mio figlio 9 anni piange non vuole andare a scuola dice che a scuola sente la nostra mancanza. Dice che la scuola non è più la stessa non può giocare con gli amici deve rispettare le distanze. La maestra è cambiata è nuova è una maestra molto nervosa urla si arrabbia e lui ci sta male. Abbiamo parlato con la maestra e con la dirigente al momento la situazione sembra sotto controllo. Cosa posso fare per aiutare mio figlio?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 NOV 2020

Salve Iru,
in questo momento di grande incertezza e paura i bambini sono spesso protagonisti di regressioni. Il suo bambino manifesta una paura del distacco tendenzialmente tipica di bambini più piccoli ed attribuibile ad una incertezza. In questo momento credo che una comunicazione chiara, semplice e sincera rispetto a quanto sta succedendo, sia a livello sociale, sanitario che familiare (essere spaventati o preoccupati è normale) sia un modo per sostenerlo e riportarlo ad una sicurezza che ad oggi viene spesso minata.
Saluto cordialmente e resto a disposizione per ulteriori chiarimenti
Dott.ssa Elena Molinelli

Dott.ssa Elena Molinelli Psicologo a Lodi

12 Risposte

37 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Gentile Iru,
lei ha già fatto una cosa importante che è quella di parlare con la maestra e con la dirigente rappresentando il turbamento del bambino alle urla della stessa maestra.
In effetti certi insegnanti possono essere per i bambini, a seconda dei casi, figure positive di riferimento oppure fonte di traumi.
Quanto al resto, al bambino va detta con garbo la verità sul momento difficile che tutti stanno vivendo nella speranza di tornare quanto prima alla normalità.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7180 Risposte

20396 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Gentile Iru, ho sentito di molte difficoltà lavorando con i bambini. A volte l'unica soluzione è cambiare scuola. Circa le misure, secondo me scellerate, che il nostro Governo, e la Scuola, hanno preso si sono mossi numerosi avvocati, in testa ai quali vi è l' avvocato Mauro Sandri ed Edoardo Polacco. Si informi e veda se la interessa. Li troverà facilmente su You tube.
Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

949 Risposte

387 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Gentile Iru,
Anzitutto spero che la situazione riguardo a come la maestra si pone nei confronti degli alunni sia sotto controllo.
Infatti, la figura della maestra consente ai bambini di avere, per la prima volta, una forma di identificazione con un adulto-guida esterno alla famiglia e spesso rimane per tutta la vita come un importante riferimento. Inoltre, se ella intimorisce i bambini è chiaro che questi non vogliano andare a scuola!
Riguardo a suo figlio, io credo che stiamo parlando di un bambino molto sensibile. Purtroppo, come moltissimi bambini adesso, egli sta vivendo il periodo storico nel quale ci troviamo, perciò manifesta, nella maniera che lei ci descrive, il proprio disagio.
Vorrei invitarla a riflettere su come il suo bambino ha vissuto il periodo della totale sospensione dei rapporti sociali e della scuola durante il lockdown...
Questo punto è importante per capire il senso del suo comportamento ad oggi e per definirne la coloritura emotiva...
Suo figlio peraltro è molto bravo perché esprime chiaramente ciò che prova traducendolo in parole!
Il suggerimento che vorrei darle quindi è quello di scoltarlo, accoglierlo e dialogare con lui per aiutarlo sciogliere i suoi disagi.
Se però il problema dovesse persistere le suggerisco di contattare uno/a psicoterapeuta che vi possa guidare in questo o che lavori direttamente con suo figlio.
Resto a disposizione per eventuali ulteriori informazioni.
Saluti cordiali,
Dott.ssa Verusca Giuntini

Dott.ssa Verusca Giuntini Psicologo a Firenze

60 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Gentile Iru,
concordo in generale con quanto le colleghe le hanno risposto.
Ogni bambino, dalla mia lunga esperienza anche di insegnante elementare, affronta le novità in base alle precedenti esperienze della sua vita.
Così, se i precedenti momenti di novità, come inserimento scuola materna, elementare ecc. sono stati simili nelle reazioni a quello attuale, è possibile che ci sia una certa difficoltà nell’affrontare i cambiamenti.
Un modo per aiutarlo è di parlare con lui di questo, sempre che voi siate sufficientemente sereni rispetto a questo fatto, cioè è necessario che la cosa non vi crei troppa ansia.
Tenete sotto controllo le sue difficoltà per verificare che il disagio di suo figlio non aumenti troppo.
Se il disagio dovesse acuirsi non si preoccupi; un vostro colloquio con uno psicologo può facilmente risolvere il problema.
Auguri a tutti
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

57 Risposte

16 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 NOV 2020

Gentile Iru,
il momento Covid purtroppo influisce anche sul benessere emotivo dei bimbi; probabilmente in questa fase suo figlio fatica a separarsi dai genitori ed inserirsi all'interno di una scuola con regole strutturate. Una buona alleanza tra genitori ed insegnanti è la chiave per superare il problema; mantenga un dialogo proficuo con le insegnanti e contemporaneamente un buon canale di comunicazione con suo figlio sottolineando l'importanza di recarsi a scuola per apprendere e per stare insieme ai coetanei. Dimostri comunque affetto e vicinanza al bimbo, gradatamente la situazione dovrebbe rientrare,
cordialmente
dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2250 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 NOV 2020

Cara Iru,
Anzitutto è fondamentale che la situazione del modo di porsi della maestra con gli alunni sia "sotto controllo", poiché la figura della maestra dà modo ai bambini di identificarsi per la prima volta con un adulto-guida esterno alla famiglia e resta come un importante riferimento interno a se stessi per tutta vita.
Il suo bambino, come purtroppo moltissimi altri, in questo frangente vive il momento storico che tutti stiamo vivendo e quindi ne manifesta il disagio nella maniera in cui lei descrive.

Dott.ssa Verusca Giuntini Psicologo a Firenze

60 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25600

domande

Risposte 90200

Risposte