Baciare un altro. Poi riprovare a costruire il rapporto.

Inviata da Anto nella. 15 apr 2018 2 Risposte  · Terapia di coppia

Salve. Ho 27 anni, fidanzata da 10. Lui è stato il mio primo ed unico uomo. Siamo cresciuti assieme. All'inizio ho sofferto molto, lui era immaturo, spesso scostante e non mi trattava poi così bene. Ma per amore, sono sempre andata avanti. Lui è sempre stato il fulcro dei miei pensieri. Poi siamo cresciuti. Negli ultimi anni ho notato un cambiamento, in positivo. Abbiamo Acquistato una casa. L'ho visto finalmente maturo e pronto. Ha iniziato a parlarmi di figli matrimonio. Ed improvvisamente, invece di essere felice per aver ottenuto ciò, ho Iniziato ad avere dubbi. Nello stesso periodo mi sono sempre più avvicinata ad un collega. Non mi ero mai confrontata con altri uomini. Parlare con lui mi faceva sentire viva, felice, compresa. Sentivo come se mi conoscesse da una vita. Ho iniziato a pensarlo e sentirlo spesso, troppo spesso. Ma avevo paura, non capivo cosa mi succedesse. I sensi di colpa mi divoravano così ho deciso di parlare con il mio lui. Gli ho raccontato tutto, gli ho spiegato come mi sentivo e quello che c'era stato(solo dei messaggi). Lui su tutte le furie, non credendo alle mie parole ma pensando cu fosse stato altro, in un momento di rabbia mi ha lasciata. Lo stesso giorno mi sono sentita libera, ho incontrato quel collega e l ho baciato. Inutile dire che sia stato il più bel bacio della mia vita. Abbiamo poi parlato per ore. C'è stato un confronto, baci e coccole. Il mio ragazzo però si è pentito subito dopo per non avermi creduta e ha deciso di fare 100 passi indietro verso di me. Così mi ha detto che mi avrebbe compresa. Gli ho confessato del bacio. Ma ha deciso di perdonarmi perché mi ha confessato che tempo prima, anni prima anche a lui capitò di prendere una sbandata per un altra donna di baciarla. (avevo sempre avuto sospetti su quella ragazza in tutti questi anni, ma mai certezze). Mi ha giurato sincerità totale, mi ha detto di essere pronto a qualsiasi progetto con me. Il nostro rapporto è decisamente migliorato. Seppur spesso ci si ritrova a rinfacciarsi cose. Ma lui è più dolce, comprensivo, presente. Tutto andrebbe bene se non fosse che quel collega io ho smesso di sentirlo. L ho bloccato dalla mia vita. Per rispetto del mio lui non ho più cercato ne nulla. Ma continuo a pensarlo. Continuo nonostante tutto ad immaginare cosa sarebbe potuto essere. Io baciandolo mi ero Completamente annullata e proiettata in una vita con lui. Ad oggi però ciocche voglio è recuperare la mia storia, so che sarà difficile ma lui ad oggi lo vedo più innamorato che mai, ed io tutto sommato sto bene. Non mi manca nulla e non avrei mai il coraggio di rischiare le mie certezze per una strada che fondamentalmente non Conosco e che sincera mi spaventerebbe. L'altro purtroppo continuerò a vederlo per questioni di lavoro, lui non condivide la mia scelta perché pensa non sia ciò che voglio realmente. Il problema è che non so più nemmeno io cosa voglio.

amore

Miglior risposta

Gentile Antonella,
sembra sia stata lei ad avere dei dubbi in modo più consistente sulla sua lunga relazione avvicinandosi emotivamente ad un altro uomo e forse facendosi trasportare sia dal fantasticare un ideale di relazione entusiasmante e perfetta che dal fascino della trasgressione.
Sembra anche che lei, comparando le due situazioni, non se la sia sentita, giustamente, di buttare all'aria il suo rapporto di 10 anni per cui ha fatto bene a ritornare sui suoi passi.
Onde evitare però che l'altro tenti di approfittare della sua comprensibile momentanea fragilità e residua confusione, le suggerirei di intraprendere un percorso di psicoterapia per fare ulteriormente chiarezza nei suoi sentimenti.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Cara Antonella,
da quello che scrive emerge una chiara voglia di conoscersi e come naturale conseguenza vivere delle esperienze che esulano dall’ordinario. È un’esigenza più che legittima che denota grande intelligenza e attenzione da parte sua. In questo contesto non è possibile darle delle particolari indicazioni che la aiutino a trovare delle risposte, tuttavia mi sento di consigliarle vivamente di iniziare un percorso psicologico che le permetta di fare un lavoro sulla sua persona, in modo che lei possa far chiarezza e comprendere quali sono le esigenze a cui adempiere per realizzare il suo bene.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2018

Logo Dott. Damiano Colamonico Dott. Damiano Colamonico

539 Risposte

883 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Lei mi lascia, poi ritorna, ma sta sulle sue.

4 Risposte, Ultima risposta il 03 Giugno 2017

Mi lascia dopo 2 anni per un altro, vuole amicizia io rifiuto

11 Risposte, Ultima risposta il 19 Maggio 2014

Come gestire innamoramento per un altro uomo?

6 Risposte, Ultima risposta il 12 Febbraio 2015

RAPPORTO LUNGO 11 ANNI con tre pause lunghe.

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Dicembre 2017

Rapporto malato con il mio compagno

2 Risposte, Ultima risposta il 06 Luglio 2016

Difficile rapporto con mia madre. Come gestirlo?

5 Risposte, Ultima risposta il 10 Febbraio 2017

Riuscirò ad avere una vita sessuale normale?

9 Risposte, Ultima risposta il 01 Luglio 2017

Ho bisogno di aiuto, non riesco a far durare una relazione

7 Risposte, Ultima risposta il 08 Agosto 2014