Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Attacchi di panico e ansia ingestibile

Inviata da Cely il 4 ago 2018 Attacchi di panico

Ciao a tutti sono una ragazza di 25 anni,da qualche mese hp iniziato a soffrire di ansia e a seguito di attacchi di panico,mi chiedo come mai?da cosa derivano?sono felicemente fidanzata stiamo costruendo casa insieme lui è dolcissimo mi ama da impazzire ma nonostante tutto non riesco a uscirne fuori,precedentemente ho avuto una storia di 7 anni con un ragazzo aggressivo e violento con scatti di ira mi faceva violenza psicologica e io mi sentivo sempre in colpa e inadatta inferiore a lui geloso da morire non potevo Uscire mi chiudeva in casa prima di uscire odiava la mia famiglia e tutte le persone che amo,dopo 7 anni sono riuscita a capire che era lui quello sbagliato e sono riuscita a lasciarlo,subito dopo sono uscita con un ragazzo che amche lui a sua volta dopp si e rivelato aggressivo dopo la prima volta a questo episodio l ho allontanato ma mi seguiva mi perseguitava a telefono messaggi e mi seguiva e sono stata costretta a denunciarlo per stalking a seguito ho conosciuto il mio attuale ragazzo che è tutto l opposto ho un padre in carrozzina che soffre ogni giorno di dolori fortissimi e mia madre con diverse patologie mi sento l unica che deve essere forte per le mie sorelle e aiitare i miei non posso allontanarmi perché ho paura a lasciarli soli ho sempre paura che stanno male tengo il telefono vicino perché e come se aspettassi una telefonata che vorrei non ci fosse mai come faccio a uscirne fuori?quando ho gli attacchi mi sembra di morire da un momento all altro,è una sensazione bruttissima vivo nel terrore ho paura di rovinare il rapporto col mio ragazzo ma ho anche vergogna a chiedere aiuto davanti a lui.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Celly,
i precedenti vissuti di violenza hanno sicuramente minato la tua sicurezza di base.
Si sente inoltre responsabile della gestione del suo nucleo familiare, vista la fragilità di sua madre.
Entrambi questi aspetti possono aver generato la sensazione di ansia in funzione di un allontanamento dal suo ambiente e la condivisone di uno spazio vitale con il suo ragazzo.
E' opportuno che intraprenda un breve percorso psicologico che l'aiuti ad elaborare le dolorose esperienze passate e le offra valide strategie per migliorare il suo benessere e sviluppare una nuova progettualità.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1280 Risposte

1100 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Cely,
il suo scritto parte da una condizione attuale di serenità in un crescendo di esperienze difficili in cui ha subito aggressività, privazioni e il carico familiare in cui mi sembra si senta l’unica della famiglia a doverlo sostenere. Le latenze emotive accumulate nel corso del tempo credo si esprimano adesso con gli attacchi di panico.
credo debba prendere in considerazione un aiuto psicoterapeutico per farsi aiutare a far emergere e conoscere il significato di tali manifestazioni.
Disponibile per approfondimenti
Un cordiale saluto
Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

277 Risposte

72 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

L'ansia, gli attacchi di panico, sono un sintomo; ci segnalano che qualcosa non va.
Se, alla presenza di un attacco di panico, non siamo consapevoli che quello è un significativo campanello d'allarme, siamo fuori strada.
In realtà, tu stessa dici che va tutto bene ma poi fai un lungo elenco di cose che hai vissuto di una certa complessità e che certo devono lasciarti qualche segno interno.
La strada migliore è che tu faccia uno sforzo, magari facendoti aiutare, sulla strada della consapevolezza e della comprensione di quello che realmente di sta accadendo.

Antonietta Lapegna Psicologo a Castellammare di Stabia

32 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

E' necessario che lei inizi al più presto una psicoterapia.
Quello che ha vissuto è un trauma e una violenza che si ripeterà se lei non lavora su se stessa.
Lavoro molto con donne che hanno storie simili alla sua, mi creda, non c'è modo di far finire gli attacchi di panico e di ansia se non occupandosene.Ma pensi che anche se adesso le sembrano una maledizione, probabilmente saranno la sua salvezza, le stanno mostrando che ha bisogno di aiuto.

buona fortuna

Dott.ssa Cristina Quaranti Psicologo a Bolzano

13 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Attacchi di panico

Vedere più psicologi specializzati in Attacchi di panico

Altre domande su Attacchi di panico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79300

Risposte