Attaccamento alle bambole

Inviata da Anfer · 3 mar 2021

Buongiorno,
Comincio a richiedere un riscontro generico sul mio dubbio prima di fasciarmi la testa ed allarmarmi. La mia bambina compirà 11 anni tra tre mesi. Io e il suo papà siamo separati (divorziati da circa 3 anni) da quando lei aveva 4 anni e mezzo circa.
I rapporti tra me e il papà sono davvero ottimi anche e soprattutto con la nuova famiglia che si è costruito. Tra di noi c'è un rapporto di mutuo soccorso. La bambina vive in un ambiente sereno e idilliaco considerando che non è facile mantenere rapporti cosiddetti "civili". Nel mese di giugno 2020 è venuta al mondo una sorellina, frutto dell'unione del papà con sua moglie. Mia figlia ha vissuto l'evento con immensa gioia ma con il tempo abbiamo rilevato qualche lacrima e qualche capriccio dovuto, credo, alla gelosia nei confronti di sua sorella. Il padre molto premuroso ha intensificato il rapporto con mia figlia aumentando l'approccio fisico in coccole e abbracci e tempo da dedicarle. Ora vediamo che vive un po' meglio il sentimento di gelosia, gioca con sua sorella con amore, difficilmente però le permette di toccare le sue bambole e in generale i suoi oggetti. E in generale mia figlia mantiene un atteggiamento emotivamente distaccato dalla bambina che ormai ha 9 mesi e quindi diventa sempre più curiosa e comunicativa oltre che vogliosa di giocare con la sorella maggiore. Se prima della nascita della sorella le richieste per Natale e compleanno erano relativi a laboratori, libri e altre cose affini alla sua età, dopo la nascita le richieste sono tutta incentrate sulle cosiddette "Reborn". Avendo mia mamma il Parkinson capisco bene che una bambola realistica può essere un ottimo ausilio delle terapie cognitive. Dato il costo proibitivo della Reborn abbiamo optato per Natale per una bambola ben prodotta, molto bella, semi realistica e dal prezzo contenuto. Prima dell'acquisto però mi sono interrogata e l'ho interrogata sul perché. Le ho spiegato che a 10 anni e mezzo i bambini cominciano ad approcciarsi ad altre esperienze che nel momento covid che viviamo sono pressoché impossibili. Lei tra le lacrime mi ha detto "dai per scontato che io voglio essere grande. Ma chi ti dice che voglio esserlo?" La bambola giace in un piccolo lettino. Quando il tempo me lo permette giochiamo assieme al momento abbracci e coccole alla bambola. Non ho mai nascosto a mio figlia la tenerezza che a volte provo nel condividere con lei questi momenti.
Da qualche giorno a questa parte la storia si ripete: cerca una sorellina per la sua bambola. Le cerca tra quelle realistiche a prezzo basso/contenuto. Richiesta per il suo compleanno, il giorno in cui appunto compirà 11 anni. Le ho ribadito con molta serenità che con il passare del tempo le sue necessità cambieranno. Crescendo e sperando che torneremo nei cinema, nei teatri, magari a lezione di chitarra, o semplicemente in palestra per fare danza in presenza, avrà modo di riempire il suo tempo.
Lei rimane perplessa e non capisce il mio disappunto. Io sono realmente preoccupata.
Come madre sono molto e forse troppo protettiva e a tratti stucchevole, severa solo nei momenti che lo richiedono. Non sono autoritaria perché la bambina non me ne dà modo.
Chiedo scusa se mi sono dilungata ma ho voluto scrivere più elementi possibili.
Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 MAR 2021

Cara Anfer,
la situazione che stiamo vivendo non è facile per nessuno, tantomeno per i più piccoli che vedono stravolti i loro equilibri. In più la sua piccola sta elaborando una rottura , e per quanto il vostro lodevole lavoro di genitori separati sia utile, non la esonera dal normale dolore legato alla separazione.
L'uso delle bambole è probabilmente un tentativo di "regressione" ovvero un meccanismo di difesa che riporta la bimba a tempi più infantili, a tempi di protezione e conforto.
La mia formazione in età evolutiva mi permette di evidenziare come l'uso di questo meccanismo e pertanto l'uso delle bambole sia una strategia utile (e diffusa) che la piccola sta mettendo in atto per affrontare il suo dolore; tenga anche a mente che è una fase transitoria.
Tuttavia non le nego che potrebbe essere utile un percorso di supporto psicologico per la piccola per aiutarla a elaborare questa fase di passaggio.
Resto a disposizione e vi auguro il meglio,
Dott.ssa Monteleone

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

278 Risposte

167 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2021

Gentile Anfer, prima di trovare un modo per interrompere questo attaccamento di sua figlia verso le bambole, premesso che sia inappropriato alla sua età, sarebbe meglio comprendere che funzione ha per lei, come la aiuta a gestire le sue emozioni e cosa cerca di comunicare con il suo gioco.
Sia lei, sia voi come genitori avete bisogno di comprendere i cambiamenti emotivi tramite una chiave un po' inusuale forse ma non di certo allarmistica che sarebbe controproducente per entrambi. Il gioco della bambola è per lei una modalità fortemente comunicativa che può "riabilitare" al livello relazionale se entrassimo senza giudizio e paura nella sua dimensione di gioco. Se ha elementi invece che la preoccupino per come sta la sua bambina emotivamente fareste bene richiedere una consultazione genitoriale per individuare meglio le cause di questa difficoltà e intraprendere un breve percorso di supporto familiare includendo anche la bimba negli incontri. Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti o informazioni necessarie.
Un caro saluto

Dott.ssa Eleni Drakaki

Dott.ssa Eleni Drakaki Psicologo a Mantova

47 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21200

psicologi

domande 36350

domande

Risposte 123800

Risposte