Assenza di voglia di fare

Inviata da Giulia · 29 giu 2020

Sono una ragazza di 22 anni, studio ingegneria meccanica e sono ormai al terzo anno, ma essendo molto indietro con lo studio sto ancora dando esami del primo...
Qualche mese fa un esame che sto provando a dare da parecchio tempo é andato molto male, così ho deciso di darmi un ultimatum e vedere come va la sessione di giugno-luglio e in caso decidere se lasciare o no.
Il mio problema sta nel fatto che mi sento come se la ragazza di un tempo non esistesse più, una volta avevo tante passioni, sempre nuove, che mi davano la carica,che mi facevano sentire bene e ad essere sincera anche ingegneria era iniziata così. Però adesso mi sento spenta, il futuro mi spaventa, e ogni scelta oltre a ingegneria mi sembra troppo faticosa, troppo noiosa, troppo, come se cambiare non servisse a niente, perché in ongi caso non avrei la passione per farlo... Ho paura a lasciare ingegneria e ho paura a continuarla perché so che é difficile.
Ormai non capisco più cosa mi piace e cosa non mi piace

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 GIU 2020

Buongiorno Giulia,
e grazie per aver condiviso i suoi pensieri.
Non si dia un ultimatum...quello si dà ai nemici!!! Quando si è in uno stato di dubbio, prima si chiarisce il dubbio e poi si prendono decisioni. Se le persone con cui si è consultata finora non sono state sufficienti e lei vuole guardare dentro di sé, puo consultare uno psicoterapeuta che la aiuti a capire se soffre di uno stato di insoddisfazione generale, oppure ha sbagliato indirizzo di facoltà o cosa altro succede. Andare in terapia non consiste nel farsi consigliare, ma nel farsi accompagnare da un 'Virgilio' nel viaggio dentro di sé. Non necessariamente sarà tutto un inferno! Se deve prendere una decisione, che sia quella di fare chiarezza e in tempi brevi.
Dott. Giuliana Gibellini Psicologa Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia Clinica ad orientamento Psicoanalitico

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

336 Risposte

249 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 LUG 2020

Buongiorno Giulia, da quanto si evince dalla sua lettera, la mancanza di rinforzi, premi e gratificazioni nell'ambito della sua scelta universitaria, unitamente al progressivo ritiro dalle attività piacevoli che prima svolgeva "una volta avevo tante passioni, sempre nuove, che mi davano la carica", potrebbero aver comprensibilmente comportato una deflessione del tono dell'umore che le rende la visione del futuro di ogni scelta, congruentemente alle parole che riporta: "mi sembra troppo faticosa, troppo noiosa, troppo, come se cambiare non servisse a niente, perché in ogni caso non avrei la passione per farlo".
Credo sia molto funzionale la sua auto apertura in questo senso: cerchi magari di orientarla all'attiva ricerca di un terapeuta di sua fiducia, nella sua zona, terapeuta che possa supportarla nel ripristino di un'adeguata qualità di vita, con le attività piacevoli che un tempo le davano carica e nella progressiva acquisizione di un senso di auto efficacia e di autodeterminazione necessarie a condurre scelte importanti di vita. Cordialmente.
dott.ssa Alessandra Melli

Dott.ssa Alessandra Melli Psicologo a Mestrino

35 Risposte

14 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2020

Cara Giulia, Lei non si ri-conosce. Il presente non La stimola e Le crea difficoltà, il futuro La spaventa, si sente persa e si sente a un bivio in cui ogni strada possibile è negativa. La modalità di mantenimento del senso di sè è sfumata, persa. Cosa fare? 1) comprendere cosa La mette in scacco alla luce dei Suoi modi di essere nel mondo e con l'ALtro: cosa è cambiato? perchè? 2) riprogettare un futuro possibile aprendo possibilità d'azione nel presente per il futuro, facendo emergere i significati associati alle difficoltà. Tramite ciò Lei potrà risolvere l'impasse della scelta universitaria, e avendo un nuovo progetto (o un rinnovato progetto) eliminerà l'apatia. Contatti un terapeuta. Cordialità, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1003 Risposte

993 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90450

Risposte