Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

ASPETTI SIMILI TRA PAZIENTE-TERAPEUTA

Inviata da Gabby 1978 il 1 gen 2018 Psicologia risorse umane e lavoro

Da quasi due anni sto seguendo un percorso psicoterapeutico (con sedute a cadenza settimanale) con una terapeuta di orientamento psicoanalitico/psico-dinamico. La relazione che ho instaurato con questa terapeuta (è una donna sulla cinquantina) è sempre stata molto buona. Sin dalle prime sdute mi sono trovata bene con lei ed ho notato aspetti e valori simili al mio modo di essere e di sentire: professionalità, attenzione e rispetto verso il prossimo, cura per i dettagli, spessore culturale. Questi ed altri aspetti simili hanno permesso che si creasse, quasi da subito, una certa "sintonia" e fidicia, ma soprattutto una buona relazione terapeutica, basata sul rispetto, la comprensione e l'empatia.
Inizialmente poi, era molto forte e presente da parte mia una sorta di idealizzazione nei suoi confronti. Lei stessa più volte mi ha diceva di "farla scendere dal pieditallo su cui io l'avevo messa". Con il tempo però questa mia idealizzazione è quasi del tutto scomparsa. Credo che ciò sia riferibile al fatto che ora, rispetto al passato, riesco ad essere maggiormente me stessa ed autentica, sia con lei, sia con altre persone (e questo dimostra un grande risultato del percorso fatto).
Se prima sentivo la mia psicoterapeuta come una "maestra di vita" da ammirare e da cui un po' dipendere, ora invece la percepisco più come un'amica, molto simile a me. Non so però se essere felice di questo cambiamento, che conferma i risultati del mio percorso, o esserne spaventata.
Sono spaventa, o meglio preoccupata, perchè ho paura che nel continuare ad approffondire la conoscenza reciproca, lei potrebbe vedere in me aspetti e modi di fare e di essere negativi o con i quali lei non è d'accordo. Allo stesso tempo, ho il terrore che nel considerare la mia teraputa in modo più realistico rispetto al passato, temo di scorgere in lei e conoscere dei suoi aspetti più umani che professionali che non mi piacciono o distanti dal mio modo di essere e di sentire le cose. E non vorrei che questa "distanza" alla fine portasse ad interrompere la terapia, perchè verrebbe meno la "sintonia" che c'è sempre sempre stata in questi due anni. Ho anche pensato di cambiare terapeuta (mantenendo invariato l'orientamento psicoanalitico, con cui mi sono trovata bene), ma per me vorrebbe dire affrontare nuovamente la fatica di farsi conoscere da un'altra persona, parlare ancora di tematiche anche dolorose già discusse ed elaborate, ma soprattutto significherebbe per me investire tempo ed energie per costruire una relazione e fidarmi di un' altra persona. Credo che con questa attuale terapeuta le cose siano andate bene sin dall'inizio, perchè per alcuni aspetti mi sembra di essere simile a lei o comunque di avere gli stessi gusti (se avessi uno studio, lo arredderei come il suo, visto che mi piace molto come è arredato: con mobili tutti i legno e dai colori caldi). Inoltre, rispetto ad alcune questioni ed ambiti, che non riguardano prettamente la psicologia/psicoterapia, la pensiamo allo stesso modo o quasi. Come mi comporto quindi? Mi porto appresso ad ogni seduta, la preoccupazione di svelare qualcosa di me che potrebbe infastidire la mia terapeuta e viceversa, il timore di scoprire in lei qualcosa che a me non piace? Cambio terapeuta così risolvo le mie preoccupazioni, ma chiudo una relazione che, anche se terpeutica, è per me significativa? Interrompo il mio percorso, proprio ora che è diventato più autentico e sincero? Ma soprattutto, faccio finire la (bella e positiva) relazione di fiducia professionale ed umana costruita in questi due anni?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Gabby,
Tutto ciò che ha scritto viene di solito sperimentato all'interno di una relazione terapeutica. Sono vissuti emotivi intensi che si sviluppano nel setting terapeutico.
Da una parte lei è preoccupata di svelare parti di se che potrebbero infastidire la terapeuta o lei stessa crede di scoprire aspetti non piacevoli della medesima.
D'altra parte pensa di cambiare terapeuta per risolvere le preoccupazioni e iniziare un nuovo percorso.
E' possibile tra le due posizioni da lei espresse una terza via: affronti tutte queste emozioni con la terapeuta e vedrà crescere la relazione per il proprio cambiamento ed aumentare la fiducia. L'accettazione di una terapeuta è incondizionata.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2442 Risposte

2061 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77900

Risposte