Ansia o attacchi di panico?

Inviata da Vincenza Severino il 28 mag 2019 4 Risposte  · Ansia

Salve sono Cinzia ed ho 24 anni. Mi ritrovo a scrivere per sono due settimane che vivo una situazione perenne di ansia in cui percepisco sintomi come gozzo in gola, senso di instabilità, iperventilazione pesantezza e fitte al petto. Facendo le analisi ed una visita otorinolangoiatra è risultato tutto negativo ,ma non riesco a trovare soluzioni a questi problemi. Ci sono giorni in cui tutto è molto più accentuato e mi ritrovo a pensare che morirò presto ho pensato di avere di tutto, ma mi è stato detto che tutto è una somatizzazione dell'ansia. È partito tutto da una situazione specifica avvenuta in un centro commerciale in cui ero tranquilla e successivamente ho avuto tachicardia sensazione di calore improvviso e poco dopo brividi di freddo da allora ho perennemente paura che tutto possa ricapitare e ovviamente la mia vita è cambiata nel senso che ho paura di fare qualcosa tipo andare ad un concerto o anche solo andare a fare shopping per paura che io possa sentirmi male da un momento all'altro. Non so come uscirne , ma di certo non posso continuare così mi sento svuotata e ho paura che il tutto peggiori senza mai trovare svolta. Per questo vorrei cercare una psicologa che mi aiuti a capire il tutto da cosa possa derivare per combattere questa cosa e riprendere in mano la mia serenità che evidentemente non c'è più. Grazie a chi risponderà.

paura , panico , riesco , male , capire

Miglior risposta

Buongiorno Vincenza, probabilmente nel centro commerciale sei stata travolta dall'ansia, sarebbe importante capire cosa stessi facendo, con chi eri, a cosa pensavi, ricostruire tutta la situazione.
Con un buon percorso, imparerai a gestire la situazione.


Resto a disposizione

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Cara Cinzia,
la situazione che ci descrivi è probabilmente da ricondurre ad un quadro ansioso con manifestazioni che raggiungono il panico. Considera che un attacco di panico, per poter essere definito tale, deve durare pochi istanti e lasciare la persona devastata. Se queste sensazioni durano per più di pochi minuti, allora non si tratterà di panico. In ogni caso chiedi aiuto ad uno specialista della tua zona: è possibile uscire dal panico anche in tempi molto brevi!
Un saluto, dott.ssa De Simone

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2019

Logo Dott.ssa Michela De Simone Dott.ssa Michela De Simone

27 Risposte

18 voti positivi

Salve Cinzia, lei descrive sintomi di ansia molto forte. Il problema in questi casi è che la paura che possa ripetersi l’evento spiacevole porta con sé una quantità di ansia aggiuntiva che produce una risposta di maggiore ansia venendosi così a creare un vortice negativo che modifica comportamento e abitudini poiché spinge a evitare molte situazioni. Questa condizione di evitamento creata a propria tutela e protezione costituisce al contempo uno dei maggiori fattori di mantenimento dell’ansia/attacco di panico. La sensazione di perdita di controllo e il pensiero di non essere in grado di gestire la situazione critica ci fanno sprofondare sempre di più col rischio di una cronicizzazione di tale situazione.
Ricominciare a gestire le crisi ansiose (o gli attacchi di panico) è possibile e importantissimo perché aumenta la fiducia nelle nostre capacità di fronteggiamento di tali situazioni.
In particolare il suo caso presenta una situazione di forte ansia e stress da pochissimo tempo e questo è positivo perché è più facile e veloce tornare al funzionamento normale con l’aggiunta di aver imparato qualcosa su di sé (quindi meglio di prima) e quindi con maggiore capacità di stare a contatto con sé stessi e di gestire situazioni complicate. Non posso dilungarmi oltre senza avere informazioni più puntuali e specifiche su di lei ma vorrei aiutarla se si lascia aiutare. Per fare questo mi dia un cenno scrivendomi ancora.
Buona giornata

dott.ssa Lucia Rinaldi

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2019

Logo Lucia Rinaldi Lucia Rinaldi

91 Risposte

152 voti positivi

Gentile Cinzia,
la somatizzazione dell'ansia non è "solo somatizzazione dovuta ad ansia". Come lei ha vissuto è una manifestazione dolorosa e a volte latente che si insinua in somatizzazioni che hanno lal loro espressione in acuzie improvvise.
Le suggerisco di iniziare un percorso psicoterapeutico in quanto attacchi di ansia indicano che qualcosa nel suo equilibrio, nel suo solito modo di affrontare le problematiche presenti nella sua vita, non funziona più come prima.

Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Saluti,
dott.re Lorenzetto Claudio
psicologo psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAG 2019

Logo Dott.re Lorenzetto Claudio Dott.re Lorenzetto Claudio

183 Risposte

64 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Ansia ed attacchi di panico

14 Risposte, Ultima risposta il 26 Luglio 2012

Ansia costante, attacchi di panico e ipocondria

5 Risposte, Ultima risposta il 03 Aprile 2018

Ansia, ipocondria, attacchi di panico e incubi

2 Risposte, Ultima risposta il 29 Settembre 2015

CURARE ANSIA E ATTACCHI DI PANICO

2 Risposte, Ultima risposta il 05 Marzo 2019

Passato, ansia e attacchi di panico

3 Risposte, Ultima risposta il 05 Febbraio 2019

Ansia con attacchi di panico

10 Risposte, Ultima risposta il 24 Ottobre 2017

Ansia e attacchi di panico ogni giorno.

7 Risposte, Ultima risposta il 02 Febbraio 2018

Ansia e attacchi di panico per fare cose piacevoli come risolvere ?

4 Risposte, Ultima risposta il 06 Giugno 2017

come sconfiggere ansia e attacchi di panico

14 Risposte, Ultima risposta il 29 Luglio 2014