Ansia improvvisa riguardo la mia relazione... Cosa devo fare?

Inviata da Luigi · 5 apr 2018 Ansia

Salve, sono un ragazzo di 22 anni e la mia ragazza ne ha 26. Volevo raccontarvi ciò che ho vissuto e sto vivendo...
Novembre del 2017: La mia, attuale ragazza, inizia a mostrare un forte interesse nei miei confronti, iscrivendosi anche nella palestra dove mi alleno. Premettendo che sono sempre stato un ragazzo restio a qualsiasi tipo di "Relazione/Conoscenza" (Quindi ho avuto poca esperienza, sono sempre stato prevalentemente “solo” e la mia solitudine era colmata da Palestra e ore d’avanti al PC in contatto con persone previa gioco) e nonostante nella realtà sono stato molto socievole e sorridente, le altre persone (in particolare le ragazze) hanno sempre avvertito un muro da parte mia non "riuscendo" ad avvicinarsi più del dovuto. Lei, invece, nonostante questo muro è riuscita ad andare avanti e con piccoli gesti lo ha abbattuto. Mi ha "corteggiato" per 4 mesi e durante quest'ultimi siamo rimasti in contatto (Prevalentemente WhatsApp)...
Febbraio del 2018: Mi sblocco, finalmente, e la invito per un appuntamento. Da febbraio ad oggi (Per riassumere) ci siamo visti quasi tutti i giorni, facendo molto tardi (2:00/3:00 di notte) e avendo anche un bel po' di rapporti sessuali. Mi sono sentito sereno, felice per il primo mese e mezzo e anche lei lo era... Iniziato il rapporto (Dal primo appuntamento), non avevo tanto appetito (mangiavo poco) e ovviamente dormivo anche poco ma nonostante ciò, come detto prima, ero sereno. Sì, mi svegliavo giorno dopo giorno sempre più stanco fisicamente ma ero sereno mentalmente. Poi ad un tratto (Dopo un mese e mezzo circa) ho incominciato ad avere ansia (una strana sensazione nel petto), mangiando quasi nulla, deprimendomi in me stesso quasi annullandomi. Riflettendo bene ho pensato che il problema fosse il fatto che ho sempre dato 100. Mi spiego meglio... Qualche volta mi è capitato di non avere voglia di uscire (Non con lei, ma in generale) e nonostante ciò per vederla "felice" l'ho fatto. Sono sempre stato il tipo di persona che pensava prima agli altri (soprattutto a ciò che pensavano) e poi a se stesso e probabilmente la mia ansia è dovuta dal fatto che io (Ormai a pezzi fisicamente e mentalmente) non riesca a dire un giorno "No, sono un po' stanco. Non mi va tanto di uscire" dato che lei possa pensare di me "Che hai? Cosa è successo? E' tutto ok? ecc. ecc." proprio perchè le ho sempre dato 100. Questa cosa al momento mi blocca quasi come se volessi interrompere la relazione, quasi come se volessi scappare ma allo stesso tempo penso che lei non mi ha fatto nulla di sbagliato (come mancanza di rispetto ecc ecc) e quindi non si merita tutto ciò...
Da qui ho iniziato a domandarmi:
- Perchè all'inizio ho provato sensazioni fortissime (sentivo amore) e adesso non so più come identificarlo?
- Perchè devo farmi vedere depresso quando in realtà lei si è sempre comportata bene nei miei confronti e farle venire dei dubbi?
- Perchè voglio "scappare" quasi come se volessi interrompere il rapporto senza un giusto motivo?
- Perchè non riesco a bloccare queste domande nella mia testa, alimentando in questo modo la mia ansia?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 APR 2018

Gentile Luigi,
l’ansia rappresenta la paura della paura, forse questa modalità ti appartiene in qualche modo. Un certo livello di ansia è adattiva, tuttavia quando raggiunge livelli elevati interferisce nelle relazione e nel nostro benessere.
All’inizio la relazione funzionava molto bene, ora occorre comprendere cosa ti blocca.
Un percorso psicologico di counseling potrebbe esserti utile in questo momento.
Resto a disposizione
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2755 Risposte

2238 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 APR 2018

Luigi...sembra che ad un certo punto della relazione si e' ripresentata la paura che avevi da sempre, e cioe' la paura che a un certo punto della relazione accada qualcosa di dannoso per te. Bisogna capire cosa temi, che poi probabilmente e' quello che realmente succedeva con la tua prima relazione importante (con mamma??). Per fare questo, ti occorre una psicoterapia.

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

420 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte