Ansia, Film mentali, Respiro, insonnia

Inviata da Lucrezia · 6 mag 2016 Ansia

Sono Lucrezia e volevo parlare del mio problema. Sono tre giorni che ho praticamente sempre la sensazione (spero) di non riuscire a fare respiri completi. Non ho nessuno con cui parlarne realmente e spesso devo fare finta di nulla.
Inoltre spesso prima di andare a dormire inizio a farmi tanti film mentali e vengo assalita dalla preoccupazione che mi lacera lo stomaco, e non riesco a dormire. Come potrei avere meno preoccupazioni inutili?
Continuo a riflettere su cose che ho detto o fatto durante la giornata che penso siano sbagliate o che avrei potuto fare o dire in maniera diversa.
Quando sono con gli altri ho paura di quello che potrebbero pensare. Ho paura di stare male e proprio per questo tutto sta peggiorando.
Cordiali saluti,
Lucrezia.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAG 2016

Cara Lucrezia
è possibile che tu stia attraversando un periodo di stress e sei stanca e sfiduciata.
Dici di pensare a tante cose che ti proccupano ma poi si comprende che soprattutto questa preoccupazione riguarda il versante dei rapporti umani dove non sei soddisfatta di come fai le cose e di come gestisci le relazioni.
Certamente ti potrebbe essere d'aiuto raccontare liberamente le tue esperienze e i tuoi pensieri e confrontarti con qualcuno che possa darti suggerimenti e fare osservazioni utili.
Cerca di prendere respiri lenti e profondi nell'arco della giornata e di fare qualche passeggiata rilassante in mezzo alla natura.
Per poter interrompere un poco il flusso di pensieri puoi adottare la ripetizione di una formula "neutralizzante" tipo : "questi pensieri e queste preoccupazioni ora non mi interessano, la mia mente è libera e serena" ; puoi accompagnare con la visualizzazione di un cielo coperto di nuvole che il vento spazzerà via e resterà la visione di un cielo limpido e azzurro.
Imparare il training Autogeno ti sarebbe molto utile.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6955 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2016

Gentile Lucrezia,
è evidente che hai problemi di bassa autostima e di ansia che si scarica sul corpo ed in particolare sull'apparato respiratorio dandoti la sensazione di respiro corto e mancanza d'aria.
Il resto dei sintomi che hai citato è da mettere in relazione al basso livello di autostima.
Il suggerimento è per una psicoterapia cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6942 Risposte

19279 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2016

Gent.ma Lucrezia,
Le consiglio di fare un Primo Colloquio con uno Psicoterapeuta. Sarà ascoltata. E, a Sua volta, potrà ascoltare pareri e indicazioni terapeutiche. La prima cosa da fare, comunque, sono esercizi respiratori, il cui benefico effetto può estendersi anche a psiche e soma. Cordiali saluti,
Dr. Roberto De Pas, Psicologo Psicoterapeuta.

De Pas Dr. Roberto Psicologo a Milano

32 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2016

Il fatto che hai pensieri prima di dormire, che ti pare di non respirare, è perchè vivi centrata sugli altri e non su te stessa. non è un caso che a livello psicosomatico i problemi nel respiro indicano il fatto che qualcuno "ci toglie il fiato". Chiaro, se vivi centrata sugli altri è necessariamente così. Le conferme esterne non basteranno mai. È qualcosa dentro di noi a non essere a proprio agio. Nei momenti di lucidità ci rendiamo conto che, con ogni probabilità, nessuno o quasi pensa a noi, non siamo al centro dei pensieri altrui. Com’è ovvio, ciascuno pensa per lo più a sé stesso. È fondamentale sentire l’impotenza. “questo non so farlo! è una constatazione vitale, fa crescere, ci fa capire che non possiamo essere onnipotenti. È fondamentale comprendere che ognuno ha i suoi metri di giudizio e che “non essere abbastanza” non vuol dire nulla. Abbastanza per chi? Su che cosa? Quanto ci siamo snaturati pur di ottenere un riconoscimento?

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

354 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 MAG 2016

Buongiorno Lucrezia,
riporta vari elementi che fanno propendere per la sensazione (appunto!) di mancanza d'aria... i pensieri rimuginanti, le preoccupazioni per il giudizio altrui, la mancanza di qualcuno che possa ascoltare i suoi sfoghi o con cui parlare liberamente di come si sente.. sono tutti elementi che possono suscitare stati d'ansia, la quale può incrementare la sensazione di respiro affannoso o insufficiente, quale quello che descrive e riporta.
Credo che le sarebbe di duplice aiuto un percorso psicologico: sia per trovare finalmente una valvola di sfogo e comprensione dei suoi stati d'animo, sia per poter apprendere migliori modalità di gestione dei suoi pensieri e dei sintomi d'ansia.
L'approccio cognitivo comportamentale si rivela piuttosto efficace nel trattare in tempi medio-brevi le sintomatologie ansiose e nel portare alla luce le cause più profonde di tale malessere e modo di vedere il mondo, gli altri e se stessi.
Se desidera maggiori informazioni, mi contatti pure senza impegno. Sono disponibile anche per consulenze online, a distanza.
Un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva

Anonimo-127163 Psicologo a Fano

319 Risposte

251 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 MAG 2016

Cara Lucrezia,
concordo con la collega che un semplice controllo medico per il tuo respiro potrebbe essere un'ottima idea anche se sembra che la tua mancanza d'aria sia dovuta ad uno stato ansioso.
Ti consiglio anch'io di parlarne con un terapeuta che ti possa aiutare ad individuare come mai ti senti così in questo particolare momento della tua vita.
Nel frattempo cerca dei momenti di decompressione durante la giornata, facendo le cose che ti piacciono di più e che ti fanno stare bene;in questo modo potrai rilassarti un po', liberare un po' la mente e recuperare un po' di energia.
A disposizione.
Dott.ssa Erica Cicuto

Dott.ssa Erica Cicuto Psicologo a Portogruaro

25 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2016

Carissima Lucrezia,
sebbene dalle tue parole emerga un problema legato all'ansia, farei un controllo clinico per questa difficoltà di respiro.Meglio essere sicuri di escludere qualsiasi elemento clinico.
Per i pensieri e le altre difficoltà ti consiglio comunque di rivolgerti ad un terapeuta.
A volte mettere in parola pensieri e preoccupazioni aiuta a sbloccare la situazione.

A disposizione.
Un caro saluto.
Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

395 Risposte

431 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84300

Risposte