ansia eccessiva per ogni problema

Inviata da Chiara · 10 feb 2018 Ansia

come posso risolvere una condizione di ansia costante ? salve sono una ragazza di 22 anni, da poco ho finito un percorso universitario e ne ho intrapreso un altro, da quando ho iniziato questo nuovo percorso mi sento sempre ansiosa, mi prendono degli attacchi di panico non di grande entità ma questo mi crea comunque malessere e mi ha causato una perdita di peso. quello che sento è una costante forma di ansia che non è relativa solo ad esempio ad un esame imminente ma è generale. inoltre quando mi capita di entrare nello stato di ansia io stessa esaspero la situazione cominciando a pensare al mio futuro, a quando finalmente sarò indipendente. durante i miei studi precedenti questo non mi è mai successo e adesso invece non riesco a risolvere il problema non riesco alla tranquillità. mi sento molto preoccupata per questa mia situazione

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 FEB 2018

Cara Chiara,
mi verrebbe voglia di risponderle che siamo tutti preoccupati per il nostro futuro, sia a livello personale che collettivo e che vivere, entro certi limiti non invalidanti, uno stato d’ansia, è fisiologico. Le potrà apparire strano, ma dobbiamo imparare a convivere, nel senso di fronteggiare questo atto motorio interiore, poiché non possiamo sradicarlo. Questo lo affermo per invitarla a fare mente locale su quelli che possono essere stati di agitazione legittimati da specifici eventi e altri stati ansiogeni irrazionali sui quali desidererei concentrare la nostra attenzione. A tal proposito, vorrei farle notare che provare ansia per un problema è naturale, oserei dire indispensabile. È altresì innaturale avvertire stati di ansia senza una ragione specifica. Purtroppo le cause della nostra ansia sono antiche, affondano le radici nei primi anni della nostra vita, emergono senza una causa apparente e si manifestano attraverso i comportamenti, i pensieri e le emozioni più impensabili e talvolta illogici. Per affrontare tale situazione, in particolar modo gli attacchi di panico, le consiglierei di rivolgersi a uno psicoterapeuta che possa aiutarla a risolvere o quantomeno a controllare il suo problema. Vorrei però fornirle una piccola indicazione che rammento sempre a chiunque si rivolge a me. Io la chiamo i “4 amici”: aria luce acqua e movimento. Nell’attesa di iniziare, se mai inizierà una terapia, le ricordo che senza spendere niente, può cominciare a prendersi cura di se stessa, con questo semplice e facile espediente. 1) aria: stia all’aperto più tempo possibile, esca fuori di casa ogni volta che le si presenta l’occasione e si sforzi di compiere delle serie di respiri con il naso, quando sente che i suoi momenti di ansia la stanno aggredendo. Non sottovaluti il potere della respirazione. 2) luce: eviti, se può ambienti bui, scuri, opprimenti. Cerchi di stare in luoghi illuminati e di spendere il maggior numero di ore possibili, in presenza della luce naturale 3)acqua: beva almeno due litri di acqua naturale al giorno. 4)movimento: faccia attività sportiva, vada a correre, in alternativa cammini, prolungando ogni volta il percorso la durata e la velocità. Si prenda cura del suo corpo, non lo abbandoni a se stesso. Ricordi che il nostro fisico è la fonte dei nostri problemi così come delle nostre gioie. In ultima istanza, le consiglieri, eventualmente, di eliminare dalla sua dieta tutti gli alimenti che le possono recare disturbi come dolci, grassi, zuccheri, sale, etc. Elimini inoltre, ammesso che ne faccia uso, tabacco e alcol. Vedrà che con questi piccoli accorgimenti, la sua condizione avvertirà un primo iniziale, leggero miglioramento. Per altri dettagli resto a sua disposizione. Buona fortuna. Dott. Roberto Bernini

Dott. Bernini Roberto Psicologo a Firenze

42 Risposte

44 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 FEB 2018

Gentile Chiara,
Lo stato di ansia da lei descritto può avere origine da diversi fattori. Cambiare un percorso di studi già avviato significa modificare anche la propria progettualità futura e come ben sa l'incertezza verso ciò che potrà accadere è normale che spaventi e questa preoccupazione può dar vita ad uno stato di attivazione forte. Il mio consiglio è quello di cercare di capire se il percorso da lei scelto la soddisfi realmente, un po' di ansia per il futuro potrebbe anche essere giustificata ma non deve prendere il sopravvento. Se dovesse rendersi conto che questa situazione diventa difficile da gestire autonomamente, può far riferimento ad uno specialista che la possa aiutare a gestire questa agitazione eccessiva, in modo da sentirsi meglio, affrontando il futuro con maggiore serenità.
Restiamo a sua disposizione,
Cordialmente
Dott.ssa De Luca Alice e Dott.ssa Passoni Flavia Dir. Centro Synesis Psicologia

Synesis Psicologia® Psicologo a Carnate

103 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 FEB 2018

Chiara...bisogna vedere se quello di cui sotto sotto hai paura e' realistico o una esagerazione. Ovviamente, quanto e se le tue paure siano realistiche occorre che le valuti una persona neutra, perche' per te sono paure giustificate. Insomma...ti occorre una psicoterapia. Coraggio, se ne esce

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

406 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 FEB 2018

Salve Chiara,
l'ansia che lei descrive sembra essere stata scaturita dal suo percorso universitario anche se poi lei stessa parla di "ansia" anche in contesti non relativi a quello universitario.
Le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico per meglio comprendere ciò che sta vivendo e vedrà che la sintomatologia ansiogena pian piano si attenuerà fino a scomparire.
Saluti.

Anonimo-158491 Psicologo a Orvieto

9 Risposte

2 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 FEB 2018

Buongiorno. La sua ansia e verosimilmente causata da dei conflitti Che al momento non riesce a decodificare. E anche probabile che si sovrappongono problematiche di origine stressante. Pertanto le consiglio una psicoterapia breve con l EMDR. Cordiali saluti

Dott. Davide Perrone Psicologo a Torino

86 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Cara Chiara, nella vita spesso incappiamo in alcune situazioni che ci mettono a stretto contatto con alcune sensazioni sgradevoli. Lei sembra molto brava ad aver captato questo malessere quindi le consiglio di pensare all'eventualità di intraprendere un percorso di terapia che l'aiuti a comprendere meglio la dinamica di quanto sta accadendo per poi attuare un piano di intervento efficace.
Un caro saluto,
Resto a disposizione per eventuali approfondimenti
Virginia Valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Buongiorno, non si preoccupi, è normale affrontare periodi di ansia anche costante nei momenti di cambiamento. Con la consulenza breve strategica in poco tempo quello che la preoccupa di trasformerà in una energia vitale che la porterà a stare meglio di prima. Un primo aiuto è chiedersi cosa sta facendo lei ora per affrontare questo disagio. Poi occorre cambiare strada, ma con un aiuto, da soli è veramente difficile.
Un caro augurio.
Dottoressa Alessandra Monticone

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

238 Risposte

94 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Tutto il nostro sentire, anche nelle sue espressioni meno consuete e meno agevoli, l’ansietà che lei prova ne è un esempio, svolge la funzione di orientare la nostra presa di coscienza e di richiamarci a tener conto di necessità profonde, spesso non omogenee con ciò che riteniamo esserci utile, necessario, sufficiente. Abbiamo a disposizione questa intelligenza profonda che sa vedere per tempo ciò che la parte in cui siamo abituati a collocarci nei nostri pensieri e modi di intendere, la cosiddetta parte conscia, non sa vedere. Troppo allineati a senso comune e a idee convenzionali reagiamo a ciò che si fa sentire dentro di noi con allarme misto a diffidenza verso tutto ciò che turba il nostro quieto vivere e ordinato procedere, che col metro consueto consideriamo solo un eccesso, un disturbo, un fastidioso inciampo. Venendo più da vicino a lei, vedere chiaro in ciò che riguarda il suo cammino futuro, soprattutto in ciò di cui dispone per ben comprendere e realizzare il suo futuro, il grado di vicinanza a se stessa, di conoscenza di sè, di scoperta di ciò che più conta e ha valore per lei capendone i perchè, tutto questo è un bagaglio tanto importante e necessario quanto da formare, perché casomai non coincidente con ciò che già le è disponibile e che lei ha sinora portato a maturazione. La parte profonda non ignora lacune e vuoti di crescita sostanziali, non superflui, ma essenziali per evitare di andare incontro a un futuro senza guide proprie, senza comprensione di ciò che vale per sè e senza capacità autonoma di sostenerlo e di farlo vivere. Il rischio è di considerare bastevoli le cose acquisite e di andare a infilarre la propria vita in percorsi già programmati, coerenti più con valutazioni di merito e di opportunità generici e comuni che propri. Insomma per condurre la sua vita a modo suo e verso mete sue e coerenti con se stessa lei ha necessità di riconoscersi al momento priva di guide affidabili, perciò l'ansietà costante e di consegnarsi il compito di impegnarsi a provvedere per tempo, seppur gradualmente, a formarle e a scoprirle lavorando su se stessa, aiutata da chi sappia avvicinarla a se stessa. A dialogare e a intendersi con la parte di lei profonda che la sta incalzando e scuotendo. Il rischio di considerare eccessivo, fuori misura e sfavorevole ciò che sente è molto forte, è errore diffuso quello di non comprendere e di mal interpretare i richiami profondi. Le auguro di trovare ciò che le urge e che davvero le serve per il suo futuro, Pierangelo Lopopolo

Lopopolo Dr. Pierangelo Psicologo a Crema

7 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Buongiorno Chiara. Da quanto scrivi è ovvio che la tua non è una ansia specifica e circoscritta come potrebbe essere una fobia. È piuttosto una forma continua e persistente come una specie di sottofondo che è sempre lì dietro. Credo sia molto connessa al tuo modo di esasperare le situazioni pensando al futuro e su questo si può intervenire presto e bene.

Dott.Carlo Paradisi Miconi Psicologo a Roma

79 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Buongiorno Chiara,
L'ansia è uno stato di allerta, funzionale all'attivazione di tutte le nostre risorse in una situazione critica, ma per motivi diversi può succedere che diventi generalizzata e disfunzionale. Per superare questa impasse bisogna capire quali sono i pensieri sottostanti, in genere inconsapevoli, e le paure di fondo che sono dentro di noi, ma per fare questo è importante la guida di uno psicologo che sappia orientare nella giusta direzione. Visto che il problema è nato di recente penso che sia legato ad una situazione contingente; nello specifico le consiglio la terapia breve strategica, molto rapida ed efficiente in questi casi.
Dr.ssa M. Sara Sanavio
Perugia

Dr.ssa M.Sara Sanavìo Psicologo a Perugia

226 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 FEB 2018

Salve Chara.
Da come lei descrive la sua situazione, sembra che da quando ha iniziato questo secondo percorso universitario, lei sia caduta in una spirale di forte ansia che le ha causato anche una perdita di peso.
Vista la sua giovane età e la frequenza di questi episodi di ansia, le suggerisco un percorso psicologico per imparare ad affrontare e superare questi episodi di ansia e recuperare quel senso di serenità che lei ora ha perduto.
Un caro saluto.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

35 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte