Ansia e probabile depressione

Inviata da Paolo · 2 lug 2018 Ansia

Salve,
Da un anno a questa parte si è sviluppato in me un grande senso di ansia unito ad un umore altalenante.
Spiegando nel dettaglio, ho constatato che faccio fatica a rimanere da solo a casa o meglio inizio ad avere pensieri negativi sulla mia vita e un senso di ansia come se dovesse capitare qualcosa da un momento all'altro.
Prima quando avevo un pomeriggio libero non c'erano problemi, anzi, mi rilassavo svolgendo diverse attività...ora cerco di fare lo stesso, ma sembra che il tempo non passi mai unito a ai pensieri negativi e l'ansia.
Inoltre circa un anno fa, quando iniziò tutto, per un periodo non sono riuscito neanche a mangiare (fortunatamente poi almeno quello si è risolto).
Tutto è iniziato quando (per diversi motivi), parte della mia compagnia di amici e amiche si sono distaccati dal gruppo, in aggiunta nello stesso periodo dovevo valutare di cambiare indirizzo universitario perché non ero soddisfatto della scelta...quando poi ho cambiato facoltà mi sono sentito soddisfatto e lì ho instaurato nuove amicizie...fin quì tutto sembra risolto...ma invece i problemi continuavano a risorgere, momenti di mal umore, pensieri negativi, ansia...l'unico sintomo che non si manifestò più era la perdita di appetito (solo quello).
Questi sintomi si affievoliscono quando sono a lezione, quando esco con gli amici o quando devo studiare...perché ovviamente il mio cervello è distratto e quindi non si presentano o comunque si presentano in forma lieve (anche se comunque non sono totalmente assenti, ma sopportabili).
Vorrei riuscire ad avere la serenità di prima, riuscire a rimanere solo senza affliggermi di pensieri negativi sul mio futuro e sul quello che potrebbe succedere...
Ho notato anche che nel giro di un mese mi è venuto due volte il raffreddore, quando di solito mi veniva solo al cambio di stagione, inoltre anche raffreddori più prolungati...ma questo credo che sia determinato dalla situazione, le mie difese saranno diminuite a causa del mio stato d'animo (io penso).
Ho avuto anche il sospetto di avere problemi di tiroide (ho due casi in famiglia di operazioni alla tiroide), dato che si presentavano molti problemi legati a quell'organo...invece secondo gli esami pare che non sia quella la causa.
Aggiungo anche che in alcuni momenti faccio fatica a rimanere sveglio e devo stendermi sul letto/divano 2/3 minuti per riprendermi (anche se non ho fatto grandi sforzi).
Chiedo un vostro consulto perché non so più cosa pensare né come fare per risolvere il problema, vorrei scoprire qual'è il sintomo che sta dietro a tutto questo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 LUG 2018

Gentile Paolo,
Complimenti per la consapevolezza che dimostra e per il modo lineare con cui ha espresso il suo disagio.
La rottura che dice di aver vissuto nel gruppo dei pari e il successivo farsi nuove amicizie In altri contesti potrebbero essere delle chiavi importanti per comprendere la sua problematica e proporre un percorso di sviluppo in una psicoterapia.
Siamo certamente tutti felici di esser apprezzati e turbati dai cambiamenti, nel suo caso forse ciò che è successo le ha aperto una specie di lutto riguardo a come lei stesso si vedeva.
Le incertezze e le paure potrebbero esser causate da questo. In una psicoterapia andrebbe ad indagare il suo modo di relazionarsi, di essere e di stare con gli altri, potrebbe scoprire quali valori la muovono e da dove provengono le sue paure così da porvi rimedio.
La invito a contattare uno psicologo per capire meglio e per scoprire quale sia il percorso più adatto a lei.
Le auguro di tornare presto in forma,
Resto a disposizione,
Dott. Marco Tagliagambe, psicologo e psicoterapeuta presso Firenze, Empoli e Ponte ad Egola.

Dott. Marco Tagliagambe Psicologo a Empoli

48 Risposte

60 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2018

Sembra proprio lei soffra di depressione. L'ansia e' una conseguenza. Ha ragione, la depressione facilita le infezioni ed abbassa le difese immunitarie. E' evidente che alla base c'è un suo disturbo emotivo, probabilmente legato all'abbandono. Le occorre subito un trattamento farmacologico, e per risolvere alla base il problema anche una buona psicoterapia. Lei e' giovane, se affronta ora il problema in modo professionale ne puo' tranquillamente uscirne in breve tempo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2018

Gentile Paolo,
lei compone un quadro piuttosto dettagliato dei suoi vissuti, segno di una buona capacità di analisi di sè; tuttavia non è possibile darle delle risposte adeguate limitandosi ad una conoscenza parziale e indiretta tramite web.
Sarebbe utile conoscerla direttamente, conoscere lei, la sua storia, approfondire il momento che sta vivendo. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo che possa aiutarla a capire cosa le sta accadendo e a superare al meglio questa situazione per il suo benessere.
Se lo desidera rimango a disposizione.
Un cordiale saluto,
dsr Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

481 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2018

Gentile Paolo,
lei compone un quadro piuttosto dettagliato dei suoi vissuti, segno di una buona capacità di analisi di sè; tuttavia non è possibile darle delle risposte adeguate limitandosi ad una conoscenza parziale e indiretta tramite web.
Sarebbe utile conoscerla direttamente, conoscere lei, la sua storia, approfondire il momento che sta vivendo. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo che possa aiutarla a capire cosa le sta accadendo e a superare al meglio questa situazione per il suo benessere.
Gentile Lara,
certamente una relazione a distanza ha le sue difficoltà, ma non deve essere per forza una relazione malsana; quello che più sembra crearle ansia è la sua insicurezza, che la espone a dubbi e pensieri negativi che coinvolgono il partner. Lei accenna anche a vicende passate che possono influire sulle sue modalità di relazione e certamente sarebbe importante approfondire queste tematiche per capire quali vissuti vengono riattivati dalla situazione attuale.
Ritengo che un percorso psicoterapeutico possa aiutarla a rafforzare la sua immagine di sé e la sua autostima per darle maggiore senso di sicurezza in se stessa e di efficacia personale, sia individualmente sia nelle relazioni con gli altri.
Se lo desidera rimango a disposizione.
Un cordiale saluto,
drs Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

481 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte