Ansia dovuta alla mia famiglia

Inviata da Margherita · 7 set 2017 Ansia

Salve. Ho scritto già alcuni mesi fa in merito a mie difficoltà nello studio e ai miei blocchi mentali trascorsi un certo numero di ore, ottenendo delle risposte che mi hanno fatto riflettere. Dunque ho deciso di prendere in mano la situazione e di andare da uno psicoterapeuta, però lasciate che vi spieghi.
Il mio problema più grande sono l'ansia e la paura,ingenerate dalla mia famiglia.
I miei genitori sono sempre stati ansiosi e iperprotettivi, e lo sono anche adesso che ho 26 anni. Se devo andare a camminare, vanno in ansia perché da sola potrei incontrare brutta gente o violentatori, sono in ansia se devo prendere la macchina (ormai guido solo nella zona che conosco...), in ansia se mi intrattengo un po' di più nella città dove seguo dei corsi (Napoli).Ho molto sofferto e lottato per poter tornare ad orari più consoni ad una persona adulta e fare qualche viaggio con il mio fidanzato, ma la situazione è ancora uguale:questi riportati sono solo esempi, che però ingenerano in me un'ansia aggressiva, improvvisa e intollerabile che mi blocca, specialmente nella socialità. Quando devo telefonare qualcuno, frequentare un contesto di professionisti, sono angosciata e ho paura di fare brutte figure (poi le faccio davvero,sembrando un'imbranata).
L'ansia peggiore è però quella che mia madre è in grado di determinare sullo studio. Mi chiede continuamente quante ore ho studiato, il numero delle pagine, se prendo una pausa crede che io stia bivaccando e avendo un regresso, mi pone a paragone con certe ragazze agguerrite che studiano 13 ore al giorno perché "sanno fare bene i fatti loro" facendomi sentire inadeguata. Fa lo stesso con mio padre rimasto disoccupato: chiede continuamente "NOVITÀ?"rabbuiandosi se la risposta è" NO" e trasmettendo ulteriore tensione. È in ansia se deve venire la signora delle pulizie o se non ho steso un panno umido. In me esiste una scissione: se vivo lo studio come sacrificio la mia mente si ribella, la vedo come una imposizione (anche se sono stata io a scegliere di sostenere un dato concorso) in libertà invece sento di avere un'energia inesauribile che mi porta continuamente a curiosare (in tutti gli ambiti) , leggere, cercare notizie, anche apprendere lingue da sola!Mia mamma mi frena e mi impoverisce. Le ho chiesto di fare un gioco del silenzio, in cui non mi domanda nulla ma parlo io se ho voglia, e lei invece insiste, credendo che la mia richiesta sia dovuta al mio voler perdere tempo. Su mia sorella più piccola invece non ha investito alcuna aspettativa, ed è stata la sua fortuna, perché se ne disinteressa completamente: così lei fa silenziosamente i suoi esami e porta il risultato a casa. Per me invece gli esami universitari sono stati un martirio che non so come ho fatto a superare perché mia mamma e mia nonna (buonanima)erano ossessionate dai voti e dalla gara a chi si laureava prima .Ora sono stufa di tutto. Quando sono nervosa a causa sua o devo scaricare rabbia e tensione vado automaticamente davanti allo specchio e mi metto a cercare imperfezioni da togliere. Mi blocco là davanti per ore a pensare e lo faccio da anni. Mi vergogno ad essere dipendente da questo stupido comportamento, ma io sono stanca di essere vittima di me stessa e delle mie paure. So solo che scappare semplicemente da casa non risolverà i miei problemi. Vorrei un gentile parere su questa vicenda. Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 SET 2017

Salve Margherita, mi ricordo del post che ci sottopose e delle difficoltà che ci riferí.
Sicuramente immagino sia difficile per lei vivere in una famiglia in cui avverte tutti questi disagi e mi sembra di capire che l'ansia venga vissuta in primis da sua madre; le fa rabbia il confronto, si sente stressata per una serie di situazioni che al momento non riesce più a gestire e che le stanno provocando malessere.
Questa vicenda, il modo in cui la sta vivendo, va messa all'interno di un funzionamento suo e della sua famiglia ed è bene che lei abbia deciso di rivolgersi a un terapeuta della sua città che possa aiutarla a capire esattamente cosa succede, in lei, nel suo contesto familiare e come interrompere i circoli viziosi innescati.
Ha già intrapreso questo percorso e riportato ciò che ci ha scritto al terapeuta?
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Dottssa Fabrizia Tudisco psicologa Napoli

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

503 Risposte

955 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 SET 2017

e si, Margherita....andare via di casa sarebbe una soluzione solo se ci lasciassi quei "files" in testa che hai, ma purtroppo ti seguirebbero. Come giustamente hai immaginato, ansie, rabbia, tristezza, vergogna che ti accompagnano portano la "firma" di mamma ma....sapere questo non risolve. L'unico problema serio che vedo in tutto questo e' il lato economico. La psicoterapia costa circa 50-70 euro a settimana e te mi pare studi ancora. Come fare? Peraltro papa' e disoccupato. Anche spiegare a mamma che ti serve denaro per curarti i danni che lei stessa ti ha arrecato la vedo dura. Gli altri problemi (paura di brutte figure,ecc) invece, si risolvono. Potresti provare con l'asl, facendoti prescrivere dal medico curante il numero di sedute massime prescrivibili nel pubblico (8, mi pare)...almeno inizi a vedere di che si tratta. Mi fai sapere? grazie

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

430 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2017

Ciao Margherita,
ha fatto la scelta migliore che potesse fare, iniziare una psicoterapia. Si dia tempo, sono sicuro che avrà i suoi risultati. Purtroppo la sua famiglia, mamma in primis, ha un funzionamento ansioso, ci vuole tempo per interrompere questi cicli o per reagire diversamente all'ansia trasmessa dai suoi familiari. La strada intrapresa è quella ottimale, si impegni e abbi fiducia.
Saluti
Dott. Geremia Napolitano

Dott. Geremia Napolitano Psicologo a Marigliano

21 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 SET 2017

Buongiorno Margherita,
domanda diretta, cosa pensa di se stessa? Come si valuta come persona? Per rispondere non si basi su ciò che le dice sua madre, quello è il suo pensiero non quello di Margherita.
Tutti i genitori si creano delle aspettative rispetto ai propri figli, desideri e speranze che possano vivere una vita agiata e senza problemi. Fino a un certo livello queste aspettative speonano il figlio a migliorarsi ma se troppo pressanti diventano un'arma a doppio taglio, tarpando le ali ai figli. Da come ne parla sembra così la sua situazione, ha preso una giusta decisione per lei, iniziare un percorso in cui poter affrontare questa condizione. Si possono fare delle congetture e ipotesi ma per rispetto verso la sua decisione e il collega con cui inizierà il percorso non credo abbia molto senso farle in questo momento.
Cordiali saluti
Dr.ssa Ambra Caselli (Brescia)

Dott.ssa Ambra Caselli Psicologo a Castegnato

119 Risposte

127 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25650

domande

Risposte 90400

Risposte