Ansia diffusa, paura di non saper gestire le emozioni

Inviata da A_urora · 31 ago 2020

Salve. Sono una ragazza di 22 anni, dall'inizio della quarantena soffro di attacchi di panico, in particolare dopo della fine di una relazione. Da quel momento non ho più avuto un vero e proprio attacco di panico ma in molte occasioni ho come un principio di attacco: difficoltà a respirare, e pianto facile. In particolare per questioni che riguardano il mio futuro: non sapere come proseguire dopo la laurea, ansia per la fine della via vita universitaria avendo terminato le lezioni della triennale, ansia di non avere più i miei spazi e di dover tornare a vivere con i miei genitori, ansia di stare da sola, ansia perché non ho voglia di studiare. Come ciliegina sulla torta, non riesco a lasciarmi andare in un pianto liberatorio, ho paura che questo mi porti a stare più male se tiro fuori tutto e ho paura che m venga un altro attacco di panico vero e proprio. Penso spesso di sentire la necessità di iniziare un percorso con uno psicologo o psicoterapeuta (non so qual è la differenza) ma mi frenano due cose: il peso economico e il fatto che i miei genitori stigmatizzino questo tipo di aiuto, pensando che è una "cosa da pazzi" "per chi non sta bene con la testa", inoltre ho paura che se lo dicessi ai miei genitori mia madre diventasse apprensiva nei miei confronti dato che nei primi anni dell'adolescenza ero autolesionista.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 OTT 2021

Buongiorno.
Sono il dott. Massimiliano Castelvedere, di Brescia. Sono tra quei professionisti che ritengono che il cambiamento personale sia un processo lungo e complicato. Purtroppo non ci sono scorciatoie percorribili e i consigli che uno psicologo potrebbe dare in una chat lasciano il tempo che trovano: non esiste la “bacchetta magica”. Per inquadrare l’eventuale problematica di un paziente serve invece una consulenza approfondita (almeno 4 sedute). A seguire, se nella consulenza si evidenzia un problema significativo, per trattarlo e cercare di risolverlo è necessaria una vera e propria psicoterapia o una psicoanalisi.
È illusorio credere che si possa fare qualcosa scrivendo in una chat, serve solo a perdere tempo e significa che non si è pronti a mettersi in discussione. Se lei è una persona veramente motivata a capirsi e a cambiare, le do la mia disponibilità per fissare un appuntamento (anche online).

Dott. Massimiliano Castelvedere Psicologo a Brescia

741 Risposte

110 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19400

psicologi

domande 31350

domande

Risposte 107600

Risposte