Ansia, crisi di panico, paura

Inviata da Autilia Barattini · 11 mar 2021

Ho 53 anni e da 4 anni soffro di ansia e penso crisi di panico sono stata una persona molto attiva molto indipendente con la morte di mio padre ho ricominciato ad avere problemi di vertigini tachicardia e problemi di vista, pensavo dovuti al l'anemia forte che ho avuto, fino al momento in cui ho iniziato ad uscire poco vedere meno persone e mi spaventava stare tra la folla camminare da sola avevo paura perfino di andare a fare la spesa da sola, perché avevo questi problemi. una volta presa coscienza Ho cercato di superare ma molto difficile e le persone che mi sono vicine non riescono a capire il mio problema e mi sforzano di uscire, di fare cose da sola l'anno scorso è morta mia madre pensavo di aver superato un pochino la cosa ma è stato anche peggio chiusa in casa ho paura di uscire di andare a fare la spesa mi sento sicura solo nel mio nido solo che tutto questo mi porta ad essere una solitaria che non si cura del proprio aspetto non ha voglia di stare con gli altri e cosa più importante non mi aiuta per fare le cose in casa come se non avessi più voglia di fare noia stanchezza e sonnolenza sono le cose che mi accompagnano tutti i giorni premetto che che soffre di anemia di fibromialgia i problemi legati alla cervicale Come posso cambiare questo mio status e ritornare ad essere la guerriera di prima perché in questo modo non è più vita Spero ci sia un modo per superare questo momento perché adesso quello che sento e rabbia delusione per me stessa vorrei potermi amare un po' di più ma non so come fare Grazie per avermi ascoltata

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 MAR 2021

Cara Autilia, nella tua descrizione sento tutta la tua solitudine ma il fatto che tu abbia chiesto un aiuto vuol dire che già ti stai mettendo sul percorso di guarigione. Io credo che la perdita dei tuoi genitori sia la causa principale del tuo malessere. Il lutto è un processo lungo e l'elaborazione è molto soggettiva. Quando poi sono i genitori a lasciarci facciamo nostre delle loro caratteristiche anche quelle che non ci fanno bene. Il consiglio che ti do è di approfondire questo argomento con uno specialista per liberare la tua energia che in questo momento è bloccata!
Dott.ssa Marina Roberti

Dott.ssa Marina Roberti Psicologo a Roma

12 Risposte

3 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte