Ansia, che non se ne va più. Mente e corpo bloccati.

Inviata da Gianni · 15 apr 2016 Crisi esistenziale

Salute a tutti voi, vi scrivo per una mia amica, che attualmente non riesce a farlo.
Fin da anni fa, dopo una relazione con un uomo che si è logorata lentamente, ha iniziato a soffrire di attacchi di ansia.
Sono iniziati per via del logoramento cui fu soggetta nella relazione/convivenza.
Dopo aver lasciato quella persona, aveva comunque sviluppato paura degli spazi affollati, soprattutto sentiva la presenza di quest'uomo, anche se lui ormai era altrove.
Si curò e riuscì a riprendere una vita normale, grazie anche al fatto che cambiò città e che si trovò subito un altro lavoro.
Ma adesso sembra esser ricaduta in qualcosa di analogo.
Qualche mese fa la società dove lavorava ha licenziato alcune persone, tra cui lei. Per alcuni mesi è andato tutto abbastanza bene, ma alla lunga, si è iniziata a logorare, ed alla fine ha avuto una sorta di crollo. Ed ha iniziato una cura farmacologica, seguita dallo stesso medico che già le segui tempo fa.
Ha assunto con costanza negli ultimi 4 anni il Tolep, compressa da 300 mg, 1 volta al giorno.
I sintomi attuali sono:
- Grande difficoltà alla concentrazione, a seguire ragionamenti ed ad ascoltare per più di pochi minuti un discorso che richiede attenzione.
- Grande difficoltà ad eseguire le semplici azioni domestiche e di tutti i giorni.
- Svogliatezza.
- Pensieri cupi, tristezza, crisi di pianto, insoddisfazione della propria vita. Autostima molto bassa. Nessuna prospettiva ottimista.
- Enorme stanchezza per il protrarsi della situazione, con limite di sopportazione ormai prossimo.
- Tutto il corpo rigido e pesante, soprattutto le gambe.
Questo messaggio l'ho scritto io, perché lei non riesce a scrivere, ha difficoltà a concentrarsi. Non può restare molto al telefono, perde il filo..

La cura farmacologica iniziata in questo periodo è la seguente:
- Anafranil, compressa da 10 mg, 2 al giorno, ore 8 ed ore 21:00. Cura iniziata tre settimane fa, da oggi.
- Lexotan, 15 gocce tre volte al giorno: colazione, pranzo e cena. Cura iniziata da una settimana, da oggi.

La mia amica non riesce più a sopportare la situazione, del tutto invalidante. Io mi chiedo, e vi chiedo ... è normale che dopo tre settimane i sintomi siano ancora così forti, spiccati, con nessun segnale di miglioramento? Non avremo già dovuto osservare un deciso miglioramento?
Avete qualche indicazione concreta sul da farsi?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 APR 2016

Gentile utente,
per gli effetti dei farmaci deve ovviamente rivolgersi al medico. Attualmente dovrebbe esserci uno stato depressivo, oltre all'ansia, considerati i farmaci e i sintomi.
Mi domando se la sua amica abbia mai seguito una terapia psicologica. In caso affermativo nel primo episodio di malessere, probabilmente la terapia non è stata sufficientemente profonda da incidere anche sui fattori predisponenti all'ansia o agli stati depressivi, ma è sempre bene associarla alla cura farmacologica
.
La terapia psicologica infatti rafforza le capacità dell'individuo di adattarsi all'ambiente, di muoversi efficacemente nella vita. Compensa fragilità e restituisce forza e benessere psicologico. Non necessariamente occorrono percorsi lunghi, le terapie brevi possono essere molto efficaci.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

726 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 DIC 2018

Carissima,
dopo tre settimane la cura farmacologica dovrebbe avere iniziato a dare più di qualche effetto. Può essere utile anche una psicoterapia da arrivare alle cause del problema.

Angelo Feggi

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

731 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88250

Risposte