Anoressia e omissione di soccorso

Inviata da Beatrice · 27 ott 2016 Anoressia

Buongiorno,
i primi di febbraio vi scrissi per capire come aiutare una mia amica anoressica a farsi aiutare. In tanti mi avete risposto e in tanti mi avete consigliato vari comportamenti da adottare. Non è stato facile e non sono più riuscita a starle vicino perché non volevo assistere al suo lento suicidio. Da poco ho saputo che ha deciso di farsi aiutare dopo un ricovero per valori di K pari a 1.9. Il 10 settembre è stata ricoverata in cardiologia e pesava 28 kg. Sono andata a trovarla in ospedale e potete immaginare quali possano essere le sue condizioni. Muove appena gli arti ed è cachettica.
Sono contenta che finalmente abbia intrapreso il percorso. Ma la domanda che vorrei rivolgervi è questa: se fosse morta i familiari potevano essere accusati di omissione di soccorso?
Ringrazio per l'attenzione
Cordialmente
Beatrice

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 OTT 2016

Gentile Beatrice,
mi fa piacere che la sua amica abbia intrapreso un percorso di cura.
La risposta alla sua domanda dipende dall'etá della sua amica: se è maggiorenne, cessa ogni responsabilitá genitoriale, perché una persona è considerata adulta e si rietiene che in quanto adulta debba/possa provvedere da sola a porre attenzione alla propria salute. Come adulta poi non puó essere obbligata a intraprendere un percorso di cura.
Auguro tutto il meglio a lei e alla sua amica.

Cordiali saluti.

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta, Sustinente (MN)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

725 Risposte

2223 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2016

Cara Beatrice le faccio i miei più cari auguri per la sua amica.
Lei ha tutta la mia stima in quanto si è così preoccupata per la salute di una persona che evidentemente non ha voluto farsi aiutare fino a questo momento. Purtroppo nella maggior parte dei casi di anoressia, gravi come questo, è molto comune la difficoltà da parte di familiari e persone care a trovare il modo di "convincere l'altra persona" che si sta facendo del male. Come ha già risposto la collega se la ragazza è maggiorenne è libera di scegliere della sua vita e i genitori non hanno alcuna responsabilità che possa coinvolgerli penalmente.
saluti
dott.ssa Denaro Francesca

Dott.ssa Francesca Denaro Psicologo a Prato

103 Risposte

141 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2016

Gentile Beatrice,
confermo quanto espresso dalle colleghe rispetto all'età. Qualora minorenne comunque non si tratterebbe di omissione di soccorso ma andrebbe fatta una segnalazione al tribunale dei minori per valutare le competenze genitoriali, che potrebbero subire delle limitazioni anche esclusive all'ambito sanitario.
Cari saluti
stefania

Dr.ssa Stefania Ferrari Psicologo a Monza

24 Risposte

101 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2016

Gentile Beatrice, la sua amica è maggiorenne? in tal caso le eventuali responsabilità dei familiari si ridimensionano poichè un adulto è responsabile in prima persona della sua salute e non può essere obbligato da nessuno a intraprendere i vari percorsi di cura.
Per i maggiorenni a volte viene attuato il tso (trattamento sanitario obbligatorio) richiesto dai medici nei casi di persone che vengono ritenute pericolose per se stessi e/o per altre persone.
Cordialmente
Dott.ssa Annalisa Caretti

Studio Dott.ssa Annalisa Caretti Psicologo a Verbania

127 Risposte

111 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Anoressia

Vedere più psicologi specializzati in Anoressia

Altre domande su Anoressia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27650

domande

Risposte 95350

Risposte