Ancora psicoterapia e psicoterapia di sostegno

Inviata da antonio. 1 ago 2012 · 8 Risposte · Orientamento professionale

Forse mi sono espresso male. mi è stata proposta psicoter. di sostegno da diversi psichiatri, in aggiunta ai farmaci. questo dura
da 25 anni. I vari terapeuti contattati nel tempo, sono stati di scarsissimo
aiuto, specie se non medici

Argomenti simili

8 Risposte

  • Miglior risposta

    Caro Antonio,
    non si era espresso male, il suo discorso era molto comprensibile. Tuttavia ritengo che sia opportuno richiedere questa delucidazione al professionista o ai professionisti che gli hanno proposto questo specifico intervento. Qualora lei decida di ricontattare un professionista che gli porrà questa distinzione, esponga i suoi dubbi, di modo che possano essere risolti. Tutto questo è fondamentale per l'instaurarsi di un'alleanza.
    CORDIALMENTE
    Dr. Elisabetta Bellagamba

    Pubblicato il 01 Agosto 2012

    Logo Dr.ssa Elisabetta Bellagamba
    Dr.ssa Elisabetta Bellagamba Castiglion Fiorentino

    65 Risposte

    42 voti positivi

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
    Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
    Finalità:
    a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
    b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
    c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
    d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
    e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
    Legittimità: Consenso dell’interessato.
    Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
    Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
    Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos
    • 13150 Psicologi a tua disposizione
    • 15100 Domande inviate
    • 66300 Risposte date
    • gli psichiatri solitamente quando inviano allo psicoterapeuta o allo psicologo utilizzano il "sostegno" intendendo la terapia psicologica come sostegno a quella farmacologica che per loro è la terapia principale. Per quanto riguarda l'inefficacia della terapia psicologica (per terapeuta intendi ciò?) che tu nel corso di questi 25 anni di cura hai rilevato probabilmente dipende anche dalla scarsa motivazione che hai avuto verso questo tipo di cura essendoti molto concentrata e dedicata alla cura medica oltre che dalla fortuna di trovare un buon terapeuta!
      In generale la cura psicologica e la cura medica se fatte insieme e in collaborazione tra i professionisti ( psichiatri e psicologi-psicoterapeuti) dovrebbe dare buoni risultati, perciò informati bene sul curriculum del professionista a cui ti rivolgi.

      Pubblicato il 11 Marzo 2013

      Logo Dott.ssa Floriana De Michele

      1 Risposta

    • Gent.le Antonio
      Quando la Terapia comprende sia la cura farmacologica sia le sedute di psicoterapia si definisce a
      "doppio binario" significando che il sintomo viene trattato su due piani diversi (fisico e psichico) che però corrono parallelamente.
      Quando si parla di Terapia di Sostegno in genere si intende dire che L' Io del paziente viene rafforzato (soprattutto a livello della motivazione alla cura) dalla presenza e cooperazione col terapeuta.
      Se, nella terapia, non si riesce a creare una valida "Alleanza Terapeutica" il percorso da potenzialmente utile, può divenire infruttuoso.
      Lei parla di un tempo molto lungho di cura...credo non si sia stabilita una valida Alleanza coi suoi terapeuti... ( mi piacerebbe sapere quanti ne ha incontrati) e un'altra curiosità interessante: in che cosa ritiene non siano riusciti a capirla?
      Secondo me lei stesso, a questo punto, deve far emergere da sè una forte motivazione a collaborare con un nuovo terapeuta su cui sente di poter "investire" ancora e saldamente fino alla guarigione.
      Augurissimi!!!
      Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologa-Psicoterapeuta

      Pubblicato il 02 Agosto 2012

      Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci

      3085 Risposte

      5923 voti positivi

    • Caro Antonio
      Spesso il ricorso alla farmacologia non è sufficiente e per poter raggiungere uno stato di benessere può essere necessario un percorso di psicoterapia per poter individuare i pensieri disfunzionali che la fanno star male e quindi poterli modificare. Recenti studi scientifici hanno dimostrato l'efficacia della psicoterapia per molti disturbi clinici e soprattutto per la prevenzione delle ricadute.
      Distinti saluti Rossella Boretti

      Pubblicato il 02 Agosto 2012

      Logo Dott.ssa Rossella Boretti

      111 Risposte

      86 voti positivi

    • La sua situazione mi sembra sia un po' in stallo...perchè non provare qualcosa di diverso?
      Provare ad invertire le sue stesse parole: i farmaci come sostegno ad una valida psicoterapia?
      Un caro saluto,
      dott.ssa Giovanna Ferro – psicologa psicoterapeuta – Savona

      Pubblicato il 02 Agosto 2012

      Logo Dott.ssa Giovanna Ferro

      78 Risposte

      31 voti positivi

    • Antonio buona sera, una psicoterapia è basata sulla relazione, sulla fiducia e sulla volontà di guarigione. Lei non sembra partire proprio con il piede giusto, nessun terapeuta sembra essere stato in grado di esserle di aiuto. ci pensi, forse è lei a non crederci molto, o forse non è disposto a farsi aiutare?!o forse ... non esistono terapeuti così bravi da farlo?! I miei migliori auguri.

      Pubblicato il 01 Agosto 2012

      Logo Dott.ssa Cecilia Cimetti

      131 Risposte

      134 voti positivi

    • Concordo con i suoi medici, spesso il farmaco non è sufficiente. E' molto utile per alleviare i sintomi, ma non risolve il problema alla radice. Mi auguro che lei abbia più fortuna, poichè, ahimè, anche di questo si tratta! Un grande in bocca al lupo. Giuliana dott.ssa Palumbo

      Pubblicato il 01 Agosto 2012

      Logo Psiche In AscolTo

      8 Risposte

      9 voti positivi

    • Gentile Antonio,
      è un'altra cosa. Spesso ad un trattamento farmacologico viene consigliato l'affiancamento di una psicoterapia. Il farmaco allevia il sintomo e spesso il sintomo dipende da cause di natura emotiva e affettiva che vanno affrontate attraverso l'ausilio di un terapeuta.

      Pubblicato il 01 Agosto 2012

      Logo Dott.ssa Roberta De Bellis

      218 Risposte

      116 voti positivi

    Domande simili: Vedi tutte le domande