Amore non corrisposto dopo un anno di relazione

Inviata da Mariano · 21 giu 2020 Terapia di coppia

Gentilissimi dottori,
sono un ragazzo di 25 anni. Cinque mesi fa sono stato lasciato dalla ragazza di cui ero (e sono ancora) innamorato, dopo una relazione di un anno e mezzo. La nostra è stata una storia particolarmente appagante per me, con lei ero davvero felice; eravamo sempre in sintonia caratterialmente, poche liti, sempre in grado di sostenerci, profonda stima reciproca, maturità da parte di entrambi, oltre che una forte chimica e intesa sessuale. Mai gelosie, mai rancori. Solo energia positiva. Insomma, la relazione che tutti vorrebbero.

Tuttavia, sebbene lei stesse benissimo con me, dal punto di vista sentimentale c'erano delle carenze, poiché non mi diceva mai di essere innamorata. In un anno e mezzo non mi ha mai detto Ti amo. Mi diceva che ci teneva tantissimo, che mi stimava, che sperava che prima o poi quel sentimento forte sarebbe scoppiato col tempo (sentimento che per esempio aveva provato in passato verso il suo ex, ma con il quale poi era finita male). Anche io avevo paura a dirle di esserne innamorato per paura di sentirmi dire che non ricambiava. Ebbene, questa evoluzione sentimentale da parte sua non c'è più stata. Le piacevo ma non era innamorata davvero. O per lo meno, a detta sua, non c'era stato quel "fuoco" che aveva provato in passato. Dopo un periodo in cui la sentivo più fredda del solito, mi confessa che non vuole che io abbia una relazione a metà, che sente che sentimentalmente qualcosa non funziona, che mi rispetta e che non era più il caso per lei di andare avanti. So per certo che non c'è nessun altro ragazzo di mezzo. Da allora, dopo pochissimi messaggi di circostanza, non ci siamo più sentiti, per orgoglio non l'ho più cercata.

È stato un durissimo colpo per me, un'esperienza traumatica. Mi sono sentito (e mi sento) rifiutato nel profondo, sento di aver perso l'amore della mia vita, dopo la rottura ho iniziato a idealizzarla e a pensare che non troverò mai più una persona così (fisicamente e intellettualmente) e una relazione così appagante. Mi chiedo continuamente quali fattori possano aver determinato il suo non-innamorarsi di me. La mia autostima ne ha risentito moltissimo. Probabilmente non riesco ancora ad accettare l'abbandono, la sogno ogni notte, sogno che mi scrive e torna indietro da me dicendomi che le manco (com'è possibile che dopo il bellissimo tempo speso insieme, io non le manchi?). Ho cercato di distrarmi, di pensare alla mia vita ma sento un vuoto dentro e un'amarezza che ad oggi stanno limitando il mio benessere (sono dimagrito molto e ho sviluppato una forma di gastrite nervosa, ancora irrisolta), ho perso la fiducia nelle relazioni, oltre a non riuscire a guardare più nessuna ragazza perché sento di "appartenere" ancora a lei. Non riesco a lasciarla andare, mi aggrappo alla felicità provata quando ero con lei.
Consigli?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 AGO 2020

Gentile Mariano,
probabilmente lei ha davvero idealizzato questa relazione che le sarà sembrata più positiva di quella che in realtà era dal momento che questa ragazza, non innamorata di lei, è andata via dicendole che che lo faceva perchè la rispettava e non voleva che lei avesse una relazione a metà!...
Ora , all'orgoglio di non cercarla più lei dovrebbe aggiungere la volontà di migliorare il suo basso livello di autostima (cosa di cui è consapevole) mediante un percorso di psicoterapia di durata adeguata.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7521 Risposte

21047 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 GIU 2020

Caro Mariano, Lei ha esplicitato molto bene il problema: si sta mantenendo su una vuota possibilità, ovvero, su un progetto che non è più possibile (relazione con questa ragazza). Questo le impedisce di riprogettarsi, di guardare altrove, di riprendere in mano la Sua vita: è come se fosse su un binario che non porta da nessuna parte, ma sentisse di non poter cambiarlo. Lei cerca un senso (si chiede "come sia possibile che Lei non le manchi" o che non si fosse innamorata), ma l'unico che riesce a trovare è fallimento e colpa. Questo diminuisce ulteriormente le risorse per riprogettarsi (resterà da solo, ecc...). Il consiglio migliore che si può darLe è iniziare un percorso psicoterapeutico perchè è il mezzo elettivo per riaprire possibilità d'azione differenti nel futuro attraverso un nuovo senso alla storia. Con il terapeuta aprirebbe i contesti di nascita, sviluppo e fine della relazione per fare emergere significati che non Le si appalesano in questo momento. Questo consentirebbe, inoltre, di comprendere quale scopo ha, a livello identitario, il mantenimento di sè su una traiettoria ad oggi irrealizzabile. Chieda un colloquio, esamini il problema con il terapeuta e insieme decidete un progetto di miglioramento e di benessere. Sarà in grado di riposizionarsi, "cambiando binario", con sedute mirate e compiti a casa, essendo parte attiva del Suo stesso cambiamento. A disposizione, cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1022 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101250

Risposte