Aiuto, soffro di Doc?

Inviata da BS · 29 gen 2016 Disturbo ossessivo compulsivo

Buongiorno a tutti.
Vorrei un aiuto perchè non so precisamente cosa mi stia succedendo.

Diciamo che ho sempre avuto delle "abitudini" bizzarre, alle quali non ho mai fatto caso (ad esempio leggevo le parole e poi le rileggevo al contrario, mi lavavo i capelli utilizzando 3 volte lo shampoo se no mi sentivo in ansia, controllavo le cose varie volte ecc.). Successivamente ad un brutto episodio che ho vissuto mi sono venute delle vere e proprie crisi, etc). Poi, cercando su internet ho scoperto il disturbo ossessivo compulsivo e dopo essermi informata ed essermi riconosciuta nei sintomi mi ero un po' diciamo tranquillizzata. Successivamente a questa crisi esistenziale ho avuto pensieri ossessivi omosessuali (cercavo di guardare le ragazze per vedere cosa provavo, facevo test su internet) e pensieri suicidi sempre ossessivi (continuavo a dirmi "e se volessi suicidarmi?") Che sono durati un po' e poi sono spariti. Adesso sono tornati mettendomi ancora di più in crisi ma hanno cambiato forma: ora sono incentrati sul mio ragazzo. Penso a volte di non amarlo più, lo guardo e lo vedo brutto, cerco di provare qualcosa ma non provo quasi mai nulla. Non so più se lo amo perchè a furia di sentire questi pensieri mi viene da crederci. A volte guardo gli altri ragazzi per vedere se mi potrebbe piacere qualcun'altro, ho paura di innamorarmi di un altro ragazzo e tutti questi pensieri mi fanno venire un'ansia tremenda. Ci penso tutto il giorno quasi, sono pochi i momenti in cui riesco a non pensarci. Non riesco nemmeno più a pensare al mio ragazzo perchè ho pensieri negativi per la maggior parte della giornata e anche tutto questo mi prova ansia.

Secondo voi può trattarsi davvero di doc? Premetto che sono stata in cura da una psicologa, dalla quale ho fatto circa 6 sedute ma che ha tentato di aiutarmi solo per gli attacchi d'ansia dato che tutto il resto mi è subentrato dopo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 GEN 2016

Gentile utente,
i sintomi che lei ha descritto sono invalidanti e possono rientrare nel disturbo ossessivo-compulsivo.
Tuttavia, oltre ad una corretta diagnosi che deve essere fatta non da lei ma dallo specialista a cui si rivolgerà, è importante iniziare un trattamento psicoterapeutico che in fase iniziale potrebbe essere abbinato a terapia farmacologica.
Si rivolga perciò con fiducia ad uno psicoterapeuta della sua zona di residenza che può selezionare dall'elenco degli specialisti registrati su questo sito di psicologia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico,, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 FEB 2016

Buongiorno,
Alcuni vissuti che ha descritto sembrano effettivamente corrispondere allo schema ossessivo, che di solito di manifesta seguendo questo ordine: pensiero intrusivo (sono omosessuale? Amo il mio ragazzo? Voglio suicidarmi, Etc), significato ("non dovrei pensare queste cose" o pensieri simili), emozione/sensazione (ansia,agitazione), neutralizzazione (test su internet, controllo delle proprie sensazioni vicino alle ragazze, controllo dei propri sentimenti verso il proprio fidanzato. Etc). Se si ritrova in questa modalità di funzionamento è possibile che soffra di DOC. In tal caso le consiglio di intraprendere una terapia che la possa aiutare a disinnescare i meccanismi disfunzionali che mantengono o rafforzano il disturbo.
Cordiali saluti,

Dott. Marzio Marino

Dott.Marzio Marino Psicologo a Bergamo

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 FEB 2016

Gentile BS
Non sono riuscito a ben comprendere se il disturbo ossessivo sia stato diagnosticato da uno psicologo.Se ciò non fosse le sue potrebbero essere delle semplici manie alle quali alla fine pensa di crederci perché un mpò ipocondriaco.IO non credo ad un comportamento di taglio psichiatrico.
Dr Luciano Di Rienzo

Luciano Di Rienzo Psicologo a Avellino

81 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2016

Gentile BS,
Aldilà delle etichette e dei nomi che possono definire il suo problema che che la cosa più rilevante per lei é prendersi cura del disagio che sta vivendo. Le manifestazioni di ansia che stanno caratterizzando la sua vita in questo momento hanno sicuramente un significato più profondo ed esprimono il modo in cui lei si relaziona nei confronti di se stessa e degli altri. Ritengo quindi che sia molto importante per lei rivolgersi ad un professionista psicoterapeuta affinché, con costanza e regolarità nelle sedute settimanali, possa aiutarla a capire, gestire e risolvere il problema. In occasione della prossima terapia che intraprenderà le consiglio inoltre di raccontare tutto il suo trascorso e come questo suo sentirsi in ansia si sia manifestato in forme diverse in questo periodo.
Cordialmente.
Dott.ssa Anna Gallucci

Dott.ssa Anna Gallucci, Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Vicenza

126 Risposte

74 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GEN 2016

Gentile BS,

sembra da quanto scrive che il controllo e il pensiero siano protagonisti nelle sue giornate.
Mi permetto di ricordarle che i pensieri non sono fatti.
Questo significa che non tutto quello che accade nella nostra testa poi si verifica puntualmente.
Questo lo possiamo verificare nella nostra esperienza: non tutto quello che pensiamo succede e non tutto quello che succede lo abbiamo necessariamente pensato prima.

Ritengo che una valutazione psicodiagnostica e un percorso psicoterapeutico possano aiutarla a comprendere meglio il suo disagio e ad intervenire in maniera adeguata.
Saluti.
Dott.ssa Bellardi Chiara, Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Chiara Bellardi Psicologo a Modena

7 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GEN 2016

Dunque le abitudini di cui parli sembrano essere sintomi veri e propri.
Non è in line che si può fare una diagnosi per cui ti consiglio di consultare un professionista , magari l'ultimo da cui sei andata e riprendere le fila del trattamento .
Un saluto
Dott. Giacomo Sella

Dott. Giacomo Sella Psicologo a Roma

59 Risposte

72 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GEN 2016

Cara Bs,

non è possibile fare una diagnosi online, pertanto le suggerisco di rivolgersi ad uno psicoterapeuta, solo in un contesto idoneo è possibile approfondire in che maniera si manifestano i sintomi e il loro significato nella sua vita.
Le auguro di poter incontrare un buon professionista e raggiungere un maggior equilibrio.
un caro saluto
dott.ssa Monica Salvadore

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

849 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GEN 2016

Cara BS,
il malessere che lei riporta mi sembra degno di nota e di particolare attenzione che non va sottovalutato.
Non essendo questa la sede adeguata per occuparsene, le suggerisco vivamente di rivolgersi ad uno specialista in psicoterapia, il quale eventualmente potrà indirizzarla anche verso un supporto di tipo farmacologico da affiancare al percorso psicoterapico, soprattutto in una fase iniziale.
Posso dirle che la soluzione c'è e prima interviene e prima si riprenderà il diritto di stare bene. Se lo merita.
I miei migliori auguri.
Dott.ssa Saladino Luisa
Psicologa Psicoterapeuta Monza/Milano

Dott.ssa Saladino Luisa Psicologo a Monza

23 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GEN 2016

Cara Bs
da quanto raccont,ie considerato che è da tempo che tu nutri queste "abitudini bizzarre" da quanto tu dici, la mia indicazione è che devi contattare uno psicoterapeuta perché il tutto ci indica una situazione conplessa e seria che necessita di un trattamento psicoterapico e, forse, anche farmacologico.
Quindi cara affronta questa situazione in modo serio e non sminuire i sintomi perché non sono "abitudini" ma appunto sintomi importanti.
La qualità della tua vita deve essere migliorata e tu devi arrivare a poter vivere con molto maggior equilibrio e serenità.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7044 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88400

Risposte