Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

aiuto per un fratello dipendente dalla droga

Inviata da Sorella · 10 ott 2013 Tossicodipendenza

Mio fratello ha iniziato all'età di 17 anni a far uso di cocaina. dapprima saltuariamente, nel weekend con gli amici. all'età di 28 anni ha avuto due bambini dalla sua attuale compagna. lui ha sempre affermato di aver smesso, ma poco tempo dopo la nascita abbiamo scoperto che continuava a farne uso. dopo averne parlato con lei e con mia madre (mio padre non sa nulla), ha promesso a tutti di smettere, e come prova sarebbe andato a farsi l'esame delle urine ogni tot di mesi. purtroppo poco tempo fa ho scoperto ancora mio fratello. Io non ce la faccio più, mia mamma che cerca di non vedere quello che sta succedendo, non solo per i soldi che toglie di bocca ai miei nipoti e alla mia famiglia, ma anche perché se la sua compagna dovesse scoprirlo ancora porterebbe via i bambini a tutti noi, e questo non posso sopportarlo. ho bisogno di un aiuto!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 OTT 2013

Buongiorno gentile Signora,
le suggerisco di rivolgersi al SERT della sua ASL di appartenenza e richiedere un colloquio dove spiegherà la situazione. Lì dovrebbero spiegarle come coinvolgere suo fratello nell'intraprendere la cura adeguata che dovrà svolgere proprio al SERT (servizio terrirotiale per le tossicodipendenze).
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2818 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2013

salve sorella,
trattandosi di un caso di tossicodipendenza sarebbe opportuno che suo fratello iniziasse quanto prima un serio e strutturato percorso di riabilitazione. Dalla droga non si esce da soli, né basta il solo aiuto e amore dei famigliari. Inoltre io vi consiglierei di mettere le carte in tavola, nel vero senso della parola, dichiarare apertamente a tutta la famiglia (padre e moglie inclusi) che c'è un problema e da lì ricominciare tutto da capo. In bocca al lupo per tutto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

160 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 OTT 2013

Gentile Signora,
la migliore soluzione è rivolgersi ad un Sert della sua zona per sottoporre ad operatori esperti del settore la situazione delicata che la sua famiglia vive e per capire come poter agganciare al servizio suo fratello.
Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

468 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2013

Gentile Sorella,
quanto qui presenta comporta delicatezza e gravità tale da riferire quanto le capita ad un terapeuta reale, non virtuale. Solo lui con la sua esperienza in dipendenze patologiche e competenza clinica potrà assime a lei organizzare al meglio i rapporti comlessi tra fratello e familiari e proporle nel contempo mirati interventi cognitivi, comportamentali ed emozionali riabilitativi
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a Udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1567 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2013

Genti.ma Signora
da quanto racconta mi sembra di capire che suo fratello, nonostante le promesse di smettere di assumere cocaina, alla fine continua a ricaderci. Probabilmente le difficoltà che incontra, tipiche della situazione di "dipendenza" fisica e psichica che sta vivendo, gli impediscono di tener fede alla sue promesse, non perché non voglia, ma forse perchè è molto difficile per lui riuscire a farcela da solo, senza aiuto.
Le consiglio di rivolgersi al Servizio che si occupa di dipendenze della sua ASL, così da trovare l'aiuto che in questo momento sta cercando e che potranno sostenerla anche rispetto al comportamento da tenere nei confronti di suo fratello.
Cordialmente
Dott.ssa Elisabetta Cerruti Sola

Dott.ssa Elisabetta Cerruti Sola Psicologo a Biella

29 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2013

Di quale aiuto avresti bisogno?

Dott.ssa Carla Costanzo Psicologo a Bari

4 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2013

Gentile Utente,
suo fratello dovrebbe rivolgersi al Ser.T. (servizio per le tossicodipendenze) della sua AUSL di appartenenza e iniziare un trattamento, ovviamente dopo aver fatto una consulenza specifica e approfondita.
La dipendenza da sostanze fa trattata con un approccio integrato: supporto psicologico individuale, gruppi di terapia ed eventualmente trattamento psichiatrico (cura psicofarmacologica).
Non è semplice far comprendere a queste persone quanto possa essere importante rivolgersi ad un professionista o ad un servizio territoriale, molto spesso tendono a negare il fatto di essere dipendenti oppure a minimizzare la cosa con pseudo-giustificazioni.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

737 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Tossicodipendenza

Vedere più psicologi specializzati in Tossicodipendenza

Altre domande su Tossicodipendenza

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22500

domande

Risposte 83650

Risposte